La polizia italiana perquisisce gli uffici della Juventus per indagare sul trasferimento

A causa del trasferimento e di altre transazioni, la procura italiana sta indagando sulla Juventus.

La Guardia di Finanza italiana ha perquisito gli uffici della Juventus a Torino, nell’ambito di un’indagine sui recenti trasferimenti che avrebbero potuto portare a false somme sul bilancio del club, riferiscono fonti giudiziarie.

In un comunicato pubblicato dalla Procura di Torino, l’indagine si è concentrata sui movimenti dei calciatori negli ultimi tre anni e su come sono stati presentati i risultati finanziari dal 2019 al 2021.

VIDEO: Immagine non pubblicata! Cross potente tra Cristiano Ronaldo e Juan Guillermo Cuadrado alla Juventus

La Juventus è sospettata di aver fornito agli inquirenti informazioni false e di aver emesso fatture per operazioni inesistenti, ha aggiunto la procura.

Secondo i media italiani, sotto i riflettori ci sono sei dirigenti del club torinese, a cominciare dal presidente Andrea Agnelli, dal vicepresidente ed ex stella Pavel Nedved, e dall’ex direttore sportivo Fabio Paratici, che ora lavora al Tottenham.

L’ufficio stampa nazionale italiano, l’ANSA, ha dichiarato sabato che gli inquirenti erano molto interessati all’arrivo nel 2018 di Cristiano Ronaldo dal Portogallo per 100 milioni di euro (113 milioni di dollari) e alla sua partenza, per il Manchester United ad agosto, per 15 milioni di euro. $ 17 milioni) più 8 milioni ($ 9 milioni) in base alle prestazioni.

La Federcalcio italiana ha avviato una propria indagine su una serie di trasferimenti controversi, molti dei quali dalla Juventus.

LEGGI ANCHE: I tifosi del Real Madrid esplodono contro Gareth Bale

In alcuni si considera un aumento artificiale del valore del giocatore, per motivi contabili, o uno scambio di giocatori per bilanciare il conto.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.