Dai tempi dei romani e degli etruschi: l’Italia riporta dagli Stati Uniti tesori per un valore di milioni di euro

Di epoca romana ed etrusca
L’Italia riporta dagli Stati Uniti tesori del valore di milioni

Un tempo venivano scavate illegalmente e rivendute negli Stati Uniti: ora la polizia italiana sta trasferendo in Italia centinaia di tesori d’arte antica per un valore di milioni. Il ministro della Cultura Franceschini ha parlato di un “tremendo ritorno”.

La polizia italiana ha trovato negli Stati Uniti circa 200 opere d’arte per un valore di circa dieci milioni di euro. I Carabinieri di Roma spiegano che si tratta di statue antiche, anfore, vasi e statue in terracotta. “Gli inquirenti hanno ricostruito la catena dagli scavi illegali attraverso i mercanti d’arte ai musei, case d’asta, gallerie d’arte e collezioni private statunitensi”, ha detto il comandante dell’Unità di protezione culturale dei Carabinieri, Roberto Riccardi.

Secondo gli inquirenti, gli oggetti risalgono, tra l’altro, all’epoca romana ed etrusca. 160 di loro sono stati riportati in Italia, il resto inizialmente presso il Consolato Generale d’Italia a New York. Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha parlato del “tremendo ritorno”.

Gli oggetti sono tornati al loro posto originale. I Carabinieri hanno collaborato con le autorità negli Stati Uniti. Sotto la presidenza italiana, gli stati delle 20 economie più importanti (G20) hanno deciso a fine luglio di perseguire più da vicino il commercio illegale di arte.

1700 opere d’arte false

Secondo la loro stessa dichiarazione, quest’anno i Carabinieri hanno confiscato quasi 1.700 opere d’arte false e recuperato più di 23.600 oggetti archeologici. Il suo valore totale è stimato in oltre 427 milioni di euro. Quasi 1.190 persone sono state denunciate durante le indagini.

Secondo Riccardi, dietro gli scavi illegali c’era un’organizzazione speciale. Questi erano esperti che conoscevano molto bene le civiltà antiche e quindi sapevano che nelle tombe si potevano ancora trovare tesori. Di solito vengono di notte.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.