Il “nipote” del patriarca Putin è il bersaglio delle sanzioni occidentali

Di Marina Ziozio

Le rivelazioni di ieri sulle imminenti sanzioni occidentali contro di lui hanno un senso Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill.
Infatti, secondo un documento citato dall’agenzia di stampa francese Afp, il primate della Chiesa ortodossa russa è considerato “un alleato di lunga data del presidente Vladimir Putin ed è stato uno dei principali sostenitori dell’invasione russa dell’Ucraina”. Allo stesso modo è la dichiarazione di papa Francesco sul quotidiano italiano “Corriere della Sera” che Cyril “non può essere il nipote del presidente Putin”.

Tuttavia, questa era una realtà per il Patriarca di Mosca. Un convinto sostenitore del presidente russo ha descritto la guerra come una “missione sacra” volta a difendere l’Ortodossia e l’identità russa, che secondo lui è minacciata dall’influenza dei demagoghi occidentali. . Da settimane i primati della Chiesa ortodossa, affiliata al Patriarcato di Mosca, chiedono a Cirillo di esprimersi contro l’invasione russa. I loro appelli non sono stati ascoltati.

E come se non bastasse, il Patriarca di Mosca che presta servizio nei giorni festivi di Pasqua consacra pezzi di torta pasquale, molti dei quali vengono inviati nel Donbas. Nel suo sermone ha esortato “i cuori, le menti, le anime a calmarsi, affinché questo conflitto mortale possa finire il prima possibile e prevalga la pace tanto attesa”. Ha parlato a sostegno dell’Alleanza USA, ma ha detto che difendere l’indipendenza non era la risposta. Ora è chiaro che in questo modo continua a sostenere le “operazioni militari speciali” di Mosca e il presidente russo.

“Diplomatico di carriera”
Molti si sono chiesti quale fosse il vero volto del leader religioso russo. Diplomatico di carriera, Cyril è stato capo del Dipartimento per gli affari ecclesiastici della Chiesa per due decenni. In qualità di “ministro degli esteri” del Patriarcato di Mosca, ha viaggiato per il mondo. Era un negoziatore capace e formidabile, e spesso – si dice – arrivava al punto di interrompere conversazioni che non erano “a suo favore”.

Consapevole e rafforzato dal fatto che il Patriarcato di Mosca rappresenta almeno 100 milioni di russi ortodossi, chiede rispetto, ma anche dominio delle sue posizioni e opinioni sui suoi interlocutori.
Molti dei suoi compatrioti hanno sottoscritto la sua convinzione che dovrebbero guidare l’Ortodossia del Patriarcato ecumenico e realizzare la sua visione di creare la cosiddetta Terza Roma.

“Eletto Patriarca durante la presidenza Putin”
Indubbiamente la storia è interessante. Ονυν Patriarca di Mosca è nato il 20 novembre 1946 a Leningrado (ora San Pietroburgo) come Vladimir Mikhailovich Gudyaev, figlio di un prete e insegnante tedesco. Nella sua famiglia, il sacerdozio sembra aver giocato un ruolo decisivo nel percorso che poi ha seguito e nel carattere che ha formato. Vale la pena ricordare che anche suo nonno, suo padre e suo fratello erano sacerdoti.

Nel 1965, dopo essersi diplomato al liceo, Gudyaev è entrato all’Accademia teologica di Leningrado e nel 1969 è diventato un monaco, di nome Cyril. Il 7 aprile dello stesso anno fu ordinato sacerdote-diacono e il 1 giugno monaco. Ciò che colpisce nel suo caso è che nel 1970 si laureò con lode in teologia all’Accademia teologica di Leningrado, completando otto anni di studio in soli 4 anni. All’età di 28 anni, Cyril divenne rettore dell’Accademia teologica e della Scuola di Leningrado. Nel decennio successivo è salito alla gerarchia della Chiesa russa e il 27 gennaio 2009 ha ottenuto il 75% dei voti del Consiglio dei vescovi della Chiesa ortodossa russa a Mosca, venendo eletto Patriarca sotto Putin. Forse è per questo che il Patriarcato di Mosca è stato subito coinvolto attivamente nelle politiche espansionistiche del presidente russo.

Ha dimostrato un ricco lavoro filantropico e pastorale nel suo Paese, riuscendo a unire, per il momento, il suo popolo, mentre la sua predicazione contraddice spesso anche lo stesso insegnamento cristiano in termini di tolleranza e accettazione della diversità.
Caratteristica è la sua recente dichiarazione sulla correlazione tra il declino morale dell’Occidente nei confronti della Russia e la guerra in Ucraina.
“Il conflitto in Donbass riguarda il rifiuto dei valori offerti da coloro che rivendicano il potere mondiale. Il test laterale che sostieni è se il tuo Paese è disposto a ospitare una parata del Gay Pride.

“Guerra autocefala ucraina”
Il capitolo “Ucraina autocefala” e la minaccia di una scissione nell’Ortodossia da parte di Cirillo, come si è scoperto, erano un presagio di guerra in Ucraina. Purtroppo da noi in pochi se ne rendono conto… “Non hanno dato la montagna e sono venuti qui”… “Niente di sconosciuto, niente di nuovo”. Il Patriarca di Mosca usa tutta la sua influenza diplomatica e il suo potere finanziario per fare pressione su altri Patriarcati e provocare una spaccatura nella Chiesa ortodossa.

Come sul campo di battaglia, le speranze della Russia furono fortunatamente disattese, così come le realtà ecclesiastiche in Ucraina.

Il sacerdote ucraino metropolita Onoufrios, che è vicino al Patriarcato di Mosca, non vuole chiamare il patriarca russo poiché vedono sul suo volto il capo religioso del loro invasore. Di conseguenza, si allontanarono dalla Chiesa filo-russa in Ucraina e alcuni si unirono alla nuova Chiesa autocefala, sotto il metropolita Epifanio, o chiesero l’autonomia, senza più menzionare Cirillo. La risposta immediata di Mosca fu che la cessazione della memoria fu divisione.

Fonte: skai.gr

Segui Skai.gr su Google News
ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.