Campionato tedesco: Lahm e Rummenigge perdono la gioia

I festeggiamenti dei campioni del Bayern Monaco sono diventati gradualmente una routine. L’immagine del bagno alla birra di frumento sul terreno dell’Allianz Arena era la stessa, i numeri sulle magliette dei campionati dei giocatori aumentavano sempre di più, il numero di macchine che suonavano il clacson lungo la Leopoldstrasse diventava sempre meno.

Dal 2012, la Bundesliga non vede un campione tedesco diverso dal Bayern Monaco. Record più lunghi si possono trovare solo in Europa in Lettonia e Gibilterra, dove Skonto Riga e Lincoln Red Imps possono vincere 14 vittorie di fila ciascuno. Quasi nessuno si sorprenderebbe se questo marchio venisse infranto anche in Germania.

Rummenigge: Mancanza di emozioni

È comprensibile che alcuni tifosi di Dortmund o Lipsia vorrebbero una lotta per il titolo più equilibrata. Ma dopo che la squadra di Monaco si è assicurata il trofeo sabato con una vittoria per 3-1 contro il Borussia Dortmund alla 31a giornata, ci sono anche due leggende del Bayern, che hanno contribuito in modo significativo a questo dominio, degne di nota.

L’ex allenatore del Bayern Karl-Heinz Rummenigge vede il dominio decennale del Bayern come un problema per l’attrattiva della Bundesliga. “Cos’è il calcio? Il calcio è prima di tutto un’emozione. Se sei di nuovo in vantaggio di dodici punti a tre partite prima della fine della stagione, non c’è più”, ha detto domenica Rummenigge alla tv Bild.

Rummenigge accoglie favorevolmente l’attacco di trasferimento del Dortmund

“C’è un po’ di mancanza di entusiasmo al vertice. Il vertice ha bisogno di un po’ più di emozione, sull’esempio di Inghilterra e Italia in questa stagione”, ha detto Rummenigge. Sabato sera il Bayern si è assicurato il decimo titolo consecutivo vincendo 3-1 nella massima serie contro il Borussia Dortmund. Rummenigge accoglie con favore il fatto che BVB stia attualmente cercando di “migliorare un po’” in termini di personale.

Lahm: “Dovrebbe essere più severo”

E l’ex capitano Philipp Lahm ha anche criticato il dominio della sua ex squadra, l’FC Bayern Monaco, in Bundesliga. “Non va bene, certo, è impossibile. Non penso che sia un bene per il Bayern perché ha vinto così velocemente”, ha detto il 38enne presso lo studio sportivo ZDF.

“È possibile che il Bayern sia campione uno dopo l’altro, ma deve essere più vicino in modo che la Bundesliga sia davvero emozionante fino alla fine e non sempre quattro partite prima della fine”, ha detto Lahm. Lui stesso ha vinto otto titoli con l’FC Bayern prima della fine della sua carriera nel 2017 e, in quanto tale, ha tre volte meno probabilità di alzare il trofeo rispetto al nuovo detentore del record Thomas Müller.

Hainer: “Non poteva giocare peggio”.

Nonostante tutte le critiche, Rummenigge ha descritto la vittoria contro il Dortmund come un “segno importante” per i professionisti del Bayern dopo essere stato eliminato dalla Champions League dall’FC Villarreal. Anche per lui il titolo di campione “non è un premio di consolazione”. L’allenatore, 66 anni, aveva ceduto la sua posizione nel consiglio di amministrazione della Germania campione del record a Oliver Kahn (52) prima di questa stagione. “Il primo titolo, quando sei al comando in questo club, è molto importante”, ha detto Rummenigge a Kahn.

Il presidente dell’FC Bayern Herbert Hainer, invece, ha respinto le critiche per il predominio del suo club sui regolari di Radio Bavaria di domenica: “Non possiamo giocare peggio solo per rendere il campionato più interessante. Due o tre partite prima della fine del campionato campionato se il campionato è sempre certo”, ha detto Hainer pubblicando subito un annuncio che potrebbe non piacere al resto del campionato: “Continueremo a rafforzare la squadra, senza dubbio”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.