10 ottimi motivi per esplorare Holargos

di Iros Kounadis

All’inizio era una “spiaggia” attorno a una stazione della metropolitana, con bar che allungavano i loro tavoli sulla costa mediterranea elevata – da qui la carezzevole “spiaggia”. Poi, mentre le persone si accalcano e si disperdono nei vicoli circostanti, graziosi caffè, bar allegri e interessanti indirizzi di cibo iniziano a crescere quel battito di vita ogni ora del giorno e della notte. Che ne dite, andiamo a fare un’altra passeggiata a Holargo?

Abbiamo iniziato con il pranzo…

Per Trichart Bistrot nascosto (Pythagoras 6 e Chios) che hanno interni super accoglienti, ma anche bei cortili riscaldati da stufe. Qui probabilmente assaggerai le migliori uova alla Benedict di Atene (€ 8) ma anche una piccola meraviglia chiamata Okonomiyaki pancake (€ 8,50) che è un pancake con pancetta, cheddar, uovo fritto, cavolo cinese, maionese piccante e salsa okonomiyaki. Avocado Toast (€ 6,50) è stato fantastico e ogni Snickers Pancake (€ 8) è stato preso dal paradiso ogni dolce con burro di arachidi, caramello al latte, noci e ganache al cioccolato caldo.

Dolce diciamo, e ricordiamo…

Quella Ciocco O’Roc (Voutsina 105) è un piccolo ma magico laboratorio di pasticceria, che realizza dolci sorprendenti con ingredienti di piccoli produttori di tutta la Grecia. Si tratta di un’attività prettamente al femminile, rinomata anche oltre i confini del suo quartiere per le sue ottime banoffee, cheesecake, tartufi e torte.

E cos’altro dovremmo mangiare?

Senza esagerare, i migliori hamburger di Atene – come probabilmente avrai sentito, anche se abiti a miglia di distanza. Quella Grigliata succosa (Pericle 37) che circa un anno fa si è trasferito in un posto nuovo, più bello e più grande in modo da ridurre un po’ le code all’ingresso, servendo capolavori di hamburger come Sweet Gordita con raclette, bacon, avocado, uovo fritto, patata dolce chips e maionese al peperoncino dolce (14€) o Miss Lilly piccante con bacon, cheddar, mozzarella, pomodoro e salsa sriracha (10€). Il tutto accompagnato da una montagna di patate.

Anche la fantastica pizza italiana autentica con pasta sottile cotta nel forno a legna ha piatti italiani Pizzaio (Aspasias 63) – pur presentandolo in uno spazio molto suggestivo, piccolo e senza riserve, un’opera che si interpreta il venerdì e il sabato bisogna armarsi di un po’ più di pazienza. Ma ne varrà la pena, non solo per la pizza (a partire da 9€), ma anche per il fantastico risotto ai funghi porcini (10€) e autentica carbonara con tuorlo d’uovo (9€) e per finire un delizioso tiramisù (5 €).

Se sei di nuovo un amante del sushi, ci andrai hokyo (Phaneromenis 8) per la California, ottimo con tobiko all’arancia, surimi di granchio e avocado e tonno piccante con tonno, cetriolo e sesamo nero. I loro prezzi variano dai più squisiti € 6,50 per 8 pezzi, mentre oltre al sushi qui troverai anche fantastici noodles (il nostro preferito, Mie Udang ha gamberi, curcuma e finocchio e costa € 6,70). Tutto viene servito su una terrazza in legno minimalista che fa risaltare l’atmosfera giapponese che lo circonda.

E dal Giappone siamo andati in Messinia, nel gusto e nell’aroma che ci hanno portato Tama Mezè (Mesogeion 242) che dispone anche di tavole sulla famosa “spiaggia” mediterranea, e ha un cortile coperto fintanto che fa freddo. Puoi vedere il menu in dettaglio quima per farci un’idea, ci è piaciuto lo stuzzicante pilaf nuziale con crema di manouri e fragole sott’aceto (7 €) il croissant moussaka con melanzane e groviera (7,80 €), la pasta di cottage sott’olio con maiale, peperoni, mantra e kefalograviera ( 12 €) e ovviamente il vero maiale con la pelle croccante che viene arrostito per ben 9 ore (11,50 €).

Dove lo berremo?

Al più fresco arrivo in zona, chiamato Cornell (Aetideon 18) ha l’ampio cortile perfetto che scalda sui fornelli e fa ottimi cocktail come la Sensa of Last Word al gin, liquore di mela verde, bagan, radice di ginepro e tonic (8 €) o la Pina Margarita con aroma di tequila con coriandolo fresco, olive zuccherate all’ananas, arancia dolce e agave (9 €). Se hai fame, c’è una bella piadina, che sembra pizza e si sposa bene con prosciutto e olio al tartufo.

Un classico di tutti i tempi e sempre uno dei preferiti Contrabbandare (Phaneromenis 8) che sparpaglia i suoi tavoli nell’atrio di un centro commerciale old school, alza la musica al calar della notte e prepara fantastici cocktail come Hump de bump con rum, frutto della passione, vaniglia, menta e ginger ale (9 €) o il lato sud Bootleg con gin Beefeater, menta e citronella affumicata (8 €). Lo troverai aperto la mattina per un ottimo caffè e pranzo.

In Johnny Depp (Mesogeion 234) che è in assoluto il bar più centrale della zona (se non a Holargos, potrebbe essere a Exarchia, o a Metaxourgeio) ha un cortile artigianale, suona musicisti e serve caffè e caffè tutto il giorno (a partire da 8€) a deliziose rakomela e varietà.

In fare una passeggiata (Voutsina 61), che è molto dolce e artistica, ci ha servito drink super economici (a € 6) e birre di microbirrifici greci (a partire da € 3), spesso ha avuto spettacoli dal vivo e ha portato tavoli all’aperto per poter passeggiare per la piazza di fronte a lui. Fa anche ottimi cocktail, come il Seduction con succo di rum, rosa, lime e mirtillo rosso (7 €) o il Passion Icon con brandy di albicocche, vodka, frutto della passione, zenzero, succo di mela e menta (7 €).

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.