Commento: Carlos Tavares ha uno stipendio molto alto? Non in America, ma questo è il problema

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sollevato la questione della disparità di reddito criticando la remunerazione del direttore di Stellantis Carlos Tavares. Ha guadagnato più di 460 milioni di corone l’anno scorso, escluse le azioni a lungo termine e i premi. Le critiche si adattano all’atmosfera tumultuosa prima delle elezioni, ma l’argomento è senza tempo. La remunerazione dei top manager si sta allontanando costantemente e irragionevolmente dagli stipendi di tutti noi.

Il livello politico del discorso di Macron è leggibile e contraddittorio. Ha detto in un’intervista radiofonica che le persone non possono vedere numeri così astronomici quando hanno difficoltà a guadagnare denaro e si preoccupano del futuro. Aveva ragione, ma potrebbe aver dimenticato che quando la paura del futuro definitivo manda in strada centinaia di migliaia di francesi, non si tratta dello stipendio dell’allenatore. Si tratta della tassa sui carburanti verdi di Macron e, in generale, dell’oltraggioso carico fiscale sulle classi medio-basse.

Gli avversari di Le Pen hanno aggiunto un tocco di bavaglio politico. I critici iniziarono rapidamente a riverberarsi, aggiungendo che si diceva che fosse scioccante quando una tale somma è stata guadagnata da un regista che ha messo in seri guai l’azienda. Era assolutamente sconcertato dal fatto che la precedente gestione di Philipp Varin, terminata nel 2014, avesse causato perdite, licenziamenti e indebolimento degli aiuti finanziari dalla Cina alla società. Tavares si è stabilizzato, sviluppato e ottenuto ottimi risultati economici.

Tuttavia, il suo reddito personale è una questione di reputazione per Macron, poiché gli azionisti di Stellantis includono il governo francese. L’assemblea generale si è opposta alla proposta di remunerazione dei dirigenti, ma poiché la società è registrata nei Paesi Bassi e regolamentata dalla legge locale, gli azionisti hanno solo un consiglio in merito. Macron propone ora di stabilire regole europee uniformi.

I francesi che hanno subito messo la parola uguaglianza nel motto della repubblica hanno avuto difficoltà a sopportare il divario di reddito. Quando le pratiche all’estero hanno iniziato a riflettersi negli stipendi dei direttori a seguito di un’ondata di privatizzazioni negli anni ’90, il governo di estrema destra del presidente Chirac ha approvato una legge che richiede alle società quotate in borsa di rivelare gli stipendi dei dirigenti. Forse grazie a quello, in media reddito di amministratore di 120 società francesi nel 2020 raggiungerà 78 milioni di corone, ovvero il 17% del totale di Tavares.

In altre parti del mondo, queste informazioni sono ottenute principalmente dai watchdog degli scambi, quindi non arrivano ai giornali. Tuttavia, molte aziende pubblicano dati su base volontaria. Ecco perché sappiamo che il capo del Gruppo Volkswagen, Herbert Diess, ha ricevuto 193 milioni di corone nel 2020 e il CEO della BMW Oliver Zipse 143 milioni l’anno scorso. Che nel primo caso è molto meno della metà, nel secondo meno di un terzo del premio di Carlos Tavares.

Tuttavia, Stellantis è solo una parte della Francia. Oltre a Peugeot e Citroën, di cui Tavares fu dapprima direttore, si aggiunsero progressivamente Opel, poi l’ex gruppo Fiat con marchi come Alfa Romeo e Maserati, e soprattutto l’americana Chrysler con la celebre Jeep.

Era in Jeep e nel produttore di pick-up RAM che risiedeva il successo economico dell’intero conglomerato. L’anno scorso, Jeep ha venduto più di un milione di veicoli, principalmente negli Stati Uniti, al doppio dei margini di Peugeot e Opel in Europa.

Se guardiamo ai guadagni dei manager americani, vedremo un quadro completamente diverso rispetto al nostro Paese. Il direttore della Ford Jim Farley ha guadagnato 511 milioni di corone l’anno scorso, il capo della General Motors Mary Barr 530 milioni.

Nella classifica dei manager americani più pagati secondo il New York Times allo stesso tempo, abbiamo trovato questa donna sorridente solo al 64° posto. I primi dieci posti sono occupati principalmente da società di software e tecnologia con premi da 1,5 a 20 miliardi di corone. La strana eccezione tra loro sono i nove miliardi per Tony Xu di DashDoor, che consegna il cibo.

Ma un confronto così semplice avrà qualche attinenza su di esso. Innanzitutto Carlos Tavares non è il direttore della Jeep, ma dell’intero gruppo Stellantis, dove la Fiat in particolare e i prestigiosi marchi italiani non se la passano bene.

La seconda parte del pacchetto Tavares dello scorso anno comprende anche azioni del valore di 780 milioni e un bonus a lungo termine (cioè calcolato oggi e pagato in futuro) di 610 milioni di corone. La somma è di 1,85 miliardi, il che porta Tavares nella top ten degli Stati Uniti.

Soprattutto, però, questo confronto non affronta la sostanza dell’aumento ingiustificato della distanza tra questo bonus e lo stipendio di un lavoratore dipendente. La differenza tra le responsabilità di un regista e di un lavoratore addetto alla cintura è enorme, ma è la stessa per decenni e generazioni. Ma secondo le statistiche Istituto di Politica Economica (EPI) Tra il 1978 e il 2019 lo stipendio di un lavoratore americano è aumentato del 12 per cento in termini reali, mentre la retribuzione dei top manager è aumentata del 940 per cento.

Queste cifre suggeriscono che la vanteria americana non sarebbe del tutto appropriata qui. Allo stesso tempo, tuttavia, stanno rispondendo a critiche estreme che vedono la disuguaglianza come una conseguenza fondamentale del capitalismo e chiedono cambiamenti nel sistema. Il capitalismo ha preso il controllo dell’America nel 1978, quando la differenza era un ordine di grandezza inferiore. L’assurda apertura delle forbici nel periodo recente non segue l’essenza del capitalismo, ma ne è ulcerata nella sua essenza.

Due reazioni al reddito di Tavares caratterizzano l’intera contraddizione. Il CEO di Stellantis, John Elkann, ha difeso la decisione dicendo semplicemente che il fair value è uno dei valori fondamentali dell’azienda. Il diario di Le Monde invece, ha scritto nei commentiche tali livelli di ricompensa sono di cattivo gusto, minando il contratto sociale in tempi di difficoltà, e che il capitalismo può tagliarsi i rami sotto il culo.

Le Monde era decisamente più vicino alla verità. Il consiglio di amministrazione non può spiegare che nel 2019 Tavares, come “unico” boss di Peugeot, Citroën e Opel, ha guadagnato 185 milioni di corone. Che è un decimo del pacchetto di mio fratello quest’anno, inclusi tutti i bonus.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.