L’asso del ciclismo di Felix Gall – Con fiducia all’esordio al Giro

Incoraggiato dalla sua eccezionale forma primaverile, Felix Gall ha potuto contare molto anche nel suo primo Giro d’Italia. In qualità di capitano della squadra AG2R, il 24enne del Tirolo Orientale ha avuto molte responsabilità sin dal suo primo Grand Tour. Armato di grande fiducia grazie ad alcuni dei migliori risultati del Giro dei Paesi Baschi e del Giro delle Alpi, vuole avere successo nel Giro d’Italia di alto profilo. “Il piano è la classifica generale. Dopo l’ultima gara aveva senso provarla. Sono di buon umore, non potrebbe andare meglio. Al momento tutto procede bene”, ha insistito quest’ultimo sulle Alpi Tournée in Italia e campione del mondo juniores dal 2015 che scala parallelamente alle massime stelle della sua terra natale.

Gall non vuole impegnarsi per un risultato mirato prima dell’inizio del Giro venerdì in Ungheria, ma i primi cinque non sono ancora a portata di mano. La sua squadra ha assegnato un posto tra i primi 15 come desiderio. Gli ultimi austriaci a entrare nella top ten nel 2020 sono stati Patrick Konrad (8°) e Hermann Pernsteiner (10°). Gall si sente molto a suo agio nella sua nuova squadra dopo un difficile anno precedente al DSM. A parte la barriera linguistica francese, che deve ancora essere abbattuta, tutto è andato alla perfezione. Un fattore importante è il miglior coinvolgimento di tutti i piloti nella pianificazione della stagione e una guida rilassata. “La differenza più grande è che posso guidare me stesso con il supporto della squadra. Sono felice di aver assicurato fiducia finora”, ha detto Gall prima di partire per l’Ungheria in un’intervista all’agenzia di stampa austriaca. .

Con l’ultimo successo è aumentata anche la fiducia nelle proprie forze. “La squadra ha creduto in me che ce l’avrei fatta. Ora ho più fiducia perché vedo possibile una cosa del genere”. Ora vuole sfoggiare la sua forma migliore al Giro. “Felix è stata una piacevole sorpresa per la nostra squadra finora in questa stagione. Ha mostrato un grande potenziale nelle corse a tappe e sarà il nostro unico capitano per il Giro di Giro”, ha spiegato il manager dell’AG2R Laurent Biondi, parlando dei primi 15. finale e anche la fase che potrebbe vincere come obiettivo. Ma devi considerare che questo è il primo tour di tre settimane di Gall.

Gli stessi tirolesi orientali mostrano una mancanza di esperienza. “Ho un po’ di rispetto. Devo vedere come reagisce il mio corpo a due o tre settimane di gare”. L’alpinismo sull’Etna fornirà informazioni sui veri equilibri di potere dopo il trasferimento dall’Ungheria nella quarta giornata di gara. Al più tardi dopo la prima settimana, avrà la certezza di poter competere con gli assi della classifica generale. In caso contrario, la caccia alla vittoria di tappa sarebbe attesa. Lukas Pöstlberger è stato l’unico per l’Austria nella storia del Giro all’inizio del 2017.

gara aperta

Nella battaglia per la vittoria assoluta della 105a edizione è prevista una gara aperta. Alla fine, i dominatori della tournée slovena Tadej Pogacar e Primoz Roglic, così come l’infortunato campione in carica Egan Bernal, sono stati messi da parte. Il campo è guidato dagli ex vincitori del Giro Richard Carapaz (Ineos/2019) e Tom Dumoulin (Jumbo/2017). Altri concorrenti sono Romain Bardet (DSM), il terzo posto dell’anno scorso Simon Yates (BikeExchange), Joao Almeida (Emirates) e Mikel Landa (Bahrain).

Una vittoria casalinga, però, è improbabile sei anni dopo l’ultima vittoria italiana di Vincenzo Nibali. Il team di Bora ci ha provato con i primi tre Wilco Kelderman, Emanuel Buchmann e Jai Hindley. Sono supportati dal tirolese Patrick Gamper. Il miglior debuttante del Giro d’Austria Tobias Bayer è stato assegnato alla squadra corse Alpecin come assistente dell’inseguitore di tappa Mathieu van der Poel. L’esperto Matthias Brändle (Team Israel) punta principalmente a due brevi cronometro individuali nella seconda giornata a Budapest e alla fine a Verona. Nel mezzo, ci sono più montagne e solo alcune sezioni di sprint per Mark Cavendish e Co. La forse decisiva tappa reale si conclude il penultimo giorno dopo 4.500 metri di dislivello al Passo Fedaia in Marmolada. Gall sapeva di questa escursione e di molte altre solo per sentito dire, ma la sua mancanza di conoscenza del percorso non ha smorzato la sua anticipazione. “Non vedo l’ora che arrivi il Giro. Era ora che facessi il Grand Tour”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.