La Transnistria riferisce di sparatorie dall’Ucraina

C’è un enorme deposito di munizioni russo lì. Di notte, diversi droni hanno sorvolato il villaggio ucraino di Kolbasna, ha affermato il ministero dell’Interno della Transnistria. In mattinata Kolbasna è stato poi colpito dall’Ucraina. Tuttavia, nessuno è stato ucciso o ferito.

Il più grande deposito di munizioni d’Europa

Kolbasna, chiamata Cobasna in rumeno, si trova a circa due chilometri dal confine ucraino. Nel villaggio sono immagazzinate circa 20.000 tonnellate di munizioni dell’era sovietica. Il campo è sorvegliato dalle truppe russe. Secondo il ministero dell’Interno, è considerato il più grande deposito di munizioni d’Europa.

Martedì le truppe russe hanno anche gravemente danneggiato la ferrovia e il ponte stradale strategicamente importanti a ovest di Odessa. Secondo l’agenzia di stampa ucraina Ukrinform, mercoledì mattina c’è stata un’altra sparatoria del cosiddetto ponte Satoka alla foce del Dnestr sul Mar Nero. Dati i danni, la parte occidentale della regione di Odessa è attualmente accessibile solo su strada attraverso la strada moldava.

Di grande importanza economica è l’interruzione dei collegamenti ferroviari tra Odessa e i porti ucraini sul Danubio di Izmail, Reni e Kiliya. “L’attacco al ponte ferroviario non è solo legato a questioni militari. È anche un altro duro colpo per le nostre esportazioni”, ha commentato mercoledì su Facebook un ex deputato ucraino.

La Transnistria può essere utilizzata per ulteriori progressi russi

Secondo il viceministro della difesa ucraino Hanna Maljar, la Russia sta utilizzando il territorio separatista della Moldova come ponte per ulteriori avanzamenti militari. Ciò ha influito sia sulla guerra in Ucraina che sulla possibilità di penetrare più a ovest in Moldova.

Le autorità in Transnistria hanno segnalato una serie di esplosioni lunedì e martedì. Il ministero della Sicurezza di Stato nella capitale regionale Tiraspol, un’unità dell’esercito e una torre radio russa sono stati attaccati.

L’esplosione ha suscitato timori in Moldova che la guerra in Ucraina si sarebbe estesa ai paesi vicini. Il presidente Maia Sandu ha invitato i residenti a calmarsi martedì.

“C’è il rischio che la guerra di aggressione della Russia si diffonda in Moldova”, ha avvertito la portavoce dei Verdi per la politica estera, Ewa Ernst-Dziedzic. “Abbiamo visto la propaganda di guerra come prima dell’attacco all’Ucraina. Si parlava di una presunta minaccia per la popolazione di lingua russa. Poi si sono scatenate rivolte ed è stato minacciato l’uso della forza militare”. È ora necessario un chiaro segnale di sostegno e piena solidarietà con la Repubblica di Moldova.

Inoltre, nessun paese vicino all’Ucraina ha accolto più profughi di guerra della Repubblica di Moldova in termini di popolazione e potere economico. Il paese è stato anche duramente colpito economicamente dalla guerra a causa della perdita dei mercati di vendita.

La Transnistria si staccò dalla Moldova quando l’Unione Sovietica crollò. A livello internazionale, il territorio non è riconosciuto come territorio indipendente. Oltre ai depositi di munizioni, l’esercito russo ha anche basi militari nella regione. Il governo di Chisinau chiede da tempo il ritiro delle truppe russe dalla regione.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.