È obbligatorio utilizzare nuovamente la mascherina in camera

Il ripristino dell’obbligo di utilizzo di mascherine protettive negli spazi chiusi e al chiuso per le persone di età superiore ai 12 anni, a partire da venerdì 8 luglio, è stato approvato dal Gabinetto di Cipro, a seguito delle pertinenti proposte del Ministero della Salute.

Come affermato nel suo annuncio dal Ministero della Salute, nei giorni scorsi si è registrato un aumento internazionale di tutti gli indicatori epidemiologici, oltre che del numero dei pazienti ricoverati. L’aumento dell’infezione è dovuto alle varianti BA.4, BA.5 e ai loro substrati evolutivi.

Secondo i dati dell’Unità di monitoraggio epidemiologico del Ministero della salute di Cipro, dal 25 giugno al 5 luglio 2022 nella comunità sono stati registrati 19.503 casi positivi, su un totale di 147.623 test (tasso positivo: 13%).

Il viaggio epidemiologico degli ultimi giorni solleva la necessità di rivedere le misure di protezione nel tentativo di fermare la diffusione del virus e mantenere la salute pubblica, ha osservato e sottolineato il ministero:

Pertanto, il Consiglio dei Ministri ha approvato la proposta del Ministero della Salute di reintrodurre l’uso obbligatorio delle mascherine protettive negli spazi chiusi e chiusi per le persone di età superiore ai 12 anni, a partire dall’8 luglio 2022.

Sono esclusi dalle regole di cui sopra:

– Casa,

– Persone che bevono o mangiano attivamente,

– Persone che viaggiano con veicoli privati ​​da sole o con altri familiari (compresi i minori),

– Persone durante esercizi sportivi/fisici (es. palestra, scuola di ballo, ecc.),

– Fornai/cuochi, solo durante la cottura,

– Persone con disturbi dello sviluppo cognitivo/mentale/speciale che non rispettano l’applicazione delle mascherine,

– Persone con gravi malattie neurologiche/neuromuscolari che non consentono loro di operare una maschera

– Persone con variazioni/deformità e/o lesioni anatomiche maxillo-facciali.

Si ricorda che l’inosservanza dell’atto costituisce violazione del Decreto e la sanzione di 300 euro è a carico del cittadino stesso e non dell’azienda.

Il Ministero della Salute esorta nuovamente i residenti a prestare attenzione alle misure di protezione individuale (mascherine, distanza, igiene delle mani) per prevenire un ulteriore deterioramento del quadro epidemiologico.

Il Ministero della Salute, in collaborazione con i membri del Comitato Scientifico Consultivo, valuta quotidianamente i dati e, se ritenuto necessario, si attivano per la tutela della Salute Pubblica.

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.