Fiala: La sicurezza energetica sarà un tema della Presidenza ceca, discuteremo del terminale GNL con la Germania

“Ci stiamo preparando con molta attenzione e attenzione per questo compito. Stiamo monitorando i risultati della Presidenza francese e adegueremo le nostre priorità”, ha affermato Fiala. “E’ chiaro che la presidenza ceca sarà significativamente colpita dall’aggressione russa in Ucraina e dalle sue conseguenze. Ovviamente uno dei grandi temi della presidenza ceca deve essere la sicurezza energetica e l’autosufficienza energetica”, ha sottolineato.

Come Fiala, il ministro dell’Interno ceco Vít Rakušan, che una settimana fa ha incontrato la sua controparte tedesca Nancy Faeserová a Berlino, ha parlato del programma per la Presidenza ceca.

“Avevamo preparato una serie di argomenti, ma questi argomenti ci sono stati dati (il presidente russo Vladimir) Putin. Gli argomenti erano l’Ucraina e il consolidamento dell’Europa, i preparativi per aiutare l’Ucraina”, ha affermato l’austriaco. Ha osservato che la guerra in Ucraina non è stata un conflitto limitato, poiché potrebbe avere ripercussioni di vasta portata non solo in Europa. Secondo la guerra austriaca, potrebbe complicare la fornitura di grano all’Africa, il che potrebbe portare a un’ondata di carestia. “Ciò potrebbe quindi innescare di nuovo un’ulteriore migrazione secondaria verso l’Europa. La sfida più grande della nostra presidenza è quella di aprire la questione e garantire la massima preparazione europea”, ha aggiunto.

La Repubblica Ceca negozierà con la Germania sull’uso congiunto del terminale GNL

La Repubblica Ceca negozierà con la Germania l’uso congiunto di un terminale di gas naturale liquefatto (GNL), che il governo tedesco vuole costruire per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia. Lo ha detto il primo ministro ceco Petr Fiala in una conferenza stampa congiunta dopo i colloqui con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. I cechi, come altri paesi europei, inclusa la Germania, volevano essere appassionatamente indipendenti dalla Russia dopo che il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato l’invasione dell’Ucraina. La dipendenza energetica dalla Russia è diventata un rischio per la sicurezza.

Secondo Fiala, la Germania può aiutare la Repubblica Ceca a eliminare la sua dipendenza dal gas russo grazie a un futuro terminale GNL. “Abbiamo deciso di avviare colloqui su questa possibilità e formare un gruppo di lavoro che cercherà modi per utilizzare la capacità futura (terminale) della Repubblica ceca”, ha affermato il primo ministro ceco.

Fiala insiste sul fatto che la Cechia si trova alla fine di un gasdotto attraverso il quale le materie prime energetiche, compreso il gas russo, fluiscono nel continente grazie alla sua posizione al centro dell’Europa. “Oggi, la Repubblica Ceca ne dipende per oltre il 95 percento”, ha detto Fiala a proposito dei travagliati legami.

Un altro punto importante dell’incontro è stato l’aumento della capacità di Fiala dell’Oleodotto Transalpino (TAL) che va in Germania e Austria da Trieste, Italia, dove le petroliere trasportano petrolio da tutto il mondo. La Cechia è collegata a TAL tramite la pipeline di prodotti IKL.

Secondo Fiala, l’aumento della capacità dell’oleodotto TAL è quindi fondamentale affinché la Repubblica Ceca possa imporre un embargo sul petrolio russo. “Apprezzo molto la disponibilità del Cancelliere e del governo tedesco ad assisterci in questo e ad avviare colloqui su come espandere la capacità del gasdotto TAL nel modo più efficace possibile”, ha affermato.

Scholz ha affermato che per la Germania, la Repubblica ceca e l’Unione europea nel suo insieme, è fondamentale ridurre la dipendenza energetica dalla Russia il più rapidamente possibile. “La Germania è già molto avanzata con petrolio e carbone (dalla Russia), stiamo lavorando molto sul gas. I cechi sono in una posizione di partenza diversa, ma il nostro obiettivo è lo stesso, ovvero ridurre l’indipendenza energetica il prima possibile”, disse il cancelliere. “Comprendiamo che la dipendenza (dalle materie prime russe) gioca ruoli diversi nei diversi paesi. Ecco perché agiremo insieme per cambiarla il prima possibile”, ha aggiunto.

In poche settimane, la Germania era vicina all’indipendenza dal petrolio russo e dal carbone russo e, nel caso del gas russo, la Germania ha ridotto la sua quota dal 55 all’attuale 35%. Vuole ottenere ulteriori riduzioni grazie al terminale GNL e, soprattutto, sostenendo la transizione verso fonti di energia pulita e rinnovabile. Berlino potrebbe fare a meno del gas in Russia entro il 2024.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.