Alexandroupolis: Transito delle forze militari italiane dal porto

Altri paesi della NATO usano i loro porti Alessandropoli a scaricare e caricare militari e altri materiali delle sue forze armate che partecipano all’Alleanza Atlantica.

trasmissione italiana

Ieri mercoledì è arrivato nel porto di Alessandropoli il vettore italiano “SEVERINE” (foto, sopra, da evros-news.gr), che inizialmente scaricherà e poi caricherà materiali delle forze armate L’Italia, come riportato da evros-news.gr.

Vedi anche – Piano americano per la “Souda del Nord”

Questa nave ha una lunghezza totale di 152 metri e una larghezza di 22 metri ed è in grado di trasportare un carico di 16.342 tonnellate.

Infatti, per questa attività, così come per altre attività in corso, oltre al carico sostenibile di grano che è l’attività commerciale per eccellenza, si è svolto ieri presso la struttura dell’Autorità Portuale di Alexandroupolis (OLA) un incontro informativo con tutti i servizi coinvolti e le Forze di Sicurezza.

“Un altro alleato”

“Gestiremo contemporaneamente tre operazioni logistiche militari indipendenti, con l’aggiunta delle forze armate italiane.

“Altri alleati della NATO hanno scelto il porto di trasporto militare speciale di Alexandroupolis”, ha affermato il presidente dell’OLA Kostas Hatzimichael.

Interesse strategico

Di grande importanza strategica per gli interessi occidentali fu il porto di Alessandropoli, ha scritto la rivista Economist qualche giorno fa.

La geografia del porto lo rende attraente per i pianificatori logistici della NATO. Le navi americane vi attraccarono. Ha anche buone autostrade e ferrovie a nord attraverso il lato est dell’alleanza.

In particolare, fornisce l’accesso all’Ucraina attraverso la Bulgaria e la Romania. Usandolo come scalo, passa attraverso il Mar Nero, dove la Russia ha truppe, e il Bosforo, un punto strettamente controllato dai membri della Nato ma che la Turchia è “volubile”.

E centro energetico

L’America sta utilizzando il porto per il dispiegamento e potrebbe alla fine diventare un hub energetico, con piani per due terminali galleggianti di gas naturale liquefatto a pochi chilometri dalla costa. Ciò aiuterà i paesi della regione a ridurre la loro dipendenza dal gas russo.

Fonte: ingr

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.