Enigmi sullo stato di salute: una dichiarazione ufficiale del manager e dell’ambiente

  1. tz
  2. Sport
  3. Più sport

Fatto:

A partire dal: Armin T Linder

Molti fan si stanno ancora chiedendo come stia Michael Schumacher oggi. © David Wolfgang Ebener/dpa

Che ne dici di Michael Schumacher? Molti dei suoi fan ancora oggi fanno questa domanda. Di seguito riassumiamo alcune delle dichiarazioni rese dai gestori e dai loro confidenti.

Kerpen – Quasi nessuna dichiarazione attuale sulle condizioni di salute di Michael Schumacher. Naturalmente, i fan ei media rispettano la privacy di Michael Schumacher. Tuttavia, i follower si stanno ancora comprensibilmente chiedendo come stia il loro idolo.

Il campione del mondo record di Formula 1 ha avuto un incidente il 29 dicembre 2013 mentre sciava sulle Alpi francesi. Durante la caduta, ha sbattuto la testa contro una roccia e, nonostante indossasse il casco, ha riportato una grave lesione cerebrale traumatica.

Michael Schumacher
Michael Schumacher nel 2012. © dpa

A più di otto anni dal suo brutto incidente, riassumiamo qui quello che aveva da dire la sua manager Sabine Kehm: le dichiarazioni sono arrivate da lui principalmente nei primi anni dopo l’incidente, dopodiché è diventato più calmo con le dichiarazioni. La tua mente: Qui troverete NESSUNA speculazione, solo dichiarazioni ufficiali degli agenti Michael Schumacher, Sabine Kehm e altri colleghi.

Dicembre 2017: il manager rivela un “desiderio segreto” che fa la differenza

Il quotidiano sportivo francese ha dedicato dicembre 2017 al quarto anniversario dell’incidente L’Equipe Caso Michael Schumacher poche pagine. “La salute del sette volte campione del mondo di Formula 1 è stata oggetto di molte voci”, afferma il giornale. Era il titolo della storia, in copertina un ritratto di un nativo della Renania con le parole: “Schumi, non ti dimenticheremo”.

La storia è divisa in vari articoli. Si elencano le molte voci che circondano Schumacher, alcune sono molto note. Un altro riguarda i bambini delle leggende della Formula 1. Ma l’articolo principale dovrebbe interessare molti fan L’Equipe certo – è molto, molto lungo e, ovviamente, soprattutto guardando il quadro generale. Ma non solo. Lo ha detto anche la manager di Schumacher, Sabine Kehm. Questa è una delle rarissime affermazioni (leggi di più sotto) dei confidenti di Schumacher. Quello L’Equipe a quanto pare ha incontrato Kehm a Nyon, in Svizzera.

Una citazione di Kehm in particolare fa sedere le persone e prestare attenzione. Da quando il giornale riporta, ha perseguitato i media tedeschi. Chi è il testo originale L’Equipe la lettura, tuttavia, ha imparato: l’ha detto nella primavera del 2016, ma ha ricevuto molta attenzione solo a dicembre.

“Mi ha detto che voleva scomparire”, ha detto il manager di Schumacher. “Mi ha detto (ad un certo punto prima dell’incidente), ‘Non chiamarmi per pianificare nulla per il prossimo anno, me ne vado.'” Era il suo sogno segreto. “Ecco perché non faccio uscire niente”.

Queste parole di Kehm gettano una luce completamente diversa sulla questione: quindi, il desiderio di Schumacher di manifestarsi è ancora meno pubblico di prima. Quindi ha senso che Kehm annunci di meno dopo l’incidente. Inoltre, si tratta della privacy di Schumacher. “Tutti capiscono la situazione”, ha detto Kehm. “È una questione di dignità”.

Kehm fornisce informazioni su come Schumacher si fosse precedentemente tenuto a distanza dalla stampa: “Ha sempre avuto regole molto rigide. Nessun giornalista aveva il suo numero, nessun fotografo era autorizzato a entrare con lui”.

Di seguito abbiamo riassunto per voi le affermazioni che Kehm ha fatto negli anni successivi all’incidente di Schumacher.

Michael Schumacher: Questo è ciò che la sua manager Sabine Kehm ha da dire sulle sue condizioni di salute: una scelta

Sabine Kehm è da molti anni il manager di Michael Schumacher. È l’unico a rilasciare una dichiarazione ufficiale sul suo stato di salute, ma anche con molta riluttanza, queste dichiarazioni sono diventate meno frequenti negli ultimi anni. Ecco una selezione delle loro dichiarazioni più importanti dall’incidente in ordine cronologico.

Sabine Kehm a gennaio/febbraio 2021 in occasione del film Schumacher: ha sottolineato: “Questo film dovrebbe rappresentare l’impareggiabile carriera di Michael, ma anche mostrare le mille sfaccettature di un uomo complesso: lo spietato e coraggioso pilota di Formula 1, l’ambizioso atleta, meccanico esperto con un talento tecnico unico, un giocatore di squadra affidabile e un amorevole padre di famiglia.

Sabine Kehm nel maggio 2017 sulla rete editoriale tedesca: “Michael è un personaggio pubblico, il pubblico ha il diritto di sapere che è successo qualcosa. Abbiamo anche chiarito che che è successo qualcosa di grave. Tuttavia, Michael è molto coerente nel tracciare una linea netta tra pubblico e privato. Fan e media lo hanno sempre accettato. La decisione di proteggere la privacy dal pubblico è stata presa nel migliore interesse di Michael. È diritto della famiglia affrontarlo nel migliore dei modi per la famiglia.”

Sabine Kehm nel dicembre 2016: “La salute di Michael non è una questione pubblica e come tale continueremo a non commentarla”, ha detto Kehm: “Se non altro perché dobbiamo proteggere il più possibile la privacy di Michael”. Da un punto di vista giuridico qualsiasi dichiarazione sulla salute “ridurrà in modo permanente il proprio livello di privacy”, Ha aggiunto. “Riconosciamo che questo potrebbe essere difficile da capire per alcuni, ma siamo completamente d’accordo con la posizione di Michael e possiamo solo ringraziarti per la tua comprensione”.

Sabine Kehm nel luglio 2016: “Michael non sarebbe dovuto sparire. Ma In questo momento la situazione personale è così difficile che non si può fornire alcuna intuizione. E tutti dovrebbero capirlo”.

Sabine Kehm nel marzo 2016 SZ: Si possono fare domande sul percorso di Schumacher verso una buona guarigione a due anni da un grave incidente sugli sci”.non rispondere in poche frasi“Hai molto da spiegare perché è un ‘processo costante’.

Sabine Kehm nel dicembre 2015: “Purtroppo, gli attuali resoconti della stampa ci obbligano a chiarire che le affermazioni secondo cui Michael può camminare non sono fedeli ai fatti.

Sabine Kehm nel maggio 2015: “Siamo lieti di continuare a dire che lei progresso no, e lo dico sempre vista la gravità del trauma cranico.” (…) “Ma ovviamente per tutti i soggetti coinvolti, lo sarà lunga lotta.”

Sabine Kehm su RTL nel novembre 2014: “Devi dargli tempo. Penso che dovresti sii davvero paziente.”

Sabine Kehm nel giugno 2014: “Michael lascia il CHU Grenobleper continuare il suo lungo periodo di riabilitazione. Lei è non più coma.” (…) “La sua famiglia desidera estendere un enorme ringraziamento a tutti i medici, infermieri, infermieri e terapisti che si sono presi cura di loro a Grenoble, così come i primi soccorritori sul luogo dell’incidente, che hanno fatto un eccellente lavoro negli ultimi mesi. prima.”

Sabine Kehm nell’aprile 2014: “Michael sta facendo progressi nel suo viaggio. Si vede Momenti di coscienza e risveglio” (…) “Lo supportiamo nella sua lunga e difficile lotta, insieme al team dell’ospedale di Grenoble, e restiamo fiduciosi”.

Sabine Kehm nel gennaio 2014: “L’anestetico di Michael è stato recentemente ridotto per metterlo in trasferimento processo di svegliache potrebbe richiedere molto tempo”.

Sabine Kehm poco dopo l’incidente del dicembre 2013: “Michael con uno viaggio privato sugli sci nelle Alpi francesi gli cadde di testa. È stato portato in ospedale e sta ricevendo cure mediche professionali”. L’équipe medica che lo ha curato ha aggiunto che le condizioni di Schumacher erano “molto gravi”.lesione cerebrale estesa“in pericolo di morte e in profondità” virgola artificiale è stato trasferito.

Michael Schumacher: Questo è ciò che gli amici e la famiglia hanno da dire sulle sue condizioni di salute

Jean Todt nel novembre 2021: il confidente di lunga data di Schumacher, Todt, i contatti Lettere di domenica per la parola. Dopo aver letto il suo diario, lo ha detto al giornale della sorella Mail giornalierache ha visitato l’ultima volta il suo ex protetto alla Ferrari il 18 ottobre. Ma che dire di Schumi? “Michael sta combattendo. Sta lottando e possiamo solo sperare che migliori”, ha detto Todt.

Jean Todt nell’ottobre 2019: In un’intervista con un italiano La Repubblica Il collega di lunga data di Michael Schumacher e buon amico di Jean Todt ha parlato dello stato di salute attuale del suo ex protetto. Tuttavia, l’ex capo della scuderia Ferrari ha insistito sul fatto che non ci sono stati cambiamenti significativi. “Non ci sono notizie a parte il fatto che Michael si sforza di migliorare ogni giorno”, ha detto Todt.

Luca di Montezemolo a febbraio 2016: “Purtroppo è caduto accidentalmente sugli sci”, ha detto di Montezemolo sul podio. Quello Sfortunatamente, le notizie che ha ricevuto da Schumacher non sono state buone, ha detto l’ex boss della Ferrari. Non ha fornito ulteriori dettagli.

L’ex manager Willi Weber nel dicembre 2015 ha detto a tz: “Cosa sappiamo? Michael sta facendo progressi, ma la domanda è: progressi a quale livello? Michael se l’è presa male, ho sofferto molto per questo e soffro ancora.” (…) “Ero preoccupato che non si sentisse nulla dalla famiglia e ho perso un po’ di trasparenza. Devi dire la verità e non puoi nasconderla per sempre. Michael è un uomo sotto gli occhi del pubblico. Non credo sia una buona cosa che le persone finiscano per non aumentare la consapevolezza. È come un gioco a nascondino”.

Jean-François Payen nell’ottobre 2014: “Sei su una scala temporale che va da un anno a tre anni“ha detto il capo dell’anestesia e della rianimazione dell’ospedale universitario di Grenoble, dove Schumacher è stato portato dopo un incidente sugli sci il 29 dicembre 2013. (lin con materiale da dpa, SID e tz)

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.