dall’infarto che lo ha quasi ucciso al pensiero di tornare al ciclismo

Notizie correlate

Il mondo della bicicletta sorride. È comune per i cronisti confermare che i ciclisti erano fatti di altre paste. Hanno sopportato una fase infernale con condizioni meteorologiche dantesche. Inoltre, in molte occasioni, finiscono con le ossa sull’asfalto e comunque si riprendono in men che non si dica. Tuttavia, sono persone come le altre e vivono anche eventi inaspettati che esulano dalle logiche del loro sport.

È successo a Sonny Colbrelli alla fine della prima fase dell’ultima Ritorno in Catalogna. corridore a squadre italiano Bahrain-vittorioso lottando per la vittoria di tappa in un finale veloce ma leggermente ripido, con michele Matthews. Nel suo tentativo, ha perso la battaglia e dopo aver tagliato il traguardo, anche la sua conoscenza.

Una situazione allarmante e preoccupante che peggiora in pochi secondi. Colbrelli è svenuto per un infarto che ha lasciato tutti senza fiato. Solo una veloce e brillante prestazione del servizio sanitario Volta, una delle gare più importanti in assoluto tour mondialeHa evitato la tragedia. Il corridore è stato trasferito al centro ospedaliero dove ha iniziato il suo continuo recupero.

Tuttavia, Colbrelli guarda al futuro con speranza. La sua vita non sembra essere in pericolo e quel che più conta per lui: un ritorno al ciclismo non è escluso. Almeno, questo è ciò che ha comunicato l’équipe medica che lo ha curato e il suo ambiente. Ovviamente la vita è al di sopra dello sport, ma il fatto che possa tornare ad andare in bicicletta è un chiaro indicatore che tutto è sulla buona strada.

Sonny Colbrelli durante la prima tappa della Volta a Catalunya 2022

stampa europea

Colbrelli in avanti

Sonny Colbrelli, dopo aver subito un drammatico blackout causato da un’aritmia cardiaca, ha dovuto ritirarsi dalla disciplina professionale Bahrain-Victorious. Tutti i suoi colleghi, registi e assistenti lo hanno sostenuto e sostenuto in questo momento difficile. Ma insieme all’amore della sua famiglia, gli hanno dato la forza necessaria per andare avanti.

Ora ha vinto uno dei suoi grandi combattimenti ed è che l’équipe di medici che lo ha curato e che ha monitorato le sue condizioni nelle ultime settimane gli ha dato il via libera per tornare allo sport. Naturalmente, sempre a bassissima intensità e molto attenti. Monitoreranno ogni mossa fatta dal corridore italiano per assicurarsi che tutto vada come previsto.

E se tutto va bene, è tempo di riconsiderare un ritorno nel gruppo internazionale. Dal primo momento in cui Colbrelli ha potuto esprimersi dopo lo spavento, ha lasciato la porta aperta per risalire in moto e lottare per sprint e vittorie in gare di un giorno, le sue doti sono state incredibili. Attuale campione d’Europa e Parigi Roubaix 2021 avrebbe voluto non aver detto la sua ultima parola a livello professionale.

Crede di potercela fare ed è per questo che ha lavorato davvero duramente, in una certa misura, per poter iniziare la gara e mantenere il suo numero di pettorale. Tuttavia, nella loro rosa sono un po’ più cauti e fiduciosi di non correre il minimo rischio. Tuttavia, la notizia è stata rivelata dopo che un recente studio ha invitato all’ottimismo.

“I test clinici mostrano miglioramenti nella salute cardiovascolare. Ciò ti consentirà di fare ciclismo leggero e attività fisica moderata”. Tutte le partenze che intraprenderà il ciclista italiano saranno controllate al millimetro: “La priorità è monitorare le sue condizioni con un monitoraggio intensivo nei prossimi mesi sulla sua sicurezza per poter riprendere normalmente le sue attività vitali”.

Sonny Colbrelli, in un fotomontaggio con un defibrillatore.

Sonny Colbrelli, in un fotomontaggio con un defibrillatore.

Situazione Colbrelli Situasi

Colbrelli cominciava ora a vedere la luce in fondo al tunnel. Tuttavia, nelle ultime settimane aveva attraversato momenti molto bui. Si sentiva grato per la vita per essere uscito dalla sua routine, ma si rese anche conto che era molto difficile vedere come i suoi compagni di squadra gareggiavano ai massimi livelli quando poteva tenergli il passo solo in televisione.

Appena terminata la fase stagionale classico primavera e sognare di brillare in gare come il Giro delle Fiandre o la Parigi-Roubaix. Inoltre, questa pausa lo ha visto all’apice della sua intera carriera sportiva, quando ha offerto le sue migliori emozioni e quando ha ottenuto le sue più grandi vittorie.

La situazione di Colbrelli, pur essendo sulla buona strada, è comunque complicata. Durante questo periodo, ha dovuto sottoporsi a diverse procedure mediche molto complicate e operazioni pericolose in cui è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo. Questo dispositivo è ciò che ora controlla i suoi segni vitali e che lo tiene vivo e fuori da ogni paura.

Sapere se può metterti alla prova per le massime esigenze richieste dalla vita di un ciclista d’élite è il passo successivo. Quello che è chiaro è che Colbrelli non si arrende e resta fiducioso di poter tornare al top anche se dovrà passare molto tempo per strada.

[Más información: El mensaje más esperado sobre Egan Bernal: “Está curado y podrá volver a competir en gran forma”]

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.