In questo giorno: 19 settembre – Kostas Georgakis, l’uomo che si diede fuoco per sbarazzarsi della giunta – Corfù Oggi – Corfù Notizie

Konstantinos Georgakis è un eroe dimenticato, poiché il suo eroismo e il suo sacrificio non hanno dato i loro frutti, almeno nella pratica.

All’alba del 19 settembre 1970, nella stessa piazza, davanti al Palazzo Ducale della città italiana dove ha sede il tribunale, Georgakis si cosparse di tre taniche di benzina e si diede fuoco con un accendino.

Per saperne di più: Corfù: cerimonia commemorativa sulla tomba di Kostas Georgakis martedì 19/9

C’è molto simbolismo in una sola frase, dalla selezione dei punti a una partita sufficiente per accendere un grande incendio.

È stato visto dagli operatori sanitari andare in giro bruciando e gridando: “Lunga vita alla Grecia libera”. Fu portato in ospedale, dove dieci ore dopo esalò l’ultimo respiro.

Studenti che non hanno paura della morte

Georgakis è completamente fuori dal mondo della politica. Nato a Corfù nel 1948, è stato membro attivo dell’EDIN, Unione Centrale della Gioventù. Sulla sua macchina, una Fiat 500, ha attaccato una foto di Andreas Papandreou.

Era uno studente eccellente e andò in Italia per studiare geologia. Lì continuò la sua attività politica attraverso le organizzazioni studentesche.

Poco prima della sua morte apprese che la giunta si era infiltrata in queste organizzazioni e apprese informazioni sull’identità e sulle attività dei loro membri, in particolare dei combattenti della resistenza. È già noto al regime e ora è molto preoccupato per la sua famiglia in Grecia.

In Italia è stato attaccato dai parastatali e, sebbene studente attivo, ha avuto difficoltà a terminare il servizio militare. Allo stesso tempo, la sua famiglia a Corfù era sotto pressione da parte del regime.

La sera del 18 settembre scrive una lettera al padre: “Perdonami per quello che ho fatto e non piangere. Tuo figlio non è un eroe. È umano, come tutti gli altri, forse un po’ più spaventato. Non voglio che tu venga danneggiato dalle mie azioni, ma non posso fare altro che pensare e agire come un uomo libero.’

Credendo di non essere più utile da vivo, decise di fare qualcosa con la sua morte: attirare l’attenzione del mondo sulla Grecia e sulla giunta.

All’alba ha salutato la fidanzata Rozana, è uscito di casa e, con l’auto piena di benzina, si è recato in piazza Mateoti.

Suo padre si recò in Italia, credendo che suo figlio fosse rimasto coinvolto in un incidente stradale. Nessuno gli ha detto la tragica verità, che ha appreso per caso al suo arrivo nel paese.

Ha detto all’investigatore del caso, Konstantinos Papoutsis: “È giunto il momento e il prete mi ha accompagnato all’obitorio. Il medico legale mi ha chiesto di fare l’identificazione. Viene bruciato, cioè carbone, bruciato fino a una profondità di tre centimetri. Sì, questo è mio figlio… Questo è il mio Kostas. Mi sono fatto il segno della croce, l’ho baciato e sono svenuta.”

Corpo insepolto

Il regime della giunta vuole nascondere questo fatto a tutti i costi e proibisce il trasferimento dei corpi in Grecia per la sepoltura. Il suo corpo è stato lasciato in un congelatore in un cimitero di Genova, dove è stato portato dai compagni di studi di Georgakis, per circa quattro mesi.

Questi giovani studenti rappresentavano una minaccia per il regime anche quando erano morti; forse più pericoloso della vita.

Alla fine ritornò segretamente in Grecia, sulla nave “Astypalaia” nel gennaio 1971. Lo studente fu sepolto nel Primo Cimitero di Corfù. Una piazza cittadina porta il suo nome, mentre in suo onore è stato eretto un monumento.

Con la restaurazione della Repubblica nel 1974 e la restaurazione della Gioventù Democratica Ellenica (EDHN) da parte di Alekos Panagoulis, nel 1975 fu organizzato un evento onorario per Kostas Georgakis. Nikiforos Vrettakos si riferisce al suo sacrificio nella sua poesia “Auto-immolazione – Collezione: Visione del mondo”.

“Sei vestito come uno sposo, sei illuminato come una nazione.

Diventi uno spettacolo dell’anima, che si estende oltre l’orizzonte.

Sei un riassunto del nostro dramma luminoso,

le nostre mani verso est e le nostre mani verso ovest.

Sei nella stessa candela, la luce della nostra epitaffica risurrezione e lamento”.

Kostas Georgakis non è rimasto in silenzio. Preferirebbe urlare per sempre, a modo suo.

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."