La più grande divisione delle fazioni di governo: ora tutti hanno paura delle nuove elezioni in Italia: la politica

In Italia è crollato il più grande partito del governo Draghi. Mercoledì sera il ministro degli Esteri ad interim, Luigi Di Maio, ha annunciato il suo ritiro dal “Movimento Cinque Stelle” (M5S). Circa un quarto dei parlamentari del M5S è andato con lui.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Finora i Cinque Stelle, emersi dalle ultime elezioni parlamentari della primavera 2018 come il partito più forte, hanno perso singoli parlamentari, alcuni addirittura espellendosi. Come festa, i Grillini – dopo la loro figura fondatrice, l’intrattenitore televisivo Beppe Grillo – sono rimasti insieme sin dalla loro fondazione nel 2009.

La partenza di Di Maio è stata preceduta da una polemica sulla regia con Giuseppe Conte. Conte, diventato leader del partito dopo le dimissioni da presidente del Consiglio lo scorso anno, sostituisce Di Maio, che ricopriva il precedente incarico nel partito. Da allora, i due sono stati anche visti come rivali per il potere nel partito, che ha perso più elettori e consensi dal suo sensazionale partito di quasi il 33%.

Le ragioni della guerra ora offrono la politica ucraina. L’ala di Conte si oppone alla vendita di armi all’Ucraina, mentre Di Maio, seguendo la linea del premier Draghi, la sostiene. Nella conferenza stampa di congedo di martedì sera, Di Maio – parola usata spesso quando in Italia c’è divisione dei partiti – ha parlato di “una decisione difficile che non avrei mai pensato di dover prendere” e ha accusato Conte di non aggredire il governo, “solo per recuperare alcune voci”.

“Date le atrocità di Putin, non possiamo continuare a mostrare insicurezza e ad essere dalla parte sbagliata della storia”, ha detto Di Maio.

Di Maio può sperare in elezioni senza scrutinio

Al momento della sua dichiarazione pubblica, a quella domanda era stata data risposta da tempo: Conte a cinque stelle aveva assicurato al premier Draghi che non avrebbero bloccato le spedizioni di armi, sebbene avessero rifiutato. Molto probabilmente si tratta più della nuova legge del partito, che Conte sta scrivendo in questo momento. In esso devono essere stabiliti alcuni dei principi cardine del Cinque Stelle, che si è sempre visto come un partito antipartito. Ciò include la scadenza del mandato dopo due legislature.

Toccherà anche il ministro degli Esteri, che ora può sperare di presentarsi alle prossime elezioni parlamentari in proprio e senza zavorra. Il suo nuovo partito dovrebbe chiamarsi “Insieme per il futuro”. Il quotidiano “Il fatto Quotidiano”, vicino al M5S, ha formulato un titolo sulla pausa di mercoledì con un morso: Di Maio è partito “con altri 60 i cui mandati stanno per scadere”. Il recente “recente” del “ministro Draghi” significa: la Lega estremista di estrema destra di Salvini diventerà la forza più forte in parlamento.

Nessuno vuole elezioni anticipate

In effetti, questo è un risultato diretto della divisione dei Cinque Stelle. “Dimasti” non voleva lasciare il governo che ora era composto da dieci partiti; Di Maio si è schierato in modo dimostrativo con il presidente del Consiglio Mario Draghi durante una sessione della seconda camera del parlamento quando era in gioco l’Ucraina.

Ma dalla parte di Draghi stanno anche la sinistra e il suo allenatore Giuseppe Conte, nonostante le divergenze di opinione. Era calmo quando gli è stato chiesto della crisi del governo. Nessuno gli ha chiesto di rimescolare il governo.

La paura di nuove elezioni sta attualmente unendo la dura coalizione di Draghi, che spazia dalle Stelle e dai socialdemocratici del PD all’estrema destra, la Lega. Perché quasi tutti hanno paura, la star davanti, cedendo la percentuale alle regolari elezioni della prossima primavera, nessuna delle due parti ha la voglia di svolgere l’esercizio schiacciante.

E tutti in parlamento, sia al governo che all’opposizione, temono le ripercussioni della riforma elettorale. Dalle elezioni del 2023 in poi, la camera parlamentare sarà più piccola di alcuni seggi.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.