Giorgio Chiellini in Nazionale italiana: conferma l’addio contro l’Argentina a Wembley

Ha detto addio alla ‘Nazionale’. Il difensore centrale Giorgio Chiellini, 37 anni, campione d’Europa la scorsa estate, partirà nazionale italiana dopo la ‘Finalsima’ del 1 giugno contro l’Argentina a Wembley.

capitano di Italia nella finale degli Europei contro l’Inghilterra allo stesso stadio di Wembley, Giorgio Chielliniche resta un pilastro della Juventus, vuole varcare le porte dello stadio dove ha alzato il trofeo più prestigioso della sua lunga carriera.

La partita, soprannominata la “Finalsima” e che vedrà i campioni d’Europa contro i campioni della Copa América, si svolgerà alla fine della stagione europea. Là, Chiellini dirà addio ai colori del suo paese.

L’Italia e il segno indelebile lasciato da Giorgio Chiellini

“Voglio salutare gli ‘Azzurri’ con bei ricordi. Questa sarà sicuramente la mia ultima partita con l’Italia”, ha annunciato lunedì sera il calciatore dopo la vittoria per 2-1 sulla ‘Juve’ in Serie A sul campo del Sassuolo .

Con un totale di 116 partite internazionali, non potrà partecipare all’ultimo Mondiale, a novembre in Qatar, dal momento che l’Italia è stata eliminata nei playoff del mese scorso contro la Macedonia del Nord.

Ricordati che Giorgio Chiellini Ha vinto anche titoli a livello giovanile con nazionale italiana: ha vinto il Campionato Europeo Under 19 2003, con sede in Liechtenstein.

A livello professionistico, con il club, ‘Gigio’ è popolare non solo giocando per la Juventus, ma anche difendendo le maglie di Livorno e Fiorentina.

Oltre a vincere la Serie A, ho portato a casa anche trofei di seconda e terza divisione italiana, oltre a Coppa Italia e Supercoppa. Si abbassarono le tende sull’azzurra. (AFP)

IL NOSTRO PODCAST

Influenza: come si diffonde e quali sono i consigli per prevenirla?

Questa mattina, nel segmento Espacio Vital, il consulente medico di RPP Noticias, il dott. Elmer Huerta, parla dell’influenza, di come si trasmette e quali sono alcuni consigli utili per prevenirne la diffusione, perché i sintomi sono forti quanto l’influenza. influenza.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.