I biatleti italiani eccellono solo nelle distanze di tiro: il biathlon

Lisa Vittozzi è la migliore Azzurra. © APA/afp / MICHAL CIZEK

Lo sprint femminile si è svolto venerdì pomeriggio alla Coppa del mondo di biathlon a Östersund. Le Azzurre hanno sfiorato il primo posto, pur essendo tra le migliori al tiro.

Sembra che ci sia qualcosa che non va nel materiale di venerdì: nonostante Lisa Vittozzi sia stata una delle poche atlete a riuscire a centrare tutti gli obiettivi, la vincitrice della gara individuale non è riuscita a superare il nono posto. L’italiano ha recentemente saltato la staffetta a causa di un malore e potrebbe non essere al 100% in forma, ma con la sua forma di tiro il 28enne è solitamente in cima alla classifica.

Ciò sottolinea anche il fatto che anche il resto delle Azzurre sono in difficoltà in pista. Dorothea Wierer è arrivata 17esima con un errore e Rebecca Passler, senza errori, ha concluso una posizione indietro. Per Passler si tratta comunque di un risultato straordinario che il giovane di Anterselva potrà continuare a sviluppare. Ma questa volta Hannah Auchentaller non ha colto il punto. Ma anche lui ha sbagliato “solo” una volta. Dopotutto, i biatleti italiani sono ai vertici nella distanza di tiro.

Prima vittoria

C’è un nuovo volto vincente al vertice: la francese Lou Jeanmonnot ha ottenuto la sua prima vittoria in Coppa del Mondo. La 25enne ha vinto a Östersund davanti alle norvegesi in forma Karoline Offigstad Knotten e Juni Arnekleiv. Dietro di loro atterrarono le due tedesche Franziska Preuß e Vanessa Voigt. Entrambi sembrano beneficiare di un buon materiale quest’anno, poiché nessuno dei due è perfetto al poligono di tiro.

Lou Jeanmonnot era in testa per la prima volta. © ANSA/Ponto Lundahl

Lo sprint maschile continua sabato a Östersund (14.45). Domenica, infine, sono in programma le gare di inseguimento per donne (ore 14.00) e uomini (ore 16.00).

raccomandazione

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."