Attacchi ai mafiosi in Baviera, Italia e Bulgaria: undici arresti

Milioni di persone sospettate di evasione fiscale: gli investigatori hanno perquisito dozzine di edifici in tre paesi per organizzare un colpo di stato contro la mafia – solo in Germania sono stati colpiti 17 oggetti.

Undici persone sono state arrestate in un raid contro la mafia di cui erano responsabili gli investigatori bavaresi. I mandati di arresto sono stati eseguiti in Baviera, Italia e Bulgaria, ha detto mercoledì a Ingolstadt il quartier generale della polizia nell’Alta Baviera settentrionale. L’imputato, che si dice fosse un membro dell’organizzazione mafiosa italiana ‘Ndrangheta, avrebbe causato una perdita fiscale di almeno 13 milioni di euro attraverso il carosello delle imposte sulle vendite.

Secondo le informazioni, la polizia criminale con il compito principale della questura nell’Alta Baviera Nord insieme al dipartimento investigativo fiscale di Augusta guidato dalla procura europea stanno indagando su sospetti attivi a livello internazionale da più di un anno. Si dice che abbiano creato una rete criminale e l’abbiano utilizzata per vendere ripetutamente veicoli in diversi paesi dell’UE e che abbiano pagato l’imposta sulle vendite.

Durante il raid, gli investigatori hanno perquisito 28 proprietà in Italia, 17 proprietà in Baviera e una proprietà in Bulgaria. Nella sola Baviera sono stati dispiegati più di 80 agenti di polizia e investigatori fiscali, compresi membri di una task force speciale. Quattro mandati d’arresto sono stati eseguiti in Baviera, sei in Italia e uno in Bulgaria.

prove confiscate

Gli agenti di polizia hanno confiscato molte prove, compresi alcuni veicoli di altissima qualità. I principali sospetti che sono stati ora arrestati dovrebbero essere portati davanti a un giudice “immediatamente”, ha detto la polizia. Saranno accusati di formare organizzazioni criminali e frodi varie.

La Procura europea Eppo, attiva dal 2017, è specializzata in frodi sull’IVA che costa agli Stati membri dell’UE e diventa attiva da importi fraudolenti di oltre dieci milioni di euro. Il procuratore capo Marcus Paintinger, il pubblico ministero che Eppo ha delegato all’ufficio di Monaco, ha affermato che senza Eppo “i preparativi per questa operazione avrebbero richiesto mesi – ora è solo questione di settimane”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.