I paesi dell’UE stanno valutando la possibilità di sequestrare l’infrastruttura energetica della Russia – EURACTIV.cz

Le capitali offrono una panoramica unica degli eventi dei paesi europei.


SOFIA | BERLINO ROMA

I governi da Sofia a Berlino stanno valutando la possibilità di rilevare, nazionalizzare o sequestrare infrastrutture energetiche di proprietà di società collegate alla Russia.

In Bulgaria è iniziato un dibattito politico sulla possibile espropriazione di asset strategici delle società russe. Il partito di coalizione democratica al potere in Bulgaria ha chiesto al governo di preparare misure per un possibile esproprio di alcune proprietà Lukoil bulgare.

Lukoil è anche in Italia. Rapporti dei media ad aprile consigliatoche il paese può nazionalizzare la raffineria ISAB, che è sotto la Lukoil russa. Se l’UE accettasse un embargo petrolifero, l’Italia potrebbe prendere in considerazione l’acquisizione temporanea della raffineria, secondo la redazione di EURACTIV Italia.

In Germania, nel frattempo, il governo tedesco spera di approvare una legge che consenta l’acquisizione di infrastrutture critiche, afferma EURACTIV.de.

“Dobbiamo imparare da questa crisi che non affideremo mai più infrastrutture critiche nelle mani della Russia o di paesi come la Russia. È stato un errore”, ha detto giovedì (12 maggio) ai legislatori tedeschi Michael Kellner, Segretario di Stato per il Ministero dell’Economia e del Clima. Ulteriori informazioni.


PARIGI

La Francia ha un nuovo primo ministro, ma non a tutti piace. Il presidente Emmanuel Macron ha nominato l’ex ministro del lavoro Elisabeth Borne nuovo primo ministro del Paese. La sua nomina è stata criticata dai legislatori.

Borne è stato “punito per inattività climatica”, ha affermato Jean-Luc Mélenchon, membro dell’eurodeputato, l’eurodeputato di sinistra. decisione del tribunale contro lo Stato sulla protezione del clima.

Thierry Mariani, un membro di destra dell’Associazione Nazionale di estrema destra, in seguito ha criticato il nuovo primo ministro per aver perso i suoi interessi ed essere solo il “direttore di gabinetto” di Macron. Nadine Moran, eurodeputata di destra di Les Républcains, che essere contrassegnato per “Direttore di Gabinetto”. (Theo Borurgery | EURACTIV.fr)


HELSINKI

Ministro degli Esteri finlandese: l’adesione alla NATO non viene scambiata. Il ministro degli Esteri Pekka Haavisto (verde) ha dissipato le preoccupazioni che la Turchia possa bloccare l’ingresso della Finlandia nella NATO. A suo avviso, in cambio dell’adesione alla NATO, la Finlandia non sarebbe un porto sicuro per il Partito dei lavoratori curdi (PKK), come ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan della Finlandia (e della Svezia).

“Non commerciamo (con l’adesione alla NATO) e la nostra risposta chiara è che il PKK è stato bandito in Finlandia da quando è stato aggiunto all’elenco dell’Unione delle organizzazioni terroristiche. Se c’è qualcosa che non è chiaro, possiamo scriverlo in maiuscolo”, ha detto il ministro delle Finanze, smentendo le accuse del presidente turco. (Pekka Vanttinen | EURACTIV.com)


STOCCOLMA

Il parlamento svedese non approva l’adesione alla NATO. Lunedì (16 maggio) si è tenuta una sessione straordinaria al parlamento svedese, durante la quale i leader dei partiti politici hanno espresso le loro opinioni sull’adesione del paese alla NATO. Mentre la maggior parte di loro ha sostenuto l’adesione all’Alleanza, la sinistra ei Verdi si sono opposti. (Carlo Szumski | EURACTIV.com)


VARSAVIA BRATISLAVE

Gazprom non ha ordinato il trasporto di gas in Europa attraverso la Slovacchia e la Polonia a giugno. Gazprom ha deciso di non ripristinare la capacità di transito per il trasporto del gas attraverso il gasdotto Jamal attraverso la Polonia o attraverso il nodo di confine slovacco Veľké Kapušany. Ne parla a TK.

Gazprom non fornirà gas attraverso il gasdotto Yamal, che scorre in Germania attraverso la Bielorussia e la Polonia, a causa delle sanzioni contro EuRoPol di GAZ, proprietaria della sezione polacca del gasdotto. Per quanto riguarda il nodo Veľké Kapušany, Gazprom dovrà acquistare capacità di trasporto per la consegna all’asta dell’energia. (Michal Hudec | EURACTIV.sk)


Su di noi puoi trovare altre sezioni di notizie da tutta Europa Sito partner di EURACTIV.com.


Vuoi ricevere regolarmente The Capitals nella tua casella di posta elettronica? Cliente.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.