Klingbeil ed Esken (SPD) hanno dato a Gerhard Schröder un ultimatum

Il leader dell’SPD Lars Klingbeil ha dichiarato durante il fine settimana che “è troppo tardi per porre fine ai rapporti commerciali con (il presidente russo Vladimir) Putin”. Finora, tuttavia, Schröder non ha reagito. “Ora stiamo aspettando questo e poi decidere come procedere”, ha detto Klingbeil. L’adesione di Schröder a questo mandato era “totalmente incoerente con l’atteggiamento della socialdemocrazia”.

Carico…

incorporare

L’associazione dei contribuenti chiede la revoca dell’ufficio di Schröder

A causa del suo lavoro per la compagnia energetica statale russa, l’associazione dei contribuenti ha anche chiesto che l’ex cancelliere Schröder fosse rimosso dal suo incarico a Berlino. “È imperativo che il cancelliere (Olaf) Scholz non ricopra la carica di direttore d’ufficio e altro personale d’ufficio per l’ex cancelliere Schröder in questo momento”, ha affermato giovedì il presidente dell’associazione Reiner Holznagel “Handelsblatt”. “Qualsiasi altra cosa invierà il segnale sbagliato.”

L’equipaggiamento dell’ex Cancelliere federale non è regolato dalla legge. I fondi provengono dal bilancio del Cancelliere federale e sono approvati dalla commissione del bilancio del Bundestag. Pertanto Holznagel vede anche il parlamento come un partito responsabile. Dovrebbe “violare i permessi di lavoro formali per Schröder e rivalutarli”, ha affermato.

Alla luce degli affari di Schröder con la Russia, il capo dell’associazione dei contribuenti ha anche chiesto che il regime pensionistico dell’ex cancelliere fosse testato pubblicamente. “Col tempo, le lucrose attività di lobbying dell’ex capo del governo dovrebbero essere chiarite una volta per tutte”.

L’associazione locale SPD chiede la procedura di esclusione

L’argomento dovrebbe essere portato all’attenzione anche dall’esecutivo del partito SPD giovedì, che incontrerà il cancelliere Olaf Scholz sulle conseguenze della guerra in Ucraina. Nei giorni scorsi le prime associazioni locali hanno depositato nei confronti dell’ex cancelliere istanze per un procedimento d’ordinanza di partito, che potrebbe teoricamente portare all’espulsione dell’SPD. Klingbeil ha confermato che alcune applicazioni sono state avviate. Tale procedura è stata inizialmente accettata dalla commissione arbitrale competente per il territorio di Hannover.

Ma questo processo può richiedere del tempo. Secondo il diritto dei partiti, è possibile anche “l’azione immediata”. In questo caso, i consigli distrettuali o nazionali possono determinare “gravi danni al partito” e “ordinare la sospensione di tutti o di singoli diritti dall’appartenenza per un massimo di tre mesi”.

critica dell’Unione

Le critiche alle azioni di Schröder provenivano anche dall’interno dell’Unione. Poiché Schröder ora lavora “esclusivamente come lobbista per società straniere”, il Cancelliere federale deve immediatamente tagliare tutte le sue posizioni nel personale e il presidente del Bundestag Bärbel Bas (SPD) deve nuovamente citare in giudizio il suo ufficio nell’edificio del Bundestag, afferma l’esperto legale della CDU Wilfried Seller del Giornale “Bild” (edizione del giovedì).

Il segretario generale della CSU Stephan Mayer ha detto al quotidiano “Bild” che Schröder dovrebbe “finalmente e fermamente separarsi da Putin e smettere immediatamente di lavorare per la compagnia russa”. In caso contrario, l’Unione chiede all’SPD di trarre conclusioni ed escludere dal partito l’ex Cancelliere.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.