Dopo lunghe trattative da record, il governo di Petr Fiala ha guadagnato fiducia nella Camera dei Deputati

Il gabinetto di coalizione (ODS) di Petr Fiala iniziò a governare con la fiducia della Camera dei Deputati. I deputati hanno espresso il loro sostegno al governo più di tre mesi dopo le elezioni. Tutti i 106 deputati della coalizione presenti hanno alzato la mano con fiducia. 87 rappresentanti dell’opposizione ANO e SPD hanno votato contro il gabinetto. Sette deputati si sono scusati per motivi di salute, due dei quali della coalizione e cinque dell’opposizione.

I risultati sono stati annunciati dalla deputata dell’ODS Renáta Zajíčková, che ha indicato la sua affiliazione alla coalizione di governo. “Voglio dire a te e al popolo della Repubblica Ceca in questo momento che il governo della Repubblica Ceca ora è affidabile”, ha detto Zajíčková tra gli applausi dei deputati del governo, con 193 deputati che hanno preso parte al voto.

Il premier Petr Fiala si è poi diretto al microfono. Tuttavia, prima di allora, si è congratulato per la prima volta dai suoi due colleghi più stretti in panchina, il presidente dello STAN e il primo vice primo ministro Vít Rakušan e il presidente del Partito popolare, un altro vice primo ministro, Marian Jurečka. Il capo della TOP 09 Markéta Pekarová Adamová si è congratulato con Fial dal presidente della Camera dei Deputati, dopodiché il ministro della Difesa dell’ODS Jana ernochová e molti altri colleghi del governo hanno stretto la mano a Fial.

Quindi il presidente del Consiglio si alzò sul pulpito e si rivolse ai deputati. “Signore e signori, tutto ciò che è stato detto è stato detto qui e forse qualcosa in più. Ma lasciatemi dire un’altra frase: a nome mio e del governo della Repubblica Ceca, vi ringrazio per la vostra fiducia”, ha detto Petr Fiala. .

Quando è tornato al banco del governo, è venuto a congratularsi con lui dal banco dell’opposizione come ex primo primo ministro e capo dell’ANO Andrej Babi. Dopo un po’, il capo dell’SPD Tomio Okamura si unì a molti altri. È interessante notare che tutti i politici hanno atteso per stringere la mano fino all’annuncio dei risultati ufficiali delle votazioni. Intanto c’è stata una pausa di venti minuti subito dopo il voto, quando Fiala si è trasferita alla Camera, parlando con i suoi colleghi della coalizione di governo.

Anche Jan Farský, ex capo della fazione STAN, ha votato a favore del governo, ritardando la prevista partenza per uno stage di sei mesi negli Stati Uniti. Pavel Staněk (ODS) e Hana Naiclerová (STAN), invece, si sono scusati per i mali della coalizione. Milan Feranec, Josef Kott, Jiří Mašek, Milan Wenzl (tutti SI) e Radek Koten (SPD) erano assenti dagli avversari per lo stesso motivo.

I deputati hanno votato in ordine alfabetico dopo i nomi del Partito popolare di Aleš Dufek, determinato prima dalla lotteria. Il voto per credere ai deputati nel gabinetto di Fiala si è svolto il 96° giorno dopo le elezioni parlamentari.

Dopo l’incontro, il primo ministro e altri primi ministri si sono diretti a una conferenza stampa tra i giornalisti. Fiala lo ha anche elogiato per il fatto che la Repubblica Ceca avesse un governo fiducioso. Allo stesso tempo, afferma di cercare di capire le affermazioni fattuali dell’opposizione. “Potremmo sicuramente usare molto di questo per il nostro lavoro di governo”, ha detto.

Ha anche risposto alle domande su Aktuálně.cz, riguardanti le dichiarazioni fatte da diversi membri del governo durante il dibattito sulla fiducia. Dicono che non cercano la fiducia dei legislatori dell’opposizione. Allo stesso tempo, subito dopo le elezioni, Fiala afferma di avere a cuore la fiducia di chi non l’ha votata.

Il premier Petr Fiala ha lasciato la conferenza stampa del presidente del Consiglio, avvenuta subito dopo il voto di fiducia. | Foto: Radek Bartoníček

“Naturalmente, i nostri cinque partiti che compongono questo governo si sforzeranno soprattutto di realizzare i nostri obiettivi e le promesse che facciamo ai nostri elettori. E quindi gli interessi dei nostri elettori. Ma allo stesso tempo, riconosciamo che, poiché organizziamo il governo in modo tale che soddisfi gli interessi di tutti i cittadini della Repubblica Ceca e sia vantaggioso per loro”, ha risposto il Primo Ministro, aggiungendo che diversi ministri hanno cercato di rispondere in modo sostanziale domande dell’opposizione “Quello che è veramente, quello che stiamo cercando di fare è rispondere a tutte le obiezioni dei parlamentari dell’opposizione in cui le loro obiezioni sono concrete”, ha detto.

Dopo la votazione, tra i giornalisti è andata anche Alena Schillerová, capo del circolo parlamentare. Era seccato, ad esempio, che Fiala non avesse menzionato l’assistenza sanitaria tra le sue priorità. “Non c’è niente nell’assistenza sanitaria. L’assistenza sanitaria non è tra le sei priorità. In un momento in cui abbiamo omicron qui e molti problemi, ad esempio, dobbiamo continuare con le vaccinazioni. Questo mi ferma. Dovrebbe essere una priorità in questo paese. ministro in uno dei primi posti”. si è lamentato.

Incontro più lungo

I negoziati di fiducia hanno ora stabilito un record. Quando i membri sospendono l’articolo di giovedì intorno alle 7:00, hanno 22 ore di conversazione ininterrotta. I legislatori non hanno agito intatti per così tanto tempo. Fino al dibattito sull’attuale governo, hanno al massimo prolungato la loro sessione fino a novembre 2011, quando hanno agito giorno e notte e si sono conclusi prima delle quattro del mattino. Ci volle il governo dell’allora Primo Ministro e Presidente dell’ODS Petr Nečas per far rispettare le sue leggi di riforma.

Questa volta, Petr Fiala, succeduto al suo successore come presidente dell’ODS e capo del governo, ha assistito lui parla il primo mercoledì dopo le nove del mattino. Dopo di lui uscire molti altri deputati, quasi tutto il mercoledì ai microfoni si sono alternati principalmente deputati dei due movimenti di opposizione: YA e SPD.

Quando diversi membri del governo hanno dato seguito a Fiala mercoledì sera, le loro dimissioni hanno suscitato la successiva reazione dell’opposizione. Quindi l’incontro è stato posticipato a giovedì. Sebbene molti parlamentari nel corridoio abbiano espresso fiducia che un voto di fiducia si sarebbe svolto prima dell’alba, non è stato così. “Ho chiesto una pausa di due ore alla riunione dell’SPD”, annunciato giovedì prima delle sette del mattino il presidente del club SPD, Radim Fiala. Questo impedisce di votare.

Proprio all’inizio della riunione di giovedì, i deputati hanno votato che avrebbero potuto agire anche dopo le 21:00. Il presidente del People’s Club, Marek Vborný, ha avanzato la proposta e allo stesso tempo ha espresso la sua fiducia che i negoziati non avrebbero richiesto troppo tempo. “Non ci irrigidisci”, ha detto Vborný all’opposizione, a cui ha risposto il presidente dell’SPD Radim Fiala. “Come non stringerci? Stai chiedendo fiducia. Vogliamo votare domattina”, ha detto.

Successivamente è scoppiata una discussione tra il presidente della Camera dei deputati Markéta Pekarová Adamová (TOP 09) e il presidente dell’SPD Okamura. Il capo della Camera ha chiuso il dibattito dopo aver chiesto se qualcun altro volesse intervenire. Nessuno si è iscritto. Okamura ha poi affermato di non aver ascoltato le sue parole e di non aver accettato la fine del dibattito. Okamura ha approfittato del fatto che come leader del partito aveva il diritto di parlare in qualsiasi momento, e ancora una volta ha criticato aspramente il governo.

Alla fine, il presidente del Consiglio Petr Fiala è sceso in parola per ringraziare l’opposizione per il dibattito, ma allo stesso tempo ha respinto alcuni commenti critici. “Soprattutto, non sono d’accordo con l’opinione dell’opposizione secondo cui hai rinunciato al Paese in ottimi rapporti. È successo il contrario. Il governo ha effettivamente gestito la crescita economica. Il governo precedente ha preso i soldi. ha affermato.

Petr Fiala ha anche menzionato le sue sei priorità personali, di cui vuole dare conto alla fine del periodo elettorale. È stato il primo a introdurre un freno fiscale che cattura l’importo totale delle tasse di cittadinanza. La seconda priorità è realizzare riforme pensionistiche concrete, la terza è lanciare una gara per il completamento della centrale nucleare di Dukovany, la quarta è la costruzione di un’autostrada di 200 chilometri e la quinta è la revisione della scuola primaria e secondaria curriculum per preparare al meglio i bambini al 21° secolo. E come ultimo punto, cita la digitalizzazione, grazie alla quale le persone non hanno bisogno di portare con sé carta d’identità o patente, tra le altre cose.

Fiala ha promesso di portare il Paese fuori dalla sua situazione attuale, e ancora una volta ha criticato le politiche del precedente governo Andrei Babi. “Ammetto che il governo precedente ha dovuto fare i conti con la crisi del coronavirus e ha dovuto prendere decisioni difficili. Ma questa non è una scusa per rinunciare a un Paese in cattive condizioni. Non sei stato in grado di sfruttare la crescita economica”, ha detto . detto all’avversario.

Nel suo intervento, Petr Fiala si è scusato per le parole di mercoledì, quando ha detto al ministro seduto accanto a lui che anche lui aveva “s*re”. Fiala pensava che il microfono fosse spento, con le sue parole ha reagito alla mancanza di diversi ministri in aula e l’opposizione ha chiesto la sospensione dei negoziati prima del loro arrivo. “Ho senza dubbio convinto anche coloro che dubitano che fossi umano, con le mie dichiarazioni informali non pubbliche, che sono state successivamente pubblicate. Ovviamente mi scuso con coloro che sono rimasti colpiti dalle mie dichiarazioni”, ha detto Fiala poco prima del voto. fiducia.

Quando ha finito, Andrej Babi ha preso la parola, contro i capi di governo e l’ODS. “Semplicemente non siamo entrambi d’accordo con lo stato del nostro paese”, ha affermato e mostrano, ad esempio, che la Repubblica Ceca è uno dei paesi meno indebitati dell’Unione europea. “Pensiamo che il nostro Paese sia in ottime condizioni”, ha detto.

Al termine del suo intervento, ha promesso che in qualche modo il governo potrà contare sull’appoggio del movimento YES. “Dopotutto, sosterremo tutto ciò che è positivo per la società, per le aziende, per il nostro Paese. E puoi contare su di noi per essere un’opposizione costruttiva, come ho promesso. Vogliamo che il nostro paese prosperi. le persone stanno andando bene e penso che sia un obiettivo comune e per questo la ringrazio, Primo Ministro”, ha concluso Babi.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.