Confermato The Telegraph – Carapaz per il Giro d’Italia 2022

Ineos Grenadier ha confermato che i ciclisti ecuadoriani Richard Carapaz e Jhonatan Narváez faranno parte della squadra al Giro d’Italia. Il corridore ecuadoriano è il leader della squadra e uno dei candidati a vincere la prima grande competizione ciclistica della stagione.

Attraverso il suo account Twitter, Ineos ha annunciato l’elenco degli otto corridori che li rappresenteranno in uno dei tre grandi giri di quest’anno. L’Ecuador sarà accompagnato da: Jonathan Castroviejo (Spagna), Richie Porte (Australia), Salvatore Puccio (Italia), Pavel Sivakov (Francia) e Ben Swift e Ben Tulett dall’Inghilterra.

Il Giro d’Italia è in programma dal 6 al 29 maggio, in 21 tappe, di cui le prime tre tappe in Ungheria. La competizione avrà una distanza totale di 3.412,3 chilometri e sei tappe di montagna, in cui la squadra ecuadoriana è la favorita per la vittoria.

Carapaz sa già cosa significa vestirsi con una maglia rosa, come viene chiamata la divisa del leader della classifica generale, perché nel 2019 ha vinto il titolo. Carchense è uno dei migliori ciclisti al mondo per il podio al Tour de France, la Vuelta a Espaa e le medaglie olimpiche a Tokyo 2020.

Il ruolo di Narváez nella squadra è quello di supportare i suoi connazionali e il resto della squadra. “Venado” ha vinto la tappa 12 dell’edizione 2020 ed è considerato all’interno del club come un “talento versatile”, oltre a cambiare rapidamente ritmo e tenere il passo nelle gare di mezza montagna.

Non è stato confermato se Jonathan Caicedo gareggerà nelle fila di EF Pro Cycling o Alexander Cepeda alla Androni Giocattolli.

Dichiarazione di Richard Carapaz

Richard Carapaz è stato consultato dal team di comunicazione di Ineos Grenadier in merito alle sue aspettative in merito alla partecipazione alla nuova edizione del Giro d’Italia. Carchense ha dichiarato che la competizione era la sua preferita dei tre Grand Tour.

“E’ un giro che mi piace, forse il mio preferito, quindi vincerlo è qualcosa di speciale”, ha detto. Carapaz ha detto che ha sempre voluto correre al Giro, quindi il giorno in cui è stato incoronato campione, nel 2019, è stato un momento straordinario della sua vita.

“Non è stata una vittoria senza senso per me. È stato molto importante per il mio paese, ha avuto un grande impatto perché ha dato inizio a una nuova era del ciclismo in Ecuador”, ha detto. Inoltre, il 28enne ha aggiunto che lo ha aiutato a convincersi mentalmente di poter diventare uno dei migliori ciclisti d’élite al mondo.

Riguardo a questa nuova edizione, in cui sarà il leader degli Ineos Grenadier e vorrà ottenere la sua seconda maglia rosa, l’ecuadoriano ha affermato di aver notato che i suoi compagni di squadra sono impegnati e sulla stessa pagina per una vittoria quest’anno. “La grande forza di questa squadra è che tutti noi vogliamo vincere il Giro d’Italia”, ha detto.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.