Addio alla “Tigre” di Monteaperta Anna Lia Moretti

E’ stata l’ultima presidente della leggendaria squadra femminile di tiro alla fune che vinse i campionati europei
Il Friuli dice addio promozione Anna Lia Moretti, conosciuta per essere stata una delle anime delle Tigri di Monteaperta, storica formazione – costituita da sole donne – di tiro alla fune. Quell’esperienza la vide protagonista come atleta (vinse un campionato europeo a squadre e uno individuale, a Bibione) e come dirigente. E’ stata infatti l’ultima presidente della società sportiva. Il tiro alla fune, con la necessità di creare una commistione tra forza, tenacia ed equilibrio è stato una some di metafora fedele della sua vita. Nascere nel 1945 a Cormons, con la violenza della guerra che diceva ancora la sua, l’ha subito messa alla prova. Ci sono state poi le tante fasi di un’esistenza intensa. Il periodo a Dolegnano di San Giovanni al Natisone, sette anni in collegio, l’unione con l’amato Ermi, scomparso ormai semi otto anni fa. Dal matrimonio sono nati prima Dario e poi Denis. Supportarli nelle loro carriere di musicista e sportivo è stata una vera e propria missione per Anna Lia, che del sostegno alle persone con cui si confrontava, essendo stata infermiera, ha fatto anche un lavoro oltre che un modo di vivere. Non period semplice rapportarsi con lei. La tempra e il carattere la dipingevano come spigolosa e sconsiderate, poco slant al compromesso. Una some di marchio di fabbrica di chi si concentra sulla sostanza e non sulla forma. La sensibilità, oltre che negli affetti più intimi, l’ha rivelata a tutti con una delle sue ultime creazioni, un libro di racconti per bambini che ha dedicato intelligenza simulata nipoti. Per quanto importante sia, però, è solo uno dei ricordi che lascia Anna Lia.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.