Germania, Francia, Italia e Spagna condannano le nuove violenze a Gerusalemme

Il Ministro degli Affari Esteri Tedesco, Francia, Italia e La Spagna maledice oggi violenza a Gerusalemme est in una dichiarazione congiunta.

“Chiediamo a tutte le parti di esercitare la massima moderazione e di astenersi dalla violenza e da ogni forma di provocazione”, ha affermato il funzionario del ministero in una nota.

Almeno 152 palestinesi sono stati feriti in scontri con la polizia israeliana in tenuta antisommossa che venerdì ha preso d’assalto una manifestazione, allontanando centinaia di manifestanti su camion, sollevando timori di incendi nei Territori palestinesi.

Allo stesso tempo, il vice portavoce del ministero degli Esteri francese ha affermato che la Francia ha chiesto la “massima detenzione” dopo le rivolte e gli scontri tra la polizia palestinese e israeliana nella piazza della moschea di Gerusalemme.

“Chiediamo la massima moderazione e l’evitamento di ogni forma di violenza”, ha affermato.

“La Francia chiede il rispetto e la conservazione dello status quo storico nei luoghi santi di Gerusalemme e ricorda l’importante ruolo della Giordania in questo”, ha aggiunto.

Il terzo luogo più sacro dell’Islam, la Piazza della Moschea – o il Monte del Tempio come viene chiamato dagli ebrei – si trova nella Città Vecchia di Gerusalemme est, un’area occupata dai palestinesi dal 1967 da Israele.

La Francia ha anche ribadito la sua “forte condanna dell’attacco terroristico che ha ucciso 14 persone in Israele, tra cui uno dei nostri compagni”.

Dal 22 marzo si sono verificati quattro attacchi in Israele, i primi due sono stati effettuati da arabi israeliani affiliati all’organizzazione dello Stato Islamico ei tre autori sono stati uccisi dalle forze israeliane. Gli altri due attacchi sono avvenuti alla periferia della metropoli palestinese di Jenin, nella Cisgiordania occupata.

L’attacco ha causato la morte di quattordici persone in Israele, incluso un franco-israeliano.

Inoltre, 22 palestinesi, compresi gli autori, sono stati uccisi da quel giorno nelle violenze, per lo più legate ad “operazioni antiterrorismo” in Cisgiordania, secondo un conteggio dell’Agenzia francese.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.