Il processo politico si sta intensificando alla luce delle elezioni parlamentari


Primo ingresso: lunedì 2 maggio 2022, 16:35

Con i partiti di sinistra francesi che mostrano la disponibilità a unirsi sotto Melanson e il presidente Macron negoziando con partiti, organizzazioni e individui a volte di destra e talvolta di sinistra, la Francia è ora entrata una volta per tutte in un altro periodo elettorale. , con l’obiettivo delle elezioni parlamentari a giugno .

A sinistra, ribelli ed ecologisti francesi hanno annunciato di aver raggiunto un accordo politico. È probabile che lo stesso accada lunedì con il Partito Comunista, mentre con i socialisti in calo è ora chiaro che, qualunque cosa accada, alcuni si allineeranno con Melanson e altri con Macron.

E poiché, come disse una volta François Mitterrand, “la politica è la gestione dei simboli”, la formalizzazione della cooperazione a sinistra è prevista domani, 3 maggio, giorno del 1936 in cui la Francia se ne andrà, con il Fronte popolare, vittorioso. elezioni per la prima volta nella storia moderna della Francia.

In generale, e sulla base di quanto si sa, per raggiungere un accordo con gli ecologisti, la Sinistra Ribelle ha versato acqua nel suo vino sulle questioni europee, mentre ci si aspetta che faccia lo stesso, a questo punto, sul nucleare. trattative con i comunisti. Allo stesso tempo, la questione della divisione dei seggi sembra concordata, in modo da garantire a tutte le componenti la possibilità di ottenere un “gruppo parlamentare”. Affinché un partito abbia un gruppo parlamentare riconosciuto in Francia dal regolamento interno dell’Assemblea nazionale (che implica il riconoscimento politico ma anche un importante finanziamento statale), deve avere almeno 15 deputati.

La questione della possibile formazione di un “gruppo parlamentare” sembra interferire con la consultazione della maggioranza presidenziale con le forze politiche competenti. Emanuel Macron ha segnalato che preferirebbe la massima omogeneizzazione possibile della maggioranza parlamentare, che la maggior parte degli analisti politici afferma che potrebbe vincere nuovamente a giugno.

Tuttavia, la possibilità di costituire un “gruppo parlamentare” sembra improbabile che realizzi alcune alleanze politiche in questo settore.

Infine, sull’estrema destra, Marin Lepen rifiuta ancora di collaborare con Eric Zemour, sperando che anche se non emergerà alcuna opposizione ufficiale, almeno d’ora in poi sarà rimosso dalla sua presenza politica.

Ultimo aggiornamento: lunedì 2 maggio 2022, 16:35

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.