il ciclista è contento del suo ritorno alle competizioni

Tutti i colombiani sono sorpresi dalla loro soddisfacente ripresa Egan Bernal, dopo l’incidente subito il 24 gennaio, in cui il ciclista si è schiantato contro un autobus che si era fermato sulla strada di Gachancipá.lasciando i coltivatori di caffè gravemente feriti e fuori da ogni concorrenza entro il 2022.

104 giorni dopo l’incidente, Egan Bernal ha messo a tacere tutti gli appassionati di ciclismo e soprattutto i medici, tenendo conto del grande processo di recupero, rompendo tutti i paradigmi e le opinioni scientifiche, perché nemmeno il pensiero più ottimista che in 104 di quegli incidenti Egan potesse stare sui pedali.

Questa prova è stata resa possibile grazie a María Fernanda Motas, coppia di atleti, che ha subito a video pubblicati sui loro social network, che mostrano come stanno i ciclisti sui pedali, lo fece per la prima volta, dopo un incidente sulla strada di Cundinamarca.

Leggi anche: Giro d’Italia 2022: Questa è la Strada Ciclabile Colombiana

“La cosa più bella che vedremo oggi… Egan Arley in piedi sul pedale per la prima volta”, si legge in un messaggio del partner dell’atleta sul proprio social network.

Il ritorno di Egan Bernal

Dopo aver appreso della grande ripresa di Egan Bernal, tutti i tifosi iniziano a interrogarsi sulla possibile data per il ritorno del corridore colombiano alle competizioni ciclistiche. Ebbene, secondo quanto riportato dal dottor Gustavo Uriza, il chirurgo che ha curato Egan dopo l’incidente, il pilota originario di Zipaque potrebbe tornare alle corse dopo il 24 maggio, esattamente 120 giorni dopo l’incidente.

Leggi anche: Giro d’Italia 2022: vedi classifica generale aggiornata dopo la tappa 3

Allo stesso modo con il pilota Ineos che ha continuato la sua ripresa sul suolo italiano, dove ha annunciato di non avere alcuna voglia di tornare alle competizioni, perché, in primo luogo, voleva rafforzare il suo fisico e combattere i grandi.

“Sì, mi sono visto correre, almeno, tuuno dei primi tre (Giro d’Italia, Tour de France o Vuelta a España). Certo, mi sembra di essere completamente guarito E spero di non soffrire. È complicato, perché devi lavorare sodo per rafforzare il tuo corpo”, ha detto il ciclista colombiano.

Il colombiano ha infine confermato che non sa ancora se avrà lo stesso livello di competizione di prima della caduta, che continuerà a lavorare per aiutare la sua squadra e potrà recuperare quello che aveva quando è diventato campione del mondo. Giro d’Italia e Tour de France.

“Non so se tornerò al mio livello precedente per poter vincere una di quelle grandi gare. Almeno penso e voglio provare essere socievoli, disponibili e capaci di essere a quel livello”fatto Colombia.

Leggi anche: Nuovo Campione! Germán Darío Gómez vince la Vuelta de la Juventud 202

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.