La BCE si spingerà “per quanto necessario” a…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:14

La minacciosa previsione che l’inflazione, che è a un livello sgradevole alto, rimarrà per qualche tempo, è stata fatta dalla Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, di Sintra, in Portogallo, per il Forum della BCE “Challenges to Monetary Policy in a mondo in rapido mutamento”.

Secondo Lagarde, questa è una grande sfida per la politica monetaria della Banca.

Ha aggiunto che andrebbe “nella misura necessaria” per combattere l’inflazione “troppo alta”, che dovrebbe rimanere alta “per un po’ di tempo” nella zona euro.

“In risposta alle mutevoli prospettive di inflazione, abbiamo costantemente seguito la direzione della normalizzazione delle politiche da dicembre dello scorso anno, adeguando successivamente la nostra posizione politica”, ha affermato.

Ha aggiunto che l’acquisto di patrimonio netto nei vari programmi terminerà questa settimana. “A luglio abbiamo in programma di alzare i nostri tassi di interesse per la prima volta in 11 anni. E abbiamo anche dato alcune indicazioni per la riunione di settembre e la direzione in cui prevediamo di seguire i tassi”.

Il Presidente della BCE ha chiarito che la Banca proseguirà su questo percorso di normalizzazione e si spingerà fino a quanto necessario per garantire che l’inflazione torni al suo obiettivo del 2%.

Secondo lui, la fonte iniziale dell’inflazione era una serie insolita di shock esterni. Le festività nelle catene di approvvigionamento globali, insieme all’aumento della domanda globale, hanno fatto aumentare i prezzi dei beni industriali.

La mancata corrispondenza tra domanda e offerta nei mercati energetici mondiali ha portato a un aumento dei prezzi dell’energia per l’eurozona e la guerra russo-ucraina ha amplificato questi due fattori e allo stesso tempo ha fatto salire i prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo.

“Data la sua dipendenza energetica, la zona euro sta vivendo questa crisi intensamente”, ha affermato.

Il secondo fattore che guida l’inflazione al rialzo è la ripresa della domanda interna con la riapertura dell’economia dopo la pandemia.

La spesa è passata dai beni ai servizi quando le restrizioni sono state revocate, mentre la domanda di turismo e attività ricreative si è rivelata particolarmente forte.

Questa ripresa della spesa ha spinto l’inflazione dei servizi al 3,5% a maggio, il livello più alto dalla metà degli anni ’90, con aumenti di prezzo più elevati provenienti da aree che includono il contatto diretto con i consumatori.

Il prossimo programma di acquisto di obbligazioni della BCE ridurrà l’aumento dei costi di finanziamento per i paesi vulnerabili della zona euro, esercitando comunque pressioni sui governi affinché aumentino i loro budget, ha affermato Lagarde.

Secondo Reuters, con la BCE che si avvicina al suo primo aumento dei tassi in un decennio, i rendimenti obbligazionari per l’Italia e altre nazioni fortemente indebitate sono aumentati e gli spread che pagano contro la Germania si sono ampliati.

Ciò ha spinto la BCE ad accelerare i lavori su un nuovo programma di acquisto di obbligazioni, che deve ancora essere rivelato.

I suoi commenti hanno suggerito che il nuovo piano sarebbe probabilmente accompagnato da alcuni impegni nei confronti dei paesi beneficiari, hanno detto a Reuters fonti questo mese.

“Il nuovo strumento deve essere efficace, ma allo stesso tempo proporzionato e conterrà garanzie sufficienti per sostenere la spinta degli Stati membri verso una sana politica fiscale”, ha affermato Lagarde del Portogallo.

Lagarde ha assicurato che i nuovi strumenti anticrisi non avrebbero ostacolato il più rapido aumento dei prezzi al consumo dall’introduzione dell’euro.

“Chiaramente ci sono circostanze in cui un approccio graduale non sarebbe appropriato. Le strutture sono più veloci”.

Respingendo le preoccupazioni secondo cui alcune delle misure sarebbero finanziamenti governativi diretti, Lagarde ha sottolineato che il nuovo strumento dovrebbe includere salvaguardie per mantenere sane politiche fiscali tra gli Stati membri.

Ha aggiunto che ciò consentirebbe ai tassi di interesse di aumentare “se necessario”, integrando gli sforzi per stabilizzare l’inflazione all’obiettivo del 2%.

“Faremo in modo che venga mantenuta la trasmissione regolare della nostra politica nell’area dell’euro. Supereremo tutti gli ostacoli che potrebbero minacciare il nostro mandato per la stabilità dei prezzi”, ha affermato Lagarde.

Claudio Bellini

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.