Corso autonomo? Cedi alla violenza, giusto per incolpare Macron

Tutto è iniziato mercoledì 2 marzo, quando il separatista corso Yvan Colonna è stato brutalmente aggredito da uno dei suoi compagni di prigionia nel carcere di Arles. Colonna, condannato all’ergastolo per l’omicidio nel 1998 del prefetto corso Claude Erignak, è finito in coma in un ospedale di Marsiglia.

L’aggressore è Franck Elong Abe, 36 anni, che sta scontando nove anni di carcere per aver partecipato a un gruppo terroristico. Presumibilmente ha attaccato un compagno di detenzione per aver insultato il profeta Maometto.

Colonna non ha mai confessato di aver ucciso il prefetto e si è sempre dichiarato non colpevole. Secondo le sue parole, ha rinunciato alla violenza nella lotta per l’indipendenza dell’isola dopo la nascita di suo figlio. Forse è per questo che il suo personaggio è considerato più positivamente in Corsica, da molti addirittura considerato un eroe.

Ecco perché l’attacco ha suscitato proteste diffuse. La notte del 9 marzo sono diventati violenti: 23 agenti delle forze dell’ordine e un fotografo del quotidiano locale Corse-Matin sono rimasti feriti in scontri con la polizia. I separatisti hanno anche bruciato il Palazzo di Giustizia ad Ajaccio.

Quattro giorni dopo, un’altra ondata di violenze si è abbattuta, ferendo 67 persone, tra cui 44 agenti di polizia. Secondo le stime della polizia, 7.000 persone sono venute alla manifestazione, gli organizzatori hanno detto 12.000. Tra loro c’era una folla di 300 teste con i volti velati.

Non solo partiti politici, ma anche studenti

“È pazzesco vedere 10.000 persone sfilare a Corte, una piccola città. Ma è qui che si trova l’unica università della Corsica e il movimento di protesta è guidato dagli studenti. Questa è una novità: è sempre stato utilizzato solo dai partiti politici”, ha detto al server. Francia Info il politologo Thierry Dominici dell’Università di Bordeaux.

Il governo francese non ha reagito agli eventi dei primi giorni, poi il primo ministro Jean Castex ha incontrato il presidente del Consiglio esecutivo della Corsica. Il risultato dell’incontro fu l’abolizione di uno status di prigioniero molto pericoloso per Colonn e i suoi due complici. Lunedì, il ministro dell’Interno Gerald Darmanin ha annunciato il suo viaggio sull’isola.

Durante la sua visita, il Ministro Darmanin ha pronunciato le parole che molte persone aspettavano: “Siamo pronti per l’autonomia”. mesi, anche anni.

I fautori dell’autonomia corsa vivono così un déjà vu: l’isola è stata citata in questo contesto durante la campagna elettorale del 2017 dal candidato alla presidenza Emmanuel Macron, quando ha parlato del decentramento del Paese. Tuttavia, lo status della Corsica non è cambiato da allora.

Sebbene la Corsica goda di numerosi vantaggi rispetto alla Francia continentale, questi sono più simbolici. Potrebbe chiedere esenzioni dalle misure nazionali, che si sono verificate in 72 casi negli ultimi anni. Secondo uno degli esperti legali locali, che ha parlato con il server FranceInfo, ma nei 70 casi la Corsica non ha ricevuto risposta, un caso è stato respinto e uno è oggetto di indagine.

Autonomia come in Polinesia

La domanda è fino a che punto può arrivare l’autonomia considerata. I legislatori corsi sono preoccupati, tra l’altro, delle questioni fiscali, delle politiche per combattere la speculazione immobiliare e decidere sull’ulteriore sviluppo dell’isola. Hanno applicato il termine “popolo corso” nella costituzione dal 1991, ma il Consiglio costituzionale francese ha rifiutato.

In un incontro con Darmanin, i politici corsi hanno definito l’idea di autonomia simile alla Polinesia francese. Il sistema locale è simile al classico sistema parlamentare con un proprio presidente e governo. Il parlamento polinesiano ha giurisdizione su questioni economiche e sociali, istruzione, salute e ambiente. La Francia ha quindi fornito all’arcipelago sicurezza, giustizia, difesa e politica estera.

L’idea di una Corsica autonoma sta prendendo d’assalto la campagna presidenziale in corso come un detonatore. Uno dei potenziali sfidanti del secondo turno di Macron, la repubblicana Valerie Pécresse, ha accusato il presidente di cedere alla violenza. Il presidente dell’Associazione nazionalista nazionalista, Marine Le Pen, ha poi parlato del “messaggio di disastro inviato ai manifestanti”.

Tuttavia, critiche sono state mosse anche dai candidati di sinistra: la socialista Anne Hidalgo considera l’autonomia della Corsica un problema al di là delle elezioni presidenziali e si dice che sia un pretesto per Macron. Secondo il quotidiano, l’eurodeputato Yannick Jadot Progresso ha detto che “le soluzioni devono essere precedute dal dramma, come è consuetudine in questo piano quinquennale”.

Il fatto è, tuttavia, che la maggior parte dei politici francesi tradizionali non è fondamentalmente contraria all’autonomia della Corsica, ad eccezione di nazionalisti come Le Pen o Erik Zemmour.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.