Gli Stati Uniti “mostrano” i generali russi all’Ucraina

Il governo degli Stati Uniti ha fornito all’Ucraina informazioni che hanno permesso loro di trovare e uccidere diversi generali russi che erano in prima linea nella guerra, ha rivelato ieri il quotidiano New York Times. L’Ucraina ha annunciato l’uccisione di 12 generali russi, un numero elevato che ha sconvolto gli analisti militari.

Secondo il rapporto, Washington ha fornito a Kiev informazioni dettagliate sui movimenti delle truppe, l’ubicazione e altri dettagli del centro di comando mobile dell’esercito russo. Le truppe ucraine, utilizzando questi elementi e combinandoli con le proprie, in particolare l’intercettazione delle telecomunicazioni russe, hanno lanciato artiglieria e altri attacchi che hanno provocato la morte di alti ufficiali russi.

La pubblicazione ha suscitato un’immediata reazione da parte del Cremlino e del suo portavoce Dmitry Peshkov. “Il nostro esercito è ben consapevole del fatto che Stati Uniti, Gran Bretagna e altri Stati membri della NATO inviano costantemente informazioni e altri parametri alle forze armate ucraine. Questo è ciò che si sa”, ha affermato, aggiungendo che le informazioni, combinate con le flusso di armi inviato da questi paesi e dall’Alleanza del Nord Atlantico in Ucraina”, sono azioni che non contribuiscono al rapido completamento delle operazioni. “Ma allo stesso tempo, tali azioni non sono in grado di impedire il raggiungimento degli obiettivi fissati durante le operazioni militari speciali”, ha concluso.

All’inizio di marzo, il comune di Novorossijsk, nella Russia meridionale, ha confermato che il generale Andrei Sukhovetsky, vice comandante della 41a armata, era “eroicamente caduto” in Ucraina. Lunedì, il Pentagono ha annunciato che il capo di stato maggiore russo, il generale Valery Gerasimov, era stato in prima linea nel Donbass, nell’Ucraina orientale, per “diversi giorni” la scorsa settimana, indicando che alti funzionari russi sono sul campo di battaglia. Un consigliere del ministero dell’Interno ucraino ha dichiarato domenica che diversi alti funzionari russi sono stati colpiti quando si è verificata una “esplosione” a Izium, aggiungendo che il capo di stato maggiore russo era sulla scena.

Il trasferimento di informazioni fa parte di un flusso crescente di aiuti statunitensi all’Ucraina che include armi pesanti e decine di miliardi di aiuti, a dimostrazione della rapidità con cui le restrizioni statunitensi sugli aiuti a Kiev si sono spostate mentre la guerra entra in una nuova fase. Il flusso di informazioni sul movimento delle truppe russe che gli americani hanno fornito all’Ucraina è stato considerato senza precedenti.

L’amministrazione Biden ha cercato di mantenere segreta l’intera operazione, temendo che potesse degenerare in una guerra in piena regola con il presidente Putin. Le agenzie di intelligence statunitensi utilizzano una varietà di fonti, inclusi satelliti commerciali e classificati, per tracciare i movimenti delle truppe russe. Il mese scorso il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin è arrivato a dire che “vogliamo vedere la Russia indebolirsi al punto da non poter più fare quello che ha fatto quando ha invaso l’Ucraina”.

Sul suolo ucraino, i combattimenti continuano ancora una volta con interesse a Mariupol e riporta che le truppe russe sono entrate nelle acciaierie Azovstal, dove sono intrappolati soldati e civili ucraini. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peshkov ha negato le accuse, ma i combattimenti nell’area sono stati feroci. La Russia aveva annunciato un cessate il fuoco di tre giorni per rimuovere i civili intrappolati, ma ieri è stato violato, secondo le autorità ucraine.

Anche le nuove esercitazioni militari sul suolo bielorusso sono preoccupanti, poiché le autorità britanniche affermano che “potrebbero riflettere l’intenzione della Russia di espandere la minaccia al confine settentrionale dell’Ucraina al fine di mantenere le truppe ucraine nella regione e impedire il loro possibile trasferimento e coinvolgimento sul principale Donbass davanti, a est. ».

Mosca ha annunciato ieri che le sue forze hanno effettuato un attacco nucleare simulato sull’enclave occidentale di Kaliningrad, che si trova tra Polonia e Lituania lungo la costa baltica. La Russia ha effettuato un “lancio elettronico” simulato del sistema missilistico balistico Iskander con capacità nucleare, ha affermato il ministero della Difesa russo.

Quanto al campo diplomatico, per disinnescare le tensioni tra Kiev e Berlino, il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha parlato ieri al telefono con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, con l’obiettivo di “discutere e risolvere la questione”. a Kiev. “Le tensioni del passato sono state chiarite”, ha detto un portavoce presidenziale, aggiungendo che Zelensky aveva invitato Steinmeier e tutta la leadership politica tedesca a Kiev. Secondo Spiegel, alcuni hanno collegato la visita del presidente francese Emanuel Macron a Berlino lunedì con una possibile visita congiunta in Ucraina, mentre ieri il leader di centrosinistra italiano Enrico Letta ha affermato che i “leader dei cinque maggiori paesi europei” Francia, Italia, Germania, Spagna, Polonia, stanno pensando di andare insieme a Kiev”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.