“Il presidente deve assicurarsi che la Costituzione non sia una decorazione”, ha detto Fischer alla gente

“Saresti un grande presidente perché sei moderato, ben informato e puoi rispettare altre opinioni”, ha detto l’uomo biondo più anziano al microfono, lodando il senatore Pavel Fischer.

È domenica sera. All’aquila di Bokovice, una settantina di persone hanno ascoltato i politici. È attorno a quella presidenza che ruotano diverse questioni. “Sono consapevole che la Repubblica Ceca si trova in una situazione difficile. I risultati delle elezioni parlamentari non erano certamente chiari in anticipo e i margini alla fine erano molto stretti. Questo Paese ha bisogno di un presidente che lavorerà a stretto contatto con il governo, per garantire che la Costituzione non è solo per la decorazione e per poter parlare in un ambiente internazionale”, ha risposto Fischer.

Per ora ha lasciato aperta la questione della propria candidatura. “Ne sto parlando. Mi preparo in modo tale da non complicare le cose e contribuire a una soluzione. Non posso dire come sarà ora. Per ora tengo il calendario nelle mie mani”, ha detto il politico 56enne.

La sua consigliera Alena Wagner Ježková ha ricordato dopo un po’ che il senatore è venuto nel sud della Moravia su invito del suo collega Jaromíra Vítková (KDU-ČSL). A causa della situazione epidemica, l’incontro è stato spostato dal periodo precedente il Natale avventista alla fine di gennaio. “Non stiamo facendo una campagna qui. Se il signor Fischer entra, lo annuncerà pubblicamente”, ha aggiunto.

Il dodicesimo senatore di Praga ha risposto per la prima volta alle domande del suo portavoce durante una discussione di 90 minuti con il popolo. Racconta gli inizi della politica, che secondo lui era “cieca al violino” a metà degli anni ’90. A quel tempo, è entrato a far parte dell’ufficio del presidente Václav Havel. Ha raccontato agli studenti i suoi viaggi e le esperienze generali con il primo capo di stato ceco. Ricordò, ad esempio, come Havel si preparò per una visita all’estero e diresse la donazione di un cavallo Kladruby alla famiglia reale spagnola. “C’è molta preparazione intorno a questo e Havel l’ha preso con molta attenzione come palcoscenico del teatro”, ha intrattenuto la folla Fischer.

Ha trascorso un totale di otto anni nell’ufficio presidenziale di Havel. “Era un’ottima scuola. Direi che non ci siamo fermati”, ha aggiunto il senatore.

Racconta anche alle persone dei suoi esploratori, della sua famiglia o delle sue esperienze politiche. Dopo meno di un’ora, è sorta la domanda del visitatore. Fischer, ad esempio, ha commentato la minaccia del conflitto russo-ucraino. “Era la nostra unica preoccupazione in quel momento. Sessanta soldati sono morti in Ucraina l’anno scorso. Quello a cui stiamo assistendo deriva da un periodo in Russia in cui si sta decidendo anche l’eredità politica di Vladimir Putin. Occupare altri territori è un metodo che ha spesso funzionato in Russia in passato. “, ha discusso Fischer.

Il vecchio domina nell’aquila, ma è arrivata anche l’intera famiglia. “Non l’ho visto di persona, quindi voglio incontrarlo di persona. Nelle elezioni precedenti, lo abbiamo considerato un candidato caldo in famiglia. Potrebbe riprovare”, ha detto Petr Blaha.

Anche Martin Vybíhal e sua moglie Miloslava hanno assistito all’incontro. Sono arrivati ​​per discutere da Cetkovice.

“Pensiamo che il signor Fischer stia andando nella giusta direzione e non abbiamo paura di parlare apertamente, ad esempio del presidente. Mi piace la sua performance nel caso di Vrbětice. È dotato di lingua. Inoltre, è attivo e non siede solo sulla panchina del senatore. Non sono silenziosi, dove sono gli altri”, ha detto Martin Vybíhal.

“Siamo d’accordo con lui. Posso certamente immaginarlo come presidente”, ha convenuto sua moglie.

Secondo Vybíhal, il primo turno delle elezioni parlerà di possibilità presidenziali. “Ma il generale Petr Pavel o l’ex primo ministro Andrej Babi avrebbero probabilmente molto più peso, che penso siano i principali favoriti”, ha aggiunto.

Fischer si è candidato alla presidenza quattro anni fa. Con il dieci percento, non è arrivato al secondo round al terzo posto.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.