Come ridurre la dipendenza dalla Russia: l’Europa e altri paesi stanno affrontando tagli di gas, petrolio e carbone

Le sanzioni imposte alla NATO e ad altri paesi dalla Russia per invasioni militari hanno anche un impatto su petrolio, gas e carbone. Cioè, combustibili fossili che emettono gas serra quando utilizzati. Le importazioni limitate potrebbero accelerare la transizione verso le energie rinnovabili in alcuni paesi ed espandere la propria estrazione di carbone in altri. Nella nostra rassegna mensile sulle notizie sul clima, questa volta ci concentriamo su questo singolo argomento.

Lituania

Il primo paese dell’Unione Europea a rompere i legami Russia il gas è Lituania. “D’ora in poi, la Lituania non consumerà nemmeno un centimetro cubo di gas velenoso russo”, Il primo ministro del Paese Ingrida imonyt ha scritto su Twitter domenica scorsa.

La Lituania sostituirà il gas naturale liquefatto (GNL) della Russia dal terminal del porto di Klaipeda, che il Paese opera dal 2014. “Anni fa, il mio Paese ha preso una decisione che ora ci consente di tagliare i legami energetici con l’aggressore. Tutti d’Europa può farlo”, ha detto Tempo finanziario Presidente della Lituania Gitanas Nausda.


Se trovi un errore o un errore di battitura nell’articolo, faccelo sapere tramite il modulo di contatto. Grazie!

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.