conferma le pressioni per il bacio non consensuale di Rubiales

Giocatore di calcio Questo venerdì Laia Codina ha sostenuto la versione della sua compagna Jenni Hermoso e ha chiarito che non approva il bacio sulla bocca che l’ex presidente della RFEF Luis Rubiales ha dato alla finale della Coppa del Mondo a Sydney (Australia) e anche la pressione che riceverà l’attaccante del Real Madrid per giustificarlo.

International ha affermato come testimone in videoconferenza davanti al giudice della Corte nazionale che indaga su Rubiales violenza sessuale e coercizione e tre membri della sua squadra come presidente della Federazione per aver presumibilmente esercitato pressioni su Jenni Hermoso e il suo entourage affinché denigrassero pubblicamente le azioni dell’ex presidente.

Secondo fonti legali informate all’EFE, Laia Codina ha confermato davanti alla Procura la versione trasmessa da Jenni Hermoso lo scorso settembre, quando aveva riferito che Il bacio che gli ha dato Luis Rubiales non è stato consensuale.

La sede dell’Arsenal ha dichiarato che il giocatore non vuole né gli piace che l’ex presidente della Federazione si è comportato così alla cerimonia di consegna delle medaglie dopo la vittoria della Coppa del Mondo, il 20 agosto.

Nonostante abbia sottolineato che nessuno gli ha chiesto di parlare con Jenni Hermoso per cercare di giustificare il bacio, ha raccontato come nel momento dopo la vittoria nello spogliatoio, quando Il giocatore deve uscire per parlare con Rubiales.

Inoltre, secondo le fonti, ha fornito dettagli sulla pressione che riceveranno i suoi compagni di squadra durante la trasferta a Ibiza che alcuni giocatori subiranno dopo il campionato, ed è per questo che hanno accusato il direttore della squadra maschile, Albert Luque, e il direttore marketing di RFEF, Rubén Rivera.

Oltre ai due e a Rubiales, il quarto imputato nel caso è l’ex allenatore femminile Jorge Vilda.

International è emerso da a Tribunale di Pontevedra, la città dove stasera la Nazionale affronterà l’Italia nel quinto duello paritario della Nations League nella corsa per un posto alle Olimpiadi di Parigi 2024.

È diventato quarto giocatore di aver sostenuto la versione di Jenni Hermoso davanti al giudice; Prima di lui lo hanno fatto Alexia Putellas, Irene Paredes e Misa Rodríguez.

Il 2 gennaio toccherà a Jenni Hermoso essere chiamata a testimoniare davanti al Tribunale Nazionale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."