I romani obbedirono al divieto di uscire la sera. Cinghiali affamati conquistano la città

I residenti di Roma nord si sono dovuti abituare al coprifuoco in questi giorni. Ciò è dovuto ad un attacco riproduttivo di cinghiali, che da diversi anni vagano nei pressi della capitale italiana. Una donna è persino rimasta a testa in giù durante un recente combattimento prima che il suo cane la salvasse.

Secondo una recente raccomandazione del governo locale, le persone che vivono nel quartiere Balduina di Roma non dovrebbero uscire di casa dopo le 21:30. “Se vieni attaccato e ferito da un cinghiale durante queste ore, potrebbe non esserci nessuno intorno a te ad aiutarti e potrebbe volerci del tempo per trovarti”, ha affermato il quotidiano. Guardia Gianlucu Sabina, che abita in zona.

La zona Aurelio, alle porte di Roma, risolve lo stesso problema. Secondo il capo dell’associazione di quartiere, Franco Quaranta, gli stessi residenti hanno iniziato a rispettare il coprifuoco, perché i politici comunali non hanno adottato misure efficaci per prevenire incidenti con i maiali.

“E se i cinghiali attaccassero non gli adulti ma i bambini? Solo un morso dei suoi grandi denti può causare lesioni potenzialmente letali”, ha detto Quaranta. “I maiali si stanno avvicinando sempre di più agli umani, non solo di notte. Spesso camminano per strada a qualsiasi ora del giorno”, ha aggiunto Giovanni Mantovani, che gestisce un’associazione di quartiere a Monte Maria.

Finora, l’ultima vittima dell’animale cattivo è la psicoterapeuta Marta Santangelová, che è stata spaventata da un cinghiale nella spazzatura quando è andata a portare fuori il suo cane. “Erano quasi le undici di sera. Stavo per buttare via il sacco della spazzatura quando ho visto i porcellini vicino al contenitore. Ma poi la loro madre mi ha inseguito. Probabilmente era preoccupata per i cuccioli così ho preso subito il cane tra le mie braccia e sono corsa a nascondermi”, spiegò la donna.

Tuttavia, il suo tentativo di fuga non ha avuto successo. Bachyna lo attaccò e lo fece cadere a terra. “Ad un certo punto ho sentito la testa correre. Ho urlato e il mio cane ha iniziato a difendermi. C’erano sette maialini che correvano in giro ma non ci ho pensato”, ha detto Santangelo. Un motociclista di passaggio ha poi portato la donna in ospedale, dove i medici l’hanno curata per lievi ferite al viso e alle ginocchia.

In risposta all’attacco, la dirigenza cittadina ha iniziato a costruire recinzioni attorno al parco nazionale dove gli animali entrano a Roma e, più frequentemente, a raccogliere bidoni della spazzatura attorno ai principali punti di accesso. Secondo gli ambientalisti, i cinghiali attaccano gli esseri umani solo quando sentono di mettere in pericolo la loro prole o le fonti di cibo.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.