Cosa pensano gli europei della guerra in Ucraina

Di Ivan Krastev e Mark Leonard

Nelle settimane e nei mesi successivi all’invasione dell’Ucraina, gli europei hanno sorpreso sia Putin che se stessi con la loro unità e determinazione.

Gli europei post-eroici, irritati dall’aggressione russa e ipnotizzati dal coraggio ucraino, hanno fornito la forza trainante per la svolta inaspettata dell’Europa. Hanno ispirato i loro governi ad adottare cambiamenti su scala storica.

Hanno aperto le loro case a milioni di rifugiati. Richiedono condizioni economiche difficili. E stanno costringendo le compagnie occidentali a lasciare la Russia il prima possibile.

Mentre il precedente “momento europeo” era contrassegnato da bandiere europee che mobilitavano persone al di fuori dei confini dell’Unione Europea (compresa l’Ucraina), questa volta la bandiera ucraina mobilita persone all’interno dell’Unione Europea.

Gli europei avevano scoperto che si trattava di una forza più seria di quanto si pensasse. Il famoso commentatore Moises Naim sostiene che “l’Europa ha scoperto di essere una superpotenza”. Ma mentre la guerra si avvicina al suo quinto mese, l’unità europea durerà? ;

L’ECFR ha condotto un’indagine paneuropea in 10 paesi per trovare risposte a queste domande. Il sondaggio è stato condotto a metà maggio, quando i cittadini hanno avuto la possibilità di assorbire lo shock dell’invasione.

Il dibattito pubblico si è spostato dagli eventi sul campo di battaglia e si è spostato sulla questione di come sarebbe finito il conflitto e del suo impatto sulla vita delle persone, dei loro paesi e dell’Unione europea.

È stato anche un periodo in cui gli europei sono diventati molto più consapevoli delle conseguenze economiche e sociali globali della guerra: alta inflazione, crisi energetica e alimentare. Il sondaggio rileva la resilienza degli europei e non solo la loro rabbia per la guerra di Putin.

Circa 8.000 persone che hanno preso parte al sondaggio provenivano da tutta Europa. I paesi esaminati sono stati Polonia e Romania, paesi in prima linea nell’Europa centrale, tradizionalmente diffidenti nei confronti della Russia.

Anche Francia, Germania e Italia – i grandi paesi dell’Europa occidentale che in precedenza si erano guadagnati la reputazione dei Russlandverstehers (coloro che capiscono la Russia). Portogallo e Spagna: paesi dell’Europa meridionale che in passato sono stati generalmente meno coinvolti nella politica russa. Finlandia e Svezia – paesi dell’Europa settentrionale che hanno aderito alla NATO a seguito del conflitto. E Gran Bretagna.

I risultati del sondaggio mostrano che l’opinione pubblica europea sta cambiando e le difficoltà si prospettano. La resilienza della democrazia europea dipenderà in gran parte dalla capacità dei governi di mantenere il sostegno pubblico a politiche che alla fine causeranno sofferenza a diversi gruppi sociali.

Ciò costringerà il governo a bilanciare i suoi sforzi per l’unità europea con le pressioni su Mosca, con opinioni divergenti sia all’interno che tra gli Stati membri. L’indagine rivela un divario crescente tra le posizioni dichiarate di molti governi europei e l’umore dell’opinione pubblica nei loro paesi.

Il grande divario che è emerso è stato tra coloro che volevano porre fine immediatamente alla guerra e coloro che volevano che i combattimenti continuassero fino alla sconfitta della Russia.

Puoi vedere il testo qui: https://ecfr.eu/publication/peace-versus-justice-the-coming-european-split-over-the-war-in-ukraine/

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.