Francia, Italia, Grecia, Cipro e Ungheria hanno sostenuto la secessione della Russia da Swift

Altri paesi dell’UE – tra cui Francia, Italia e Grecia – ha dichiarato che sosterrebbe il divieto dell’uso della rete di pagamento globale Swift in Russia nel tentativo di esercitare ulteriori pressioni sul paese dopo l’invasione dell’Ucraina.

Secondo il Guardian, anche Cipro e Ungheria hanno dichiarato che sosterranno la mossa. La mossa dovrebbe colpire in modo significativo il commercio russo, rendendo più difficile per le aziende russe fare affari.

Giovedì il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha avvertito che i politici europei e americani sarebbero “sanguinati” se non avessero sostenuto il divieto. Venerdì, il capo della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell ha affermato che il divieto non ha ricevuto la “necessaria unanimità” ma rimarrà “una possibilità per ulteriori considerazioni”.

È stato notato che la Germania resistere al blocco russo del sistema Swift, sostenendo che potrebbe avere l’effetto sbagliato e influenzare più della popolazione russa e meno della classe politica, mentre la Russia ha sviluppato il proprio sistema di pagamento in modo che in teoria abbia un’alternativa se si disconnette da Swift.

Fonte: skai.gr

Segui Skai.gr su Google News
ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.