Il presidente del Comitato olimpico ucraino: “Ho fatto di tutto per salvare il mio popolo”

Ex atleta e attuale presidente del Comitato olimpico ucraino, Sergei Bubka, non ha potuto trattenere le lacrime questo mercoledì durante la sua visita agli atleti profughi a Roma e ha assicurato di avere il “cuore spezzato”, ma cosa sta facendo? “tutto è possibile per portare la pace e salvare il mio popolo“.

La leggenda dello sport ucraino ha partecipato a un incontro con i media a Roma e ha fatto visita agli atleti ucraini catturati dall’Italia durante l’invasione russa. su ucraino, qualcosa che apprezzi e per cui vuoi essere grato.

Senza l’Italia non avremmo futuro. Mai in vita mia ho trovato una tale solidarietà. Il mio cuore è spezzato. Faccio del mio meglio per portare la pace e salvare il mio popolo“, afferma la campionessa olimpica di salto con l’asta (Seoul, 1988).

E l’Italia è il Paese che finora ha ospitato più atleti ucraini: “Interpretiamo nel migliore dei modi il concetto di solidarietà olimpica”ha spiegato il presidente del Comitato Olimpico Italiano (CONI), Giovanni Malag, che ha ricevuto nella capitale italiana l’attuale presidente dell’Ucraina.

Pensa sempre al centro di preparazione olimpica come alla tua seconda casa, anche se non vogliamo che duri per sempreperché sappiamo quanto vuoi tornare nel tuo paese”, ha detto Malagó.

Bubka ha potuto dialogare con atleti di varie federazioni ucraine che ora vivono e continuano la loro formazione sportiva all’interno dei confini italiani, tra questi ci sono gli atleti di canottaggio, taekwondo e scherma.





Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.