Borsa valori mercoledì 22 giugno 2022

I prezzi del petrolio sono precipitati prima della prevista spinta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a sospendere le tasse sui carburanti. Un barile della varietà del Mare del Nord Brent è sceso di circa il quattro percento a $ 109,81, il prezzo per un barile di petrolio leggero statunitense STI è sceso di quasi il cinque percento a $ 104,31. Al suo apice, i prezzi sono scesi di nuovo di oltre sei dollari al barile dopo che la scorsa settimana erano stati colpiti dai timori di una recessione economica.

Greggio Brent 110.70

Secondo gli ambienti governativi, Biden vuole sospendere per tre mesi la tassa sulla benzina a causa dei prezzi record alla pompa. Una richiesta correlata deve essere presentata al Congresso quel giorno, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione. La sospensione della tassa sulla benzina di 18,4 centesimi per gallone e di 24,4 centesimi per gallone sul diesel richiederà l’approvazione del Congresso.

Biden sta spingendo per abbassare i costi del carburante per gli automobilisti. L’aumento dei prezzi del greggio e della benzina è visto come il motivo principale per cui l’inflazione è salita ai massimi da 40 anni. Questa settimana è previsto un incontro di sette compagnie petrolifere con il presidente degli Stati Uniti. Dati i profitti record della compagnia petrolifera, l’obiettivo era discutere su come aumentare la capacità di produzione e abbassare i prezzi del carburante di circa cinque dollari al gallone. A metà del 2020, un gallone è inferiore a $ 2. All’inizio del 2022 costerà circa $ 3,40.

Greggio WTI
Greggio WTI 106.46

L’ultimo di una lunga serie di tentativi di smorzare gli aumenti dei prezzi alla pompa sta avendo l’effetto desiderato, ha affermato Stephen Brennock del broker petrolifero PVM summer.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.