Avviso di regressione Flick: accendere contro l’Italia – politica

Commemorazione dei Mondiali? Hansi Flick non voleva andare così lontano. Al Ct della nazionale non è piaciuto il pareggio in Ungheria. Nel quarto turno dell’estate della Nations League le cose dovettero cambiare di nuovo.

Hansi Flick non ha vacillato. Deve lavorare. Dopo un chiaro avvertimento di regressione, in una soleggiata domenica di Budapest, il tecnico della nazionale ha chiesto allenamento, recupero attivo e, soprattutto, tante analisi critiche.

Alla fine della sua prima stagione come capo allenatore della DFB, Flick, il vincitore di tutti i tempi, rischia di diventare un Hansi senza vittorie. Lo slancio si è finalmente ribaltato con un pareggio per 1-1 in Ungheria, il quarto pareggio consecutivo. A peggiorare le cose, un grande gol in Coppa del Mondo sembrava un sogno irrealizzabile cinque mesi prima dell’inizio del torneo in Qatar.

Contro l’Italia martedì (20:45 / ZDF) a Mönchengladbach, si parla dell’umore generale della nazionale di calcio. Dolce Vita in vacanza estiva o dubbio e scetticismo? Non a caso Manuel Neuer vuole “accendere il razzo” in un secondo duello di Nations League con i campioni d’Europa tra dieci giorni.

Solo New World Class

Solo il capitano e il portiere attualmente sono all’altezza della pretesa di classe mondiale della Germania. In una serata di squadra in un ristorante a Budapest, Neuer deve giurare ai suoi colleghi sul suo prossimo incarico.

“In termini di risultati e del modo in cui ci siamo avvicinati al gioco, per noi è stato un passo indietro”, ha detto Flick. esplosione! Le sue parole erano chiare, ma anche precise. Più inquietante del risultato è lo stile di gioco debole di DFB-Elf contro avversari di calcio di fascia media che si limita a correre e combattere.

Leggi anche

squadra nazionale

Valigie “Moped” Sané, Werner, Gnabry per officina

“Abbiamo costruito senza convinzione, siamo stati troppo lenti nella costruzione del gioco. Abbiamo reso relativamente facile la compattazione degli avversari”, ha criticato Flick senza sosta. Ma perché? È proprio la fatica di cui molti si lamentano a fine stagione a togliere la leggerezza a grandi giocatori come Joshua Kimmich, Leon Goretzka o Kai Havertz? O c’è ancora una fondamentale mancanza di classe e coerenza? Flick non vuole impegnarsi pubblicamente.

Bierhoff si calmò

In questo famigerato gioco tra poliziotti buoni e cattivi, i ruoli tra Flick e il regista di DFB Oliver Bierhoff sono chiaramente divisi. Flick ha avvertito e preteso, Bierhoff ha rassicurato. “Alla fine vedo tutto in una luce positiva. Non abbiamo ancora perso. Avevamo programmato di fare di più, ma ovviamente dobbiamo fare il prossimo passo contro l’Italia in casa”, ha detto un po’ pacato Bierhoff.

Già una minaccia per la Coppa del Mondo? Non! ha detto Bierhoff. “Indipendentemente dal risultato, ovviamente sappiamo che abbiamo ancora tempo per lavorare di nuovo a settembre e quindi la pressione giusta – non importa come andiamo lì – aumenterà in Qatar”, ha affermato il direttore della DFB.

Flick ha trovato punti negativi in ​​tutte le parti della squadra a parte il sacro Neuer. “Di solito se un portiere è straordinario, allora qualcosa non va nel suo gioco”, ha detto il tecnico della nazionale. La difesa è meno stabile senza il boss Antonio Rüdiger. “Ovviamente devi anche dire che abbiamo permesso all’uno o all’altro di restare, cosa che non avremmo dovuto”, si è lamentato Flick.

mancanza di confidenza

L’attacco, in cui il cowboy solitario Timo Werner torna per offrire una performance oltre le aspettative, manca di dinamismo e determinazione. Era chiaro “che c’era una mancanza di fiducia nella squadra”, Flick ha condiviso un rimprovero collettivo. Bierhoff, ex top attaccante, simpatizza con i suoi sostenitori. “Ogni tifoso diventa grigio se non rischia”. Tuttavia, Flick ha detto che questa volta sono state create poche possibilità.

Come nella vittoria per 1-1 contro l’Italia, questa volta Jonas Hofmann (9° minuto) ha pareggiato velocemente dopo essere rimasto indietro rispetto a Zsolt Nagy (6°). Nell’estate prima della Coppa del Mondo, c’erano molte cose da fare nella rosa di Flick. Il trio Werner, Leroy Sané e Serge Gnabry, un tempo celebrato come una tempesta di motorini, si sta prendendo una pausa dalla crisi e, nel caso di Sané, ha dovuto lottare anche per la partecipazione del Qatar. “Lo abbiamo aiutato, ma ovviamente ha dovuto aiutare se stesso”, ha detto Bierhoff. In Hofmann e Jamal Musala sono emersi due contendenti per le ali.

Obiettivo: andare in vacanza con una vittoria

Flick non ha dubbi sul fatto che si debbano risarcire l’Italia. “Non sarà neanche facile. Ma speriamo ancora che la squadra dia tutto e poi vada in vacanza con una vittoria”, ha detto il tecnico della nazionale. Sa esattamente come il calcio si muove velocemente e l’umore può trasformarsi di nuovo in qualcosa di positivo.

Una vittoria potrebbe anche conquistare il primo posto nel Gruppo 3 di Lega A, che Flick punterà sicuramente a raggiungere in una dichiarazione finale a settembre per via della preziosa partecipazione sportiva alla finale dell’anno di transizione 2023. Tuttavia, in caso di una sconfitta contro l’Azzurra Squad rischia la pausa stagionale calda nella classifica retrocessione di Nations League. Una serie di otto vittorie consecutive a Flick-Start è già un debole ricordo.

© dpa-infocom, dpa:220612-99-632920/4

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.