Giornata europea e il mito della nazione saggia

Celebrando il giorno successivo alla vittoria sulla Germania nazista l’8 maggio 1945, la Giornata dell’Europa simboleggia la pace e la prosperità che l’UE ha garantito al popolo europeo all’indomani del conflitto più mortale e distruttivo della storia. L’osservanza di quest’anno ha un forte simbolismo. Ha coinciso con il 75° anniversario del trattato di fondazione della CEE, ma anche con l’invasione russa dell’Ucraina. Per noi greci, entra tra i 200 anni della Rivolta Nazionale e precede il centenario dell’ultima sepoltura della Grande Idea nel 1922. Per inciso, questo anniversario ci invita ad approfondire la trama della narrativa nazionale con l’unificazione europea.

Comune a tutti gli europei è ciò che lo storico Timothy Snyder chiama “il mito della nazione saggia”. Secondo lui, gli Stati nazionali esistevano prima dell’Unione Europea e attraverso la brutalità delle guerre mondiali hanno compreso il valore della pace. Mettendo da parte l’odio del passato, hanno creato l’UE. Grazie anche alla verità contenuta in questo stuzzicante mito, fu accettato senza esitazione. Ma se abbiamo appreso il valore della pace dallo spargimento di sangue della seconda guerra mondiale, Russia, Bielorussia e Ucraina, con circa 20 milioni di vittime, dovrebbero essere i paesi più pacifici. Anche la storia del dopoguerra dei paesi dell’Europa occidentale sfata questo mito perché anche loro furono coinvolti nelle sanguinose guerre coloniali in Asia e in Africa poco dopo il 1945. Il mito dello stato saggio, infatti, fece dimenticare agli europei tante sconfitte contro l’Europa occidentale Paesi. invasori, la guerra e le sue vittime. Allo stesso tempo, ha aiutato gli imperi europei in rovina a trovare il loro nuovo posto sulla scena internazionale grazie ai miracoli economici e sociali avvenuti in Europa dopo il 1945.

Il mito della nazione saggia contiene una seconda inesattezza. L’UE non è composta da Stati nazionali, ma da imperi che stanno crollando. Al momento della loro adesione all’UE, la maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale non esisteva come stati-nazione da secoli. Sono entrati a far parte dell’UE non appena hanno visto il loro territorio in contrazione in Europa. Gli stati nazione, tuttavia, esistono nell’Europa centrale e orientale e nei Balcani. Questi paesi appartenevano a un impero multinazionale che crollò nel 1918 e fu poi soggetto rispettivamente all’egemonia tedesca e sovietica. Il processo di adesione all’Unione europea – “ritorno in Europa” secondo Václav Havel – è iniziato il giorno dopo il crollo del socialismo esistente, con il risultato che anche questi paesi sono passati quasi istantaneamente dall’impero all’integrazione europea. Tuttavia, dimenticarono presto le ragioni che avevano dettato la loro adesione all’UE, anche se il periodo 1918-1948 aveva mostrato il fallimento dello Stato-nazione come modello di governo.

Grecia: Abbandono o comprensione del passato?

Il caso della Grecia non è molto diverso. Se guardiamo alla storia greca nel contesto della storia europea, scopriremo che lo stato-nazione è più una parentesi. La Grecia emerse dall’Impero Ottomano come stato-nazione, immaginando un impero multinazionale, “Due Continenti e Cinque Mari in Grecia”. Il fallimento della Grande Idea, lo scambio di popolazione e l’Olocausto hanno trasformato la Grecia in uno stato nazionale contro la sua volontà. Nonostante l’omogeneità nazionale raggiunta, la Grecia ha fallito nella sua missione fondamentale, vale a dire la sicurezza e la prosperità del suo popolo. Nel 1974, dopo conflitti esterni e civili, occupazione straniera, colpi di stato, instabilità politica, difficoltà economiche e l’invasione di Cipro, era uno stato-nazione esausto con istituzioni democratiche deboli, opportunità economiche limitate e, cosa più importante, nessuno può offrire la sua i residenti chiedono una vita migliore in futuro.

La domanda di adesione alla CEE è un riconoscimento di questo fallimento, mentre il graduale smantellamento dello Stato-nazione attraverso il trasferimento di maggiori poteri all’UE dopo la sua adesione nel 1981 è stata la decisione politica più radicale dall’Indipendenza. La presentazione della cancellazione parziale e della trasformazione del 1821 dal 1981 come nota a piè di pagina della narrativa nazionale contribuisce all’oblio piuttosto che alla comprensione del passato. Il mito della nazione saggia implica che se l’UE è la scelta degli stati-nazione, allora gli stati che ne emergeranno riscopriranno il passato glorioso ma immaginario dell’indipendenza nazionale. La Brexit e il referendum del 2015 sono manifestazioni di questo errore.

“innocenza” russa e ucraina

Se dubitiamo di come sarebbe la Grecia se non entrasse nell’UE, diamo un’occhiata agli stati-nazione post-impero che hanno sostituito l’impero ottomano e la Russia senza cercare l’adesione all’UE: si sono sviluppati in un’oligarchia politica ed economica autoritaria con tendenze espansionistiche . Il loro confronto con la prosperità dei paesi dell’UE spiega anche la loro aggressività. Per esempio. Nel 2013 la Russia ha compiuto ogni sforzo per impedire i collegamenti UE-Ucraina. Quando ha fallito, ha iniziato a dividere gradualmente l’Ucraina per paura delle domande che la Russia potrebbe affrontare sull’innalzamento del tenore di vita degli ucraini attraverso la loro adesione all’UE.Il caso della Russia mostra che dobbiamo insegnare la storia, non i miti nazionali. Negando un’alleanza colpevole con la Germania nazista tra il 1939 e il 1941, la Russia ha fabbricato un mito nazionale dell’innocenza della Russia durante la seconda guerra mondiale e lo ha usato per giustificare presunti tentativi di de-nazizzare l’Ucraina.

La negligenza passata implicata dal mito dello stato saggio potrebbe essere stata una componente importante dell’UE nel primo periodo dopo il 1945. Ma a lungo termine, rappresenta una minaccia per la resilienza dell’UE nel tempo. È tempo di rendersi conto che abbiamo bisogno della stessa storia europea nell’istruzione. I miti nazionali sono pezzi non corrispondenti del puzzle che non hanno plasmato la storia europea.

Paschalis Paschalidis

Paschalis Paschalidis è professore associato di diritto europeo presso l’Università di Lione 3 “Jean Moulin” e consulente specializzato in arbitrato internazionale presso lo studio legale lussemburghese Arendt & Medernach. È stato docente (référandaire) nell’ufficio del Primo Procuratore Generale presso la Corte di Giustizia dell’UE Melchior Wathelet dal 2012 al 2018. Si è laureato in giurisprudenza presso l’Università Aristotele di Salonicco e ha conseguito un dottorato in giurisprudenza presso l’Università di Oxford .

Fonte: Deutsche Welle

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.