Conclusione del Giro d’Italia nella prima settimana

Insieme a primo blocco del Giro d’Italia finito, dopo che le nove tappe sono state superate, è tempo di analizzare la chiave di ciò che si era dato fino a quel momento. Più di una certezza è stata confermata, ma è stata confermata un’altra sorpresa. Successivamente, li esaminiamo:

Carapaz non è così dominante

L’ecuadoriano continua ad avere dei favoriti in cartellone, ma nella prima gara contro il ‘gallo’ il suo vantaggio non si rifletteva su rivali come Romain Bardet e Mikel Landa, quest’ultimo, dopo aver subito una precedente caduta al Blockhaus nella derivata di Passo Lanciano. Sono sicuro che migliorerà, ma per ora non è spaventoso.

Almeida continua a soffrire in alta montagna… ma combatte

Joao Almeida firma autografi per i tifosi al via di Isernia.

Nonostante il notevole miglioramento delle ultime stagioni, il portoghese continua a soffrire in alta montagna rispetto al più puro degli scalatori. Tuttavia, il suo coraggio e la sua forza mentale, come ha mostrato prima delle fasi iniziali, erano di altissimo livello. Ciò gli ha permesso di recuperare i mobili del Blockhaus, forse una delle escursioni che meglio si adattavano alle sue caratteristiche. Se lo tenesse in vita, nella cronometro di Verona potrebbe finirla alla grande…

Solo la sfortuna può fermare Landa

Se in questo momento al Giro non è nel momento più bello della sua carriera, non è lontano da esso. L’uomo di Alava è riuscito a evitare la sfortuna nella prima settimana di gara, che gli è costata tante volte perdere successi e continuare la sensazione mostrata a Blockhaus (4° sul traguardo con incidenti inclusi) è candidato a tutto. Fa sempre di più nell’ultima settimana di un grande tour e se riesce ad aprire abbastanza spazio con Almeida prima del test finale, è più che probabile un podio.

Ineos, molto al di sopra degli altri

Nel complesso, la squadra inglese non ha mostrato rivali in questo primo blocco del Giro. Hanno controllato la corsa a piacimento come e quando vogliono. In alta montagna, come hanno dimostrato al Blockhaus con Sivakov, Narváez e Porte, il loro vantaggio è reale. Nessuna squadra ha un tale potenziale a un picco così alto e questo potrebbe essere un fattore di differenziazione a favore di Carapaz.

Valverde e Pello, tra due acque

Alejandro Valverde si dirige verso l’area di partenza nella città di Isernia.

Murcian e baschi hanno dimostrato la loro abilità su tutti i tipi di terreno, ma non sono pronti a lottare per la classifica generale (almeno, per ora), e sembra che non rinunceranno alla top 10 o. cercare il palcoscenico, l’opzione meno attraente per entrambi. Sosa non ha ancora il livello per sostenere Valverde in alta montagna, mentre Pello potrebbe essere un giocatore importante per Landa.

Juanpe, futuro candidato

Juanpe López aveva già messo in guardia sul suo potenziale all’ultima Vuelta, dove ha concluso 13° assoluto, ma la sua crescita al Giro è stata clamorosa. Si vede già al meglio nel grande giro ed è ancora giovane (24 anni) per ottenere quel po’ di prestazioni che gli manca per misurarsi faccia a faccia con i grandi dell’alta montagna. . È affidabile, paziente e sa leggere le gare. Il tetto, non è stato trovato.

Simon Yates non decolla

Il disturbo di Simon Yates inizia a diventare un fenomeno paranormale. Un corridore che è in grado di battere il più grande in questo sport oggi e il giorno dopo perde minuti autentici. Aveva un alibi questa volta, perché la sua sconfitta al Blockhaus è stata dovuta al dolore al ginocchio che ha sofferto per una caduta sul palco dell’Etna. Ma, come lui stesso ha ammesso nella sua dichiarazione alla sua squadra alla fine della nona tappa, le articolazioni non sono state l’unico problema: “Soffro anche il caldo”. Se si riprendesse, una vittoria parziale sarebbe ancora una volta la sua migliore opzione.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.