La Marina ucraina afferma di aver distrutto …

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 17:15

L’Ucraina oggi ha affermato di aver distrutto una nave anfibia russa vicino a Fidonisi nel Mar Nero, che è diventata un simbolo della resistenza dell’Ucraina all’invasione russa.

Un veicolo aereo senza pilota Bayraktar TB2 “ha attaccato il mezzo da sbarco di classe Serna 11770, nonché due sistemi missilistici terra-aria di tipo Tor”, ha detto la marina ucraina su Facebook, senza fornire una data.

“La tradizionale parata della flotta russa il 9 maggio di quest’anno si svolgerà vicino a Fidonisi, sul fondo del mare”, ha detto ironicamente il ministero della Difesa ucraino, in un messaggio su Twitter.

Mosca, dal canto suo, non ha ancora confermato le informazioni.

Un video diffuso dall’esercito ucraino mostrava una nave da guerra vicino al molo colpita da un’esplosione, poi avvolta dalle fiamme e dal fumo denso che si alzava.

Il razzo ha colpito Odessa oggi, ha scoperto il portavoce del governo regionale Serhiy Bratsuk in una dichiarazione rilasciata alla rete televisiva.

Bratschuk ha anche affermato che l’attentato è avvenuto in città dopo che obiettivi nell’area intorno a Odessa sono stati colpiti oggi da quattro razzi. Non ha specificato un nuovo sciopero.

I missili russi lanciati da un aereo hanno colpito due aree vicino al confine russo nella regione di Sumy, nell’Ucraina settentrionale, ha affermato il governatore locale Dmitry Zivitsky.

Una guardia di frontiera è rimasta ferita negli scontri nelle comunità di Miropilske e Hotin, ha scritto Zivitsky in un post di Telegram.

Nelle regioni di Donetsk e Luhansk, “otto attacchi nemici sono stati respinti” e tre carri armati, otto pezzi di artiglieria, sette mezzi corazzati per il trasporto di personale, un’auto e tre macchine sono stati distrutti, secondo gli ingegneri dell’esercito russo, secondo il personale.

Nel frattempo, nel sud, è stato fatto un rinnovato tentativo russo di impadronirsi dell’acciaieria Azofstal, l’unica parte di Mariupol dove rimangono le truppe ucraine.

In altre aree, l’attività russa è limitata al fuoco di artiglieria e ai voli di ricognizione, secondo lo Stato Maggiore dell’Ucraina.

Nella regione di Izium, da cui la Russia intende lanciare un attacco a Kramatorsk per circondare le unità ucraine nel Donbas, sono stati registrati UAV per trovare posizioni difensive.

Secondo la stessa fonte, Kharkov, che aveva una popolazione di 1 milione prima della guerra, e l’area fuori Donetsk furono colpite da proiettili di artiglieria e colpi dell’aviazione russa, ma non da attacchi di terra.

La Croce Rossa spera in ulteriori evacuazioni da Mariupol

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) spera che la riuscita evacuazione dei civili dalla fabbrica assediata di Azofstal a Mariupol aprirà la strada a più persone per evacuare il complesso, ha affermato un alto funzionario della Commissione.

“L’esperienza mostra che le azioni riuscite aiutano ulteriori evacuazioni, perché ora entrambe le parti hanno visto che tutto ha funzionato. Speriamo ora di poter costruire quella fiducia minima”, ha detto Dominic Stilhart, direttore delle operazioni del CICR, in un’intervista rilasciata alla Svizzera. il quotidiano Neue Zuercher Zeitung e pubblicato oggi.

Stilhart ha anche affermato che è stato “profondamente deludente” il fatto che ci siano volute settimane di duro lavoro prima che le autorità russe e ucraine concordassero e elaborassero i dettagli logistici in modo che i combattenti a ogni checkpoint sapessero quando sarebbe passato un autobus.

L’Ucraina ha annunciato che 50 civili sono stati evacuati ieri, nonostante abbia accusato la Russia di aver violato un cessate il fuoco, che avrebbe consentito a dozzine di persone intrappolate nel seminterrato della fabbrica di andarsene.

Stilhart dipinge un quadro deprimente di ciò che accadrà in Ucraina data la devastazione causata dall’assalto delle città.

“Conoscete le immagini di Mariupol: un tale scenario da giorno del giudizio potrebbe minacciare anche altre città, come Zaporizhia, Kramatorsk o Odessa. Nelle conversazioni con le persone coinvolte nel conflitto, abbiamo espresso le nostre preoccupazioni su questo tipo. Sfortunatamente, non vedo nulla come quello.” motivo per sperare che questo conflitto finisca presto”.

L’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk ha dichiarato oggi in una dichiarazione che altre 50 persone sono state evacuate dall’assediata acciaieria Azovstal a Mariupol, secondo l’agenzia di stampa russa Interfax.

Zelensky: sono in corso sforzi diplomatici per salvare i combattenti Azov

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che sono in corso sforzi diplomatici per salvare i combattenti che si erano rifugiati nella grande acciaieria Azofstal a Mariupol dopo che diverse dozzine di civili sono stati evacuati venerdì.

Gli ucraini che difendono Azovstal hanno detto che non si sarebbero arresi. I funzionari ucraini temono che le truppe russe vogliano eliminare l’ultima roccaforte della resistenza a Mariupol, la città portuale dell’Ucraina meridionale, lunedì mentre la Russia celebra la vittoria delle truppe sovietiche sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

Kiev ha annunciato venerdì che 50 civili sono stati evacuati da Azovstal, accusando Mosca di aver violato un cessate il fuoco unilaterale dichiarato per rimuovere dozzine di civili intrappolati nei sotterranei della fabbrica.

Mariupol è stata sotto il bombardamento più pesante di qualsiasi regione dell’Ucraina dal 24 febbraio, quando la Russia ha invaso il paese.

In un discorso a tarda notte, Zelensky ha affermato che l’Ucraina stava lavorando a sforzi diplomatici per salvare i combattenti che difendevano Azovstal.

“Sono coinvolti mediatori influenti, paesi influenti”, ha detto, senza approfondire.

L’evacuazione di centinaia di civili dalle acciaierie è iniziata lo scorso fine settimana, a seguito dell’intervento delle Nazioni Unite, ma ha dovuto essere rinviata a causa della ripresa delle ostilità.

Cinquanta donne, bambini e anziani sono stati evacuati da Azovstal ieri pomeriggio, ha affermato Irina Verestsuk, vice primo ministro del governo ucraino. Ha aggiunto che l’operazione continuerà oggi, ma ha accusato la Russia di aver violato costantemente il cessate il fuoco e che l’operazione di evacuazione stava procedendo lentamente.

Mosca ha confermato il numero di persone evacuate da Azovstal, dicendo: “L’operazione umanitaria in Azovstal proseguirà il 7 maggio”. Attraverso.

Il sindaco di Mariupol ha stimato all’inizio di questa settimana che 200 civili si erano rifugiati nell’impianto, poiché aveva poche scorte di acqua e cibo. Non è chiaro quanto ne sia rimasto.

Nel frattempo, il capo dell’ufficio del presidente ucraino, Andriy Germak, ha detto a Telegram che 500 civili sono stati evacuati ieri da Mariupol, compresi alcuni che si trovavano ad Azovstal.

Germak ha parlato di “un’altra fase di sfollamento” che continuerà nei prossimi giorni e ha ringraziato le Nazioni Unite e il Comitato internazionale della Croce Rossa per l’assistenza.

Il 21 aprile il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la vittoria delle sue truppe a Mariupol e ha chiesto loro di chiudere la fabbrica e ha chiesto ai combattenti all’interno di arrendersi. Pochi giorni dopo, la Russia ha continuato il suo assalto ad Azovstal.

L’occupazione di Mariupol è considerata di importanza strategica per Mosca in quanto creerebbe un corridoio che collegherebbe la Crimea annessa con le regioni ucraine orientali di Donetsk e Luhansk, dominate da ribelli separatisti filo-russi.

Russia: attrezzature americane ed europee distrutte a Kharkov

Il ministero della Difesa russo ha affermato di aver distrutto una grande scorta di equipaggiamento militare dagli Stati Uniti e dai paesi europei vicino alla stazione ferroviaria di Bohodukhiv nella regione ucraina di Kharkiv, secondo Reuters.

Il ministero ha affermato di aver colpito durante la notte 18 installazioni militari ucraine, inclusi tre depositi di munizioni a Dachne, vicino alla città portuale di Odessa.

Informazioni finora sull’attacco all”ammiraglio Makarov”

I media ucraini e internazionali hanno riferito ieri, venerdì, che la fregata Admiral Makarov della Marina russa è stata colpita da un missile ucraino contro la nave di superficie Neptun e ha preso fuoco nel Mar Nero, vicino a Snake Island, cosa che non accadeva dai tempi di Mosca. lontano.

Questa particolare nave da guerra è moderna, è entrata in servizio nel 2016. Si ritiene che altre tre fregate della stessa classe siano state schierate nel Mar Nero.

Sebbene il governo ucraino non abbia confermato né smentito l’incidente, lo stato maggiore parla ora di 11 navi da guerra russe – compresi piccoli motoscafi – che sono state distrutte dall’inizio della guerra.

Il sito di notizie ucraino Dumskaya ha pubblicato foto satellitari che ritraevano la fregata in fiamme, qualcosa che non poteva essere verificato in modo indipendente.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.