Italia: 390mila aziende chiuse per pandemia

In Italia quest’anno, a causa delle conseguenze del coronavirus e della conseguente crisi economica, sono 390mila le aziende che hanno chiuso, secondo la Confcommercio, sindacato del Paese, in un rapporto presentato oggi.

Secondo Confcommercio, a causa dell’emergenza, sono stati persi 120 miliardi di euro. I tassi di fermo attività, rispetto al 2020, sono raddoppiati nel commercio e triplicati nei servizi.

Mosaico per l’epatite nei bambini: la causa più probabile è l’adenovirus

Le conseguenze finanziarie più gravi sono state pagate dalle aziende di calzature e abbigliamento (-17,1%), dai venditori ambulanti (-11,8%), dai distributori di benzina (-10,1%), mentre i servizi sono stati chiusi dal 21,7% degli agenti di viaggio, dal 14,4% dai ristoranti e caffè e il 14,2% dalle compagnie di trasporto.

Confcommercio aggiunge che negli ambiti della cultura e dello spettacolo il 33% delle imprese e delle imprese è scomparso dal panorama produttivo, con tragiche conseguenze economiche per artisti e amministratori.

Secondo il sindacato italiano, per quanto riguarda gli imprenditori con tessera dei servizi, l’anno in cui stiamo per partire ha costretto 200mila italiani a interrompere tutte le attività.

Fonte: -ΜΠΕ

Provocatorio Erdogan: la Grecia annega i rifugiati mentre noi li salviamo

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.