Champions League: un semplice Villarreal contro la Juventus | Sport

Non c’è niente come un delizioso spettacolo di Champions League con la spinta interna che ha guidato il Villarreal per anni e ha mobilitato con orgoglio il comune. Con il ricordo delle semifinali del 2005 e dopo aver conquistato il primo titolo continentale, l’ultima Europa League, ogni passo avanti in Champions League è un asse di promozione per la crescita del club e il benessere della città. La sensazione di un irriducibile villaggio gallico in competizione con i grandi club delle grandi città importanti è stata accresciuta dalla grande competizione europea coinvolta. Questa volta la sfida è battere la Juventus martedì a Torino (21:00, Movistar LC), con il saluto della Vecchia Signora rivitalizzato dall’ingaggio di Dusan Vlahovic. Per la terza volta nella sua storia, il Villarreal ha disputato gli ottavi di finale di Champions League e lo ha fatto senza problemi. “Vlaovic è un marcatore e un giocatore molto affamato. Ma questo è il livello a cui vogliamo arrivare, vogliamo giocare al meglio e questa è la nostra sfida. Abbiamo la nostra scelta e vogliamo dimostrarlo”, aveva avvertito nel gioco precedente Unai Emery, che vedeva Gerard Moreno, Coquelin e Rubén Peña come vittime sicure, e dubita Capoué.

Il tecnico del Villarreal ha condiviso con Massimiliano Allegri che un duello potrebbe portare a una sofisticata battaglia tattica. “Mi aspettavo una partita molto dura, una lotta, molti combattimenti fisici e molta richiesta. Potrebbero avere i record richiesti dalla parte. Possono difendere con forza e contrattaccare, possono premere alto e non lasciarti andare”, analizza il tecnico Gipuzkoan.

Senza tener conto del fatto che i gol in trasferta sono più preziosi in caso di pareggio complessivo nella partita, Emery crede nella crescita che la sua squadra ha vissuto nelle ultime settimane. “Questa è una grande sfida per la quale ci stiamo preparando. La cosa dello scopo, piuttosto che essere giusta o ingiusta, mi sembra normale. Non ha giovato a nessuno, due partite giocate, qua e là. In precedenza si doveva tenere conto dell’obiettivo e talvolta si doveva incrementare con quella variabile. Ora dobbiamo uscire e vincere, che è sempre il calcio. È passato molto tempo a cambiare per bilanciare cose come questa, ma penso che sia normale”, ha detto Emery.

Allegri, che non potrà contare sull’attaccante argentino Paulo Dybala, ha avuto un “confronto tattico”: “Dobbiamo stare attenti ai dettagli e avere pazienza”. L’allenatore italiano sospetta che la parità che sente lascerà la risoluzione del gioco al Torino. “L’obiettivo era la qualificazione e questo non si può raggiungere ora, a meno che non vinciamo 3-0… E anche allora dobbiamo aspettare 180 minuti”. Senza Dybala, Allegri ha annunciato di avere dei dubbi a centrocampo. “Di questi cinque, Arthur, Locatelli, Zakaria, Rabiot e McKennie, tre giocheranno”.

Infine, il tecnico italiano ha voluto allentare la pressione della sua squadra e di Vlaovic. Dicono che il Villarreal sia inferiore e non è così. Quanto a Vlahovic, è un grande acquisto, ma questo è il suo esordio in Champions e non possiamo affidargli tutte le responsabilità, ha bisogno di esperienza”.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook Voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.