L’eroe dei tre combattimenti torna a casa. Il corpo del generale Moravec è custodito ad áslav

Il rimpatrio del corpo del generale di brigata František Moravec su richiesta della sua famiglia faceva parte del viaggio del ministro della Difesa Jana ernochová negli Stati Uniti.

“Ovunque andassimo negli Stati Uniti, conoscevano il suo nome, lì risuonavano e lo rispettavano. Ha dovuto lasciare il suo paese tre volte, la prima volta ha combattuto durante la prima guerra mondiale come legionario, la seconda volta ha combattuto dagli inglesi esilio contro i nazisti e la terza volta ha combattuto contro i nazisti. deve partire prima dei comunisti”, ha detto il ministro Ernochova.

Martedì, soldati speciali sono sbarcati con loro direttamente alla base di áslav, da dove sono stati trasportati dopo la cerimonia e conservati cerimonialmente nel colombario del funerale di áslav. 56 anni dalla morte di questa figura leggendaria.

“Non dobbiamo rinunciare a una lotta leale solo perché la situazione sembra senza speranza. Nessun potere al mondo può schiavizzare le anime umane per sempre”, ha affermato Markéta Pekarová Adamová, presidente della Camera dei Deputati, durante la cerimonia.

Il generale di brigata František Moravec è una delle figure più importanti nella storia dell’intelligence militare. E letteralmente l’eroe delle tre resistenze.

Da giovane, ha mostrato coraggio per la prima volta sui campi di battaglia della prima guerra mondiale, ha protetto la repubblica dal pericolo nazista, ha inviato paracadutisti nei protettorati occupati e alla fine è andato all’estero per combattere il totalitarismo comunista.

Spia, comandante, artefice dell’assassinio del protettore del Reich nazista Reinhard Heydrich.

Nacque il 23 luglio 1895 ad áslav. Veniva da circostanze umili, di dieci figli. Dopo la laurea nel 1913 ad áslav, iniziò a studiare filosofia ceco-francese all’Università Carlo di Praga. Poi venne la prima guerra mondiale.

Nel marzo 1915 si unì al 12 ° reggimento dell’esercito ad áslav come volontario per un anno. Si è trasferito in Russia per aiutare a combattere per la libertà della sua nazione. “Ero un giovane sui vent’anni quando mi sono arruolato nell’esercito straniero e ho vissuto all’estero per quattro anni”, ricorda nelle sue memorie.

A Odessa fu assegnato alla Divisione Volontariato Serbo in Russia. Dopo la scuola per ufficiali di brigata, ha combattuto sul campo come comandante di plotone e compagnia. Il 4 settembre 1916 fu ferito nella battaglia di Dobrogea e il 15 settembre fu promosso al grado di tenente. Da giugno a ottobre 1917 guidò un plotone sul fronte rumeno.

Combatté poi sul fronte di Salonicco nel febbraio 1918 e da marzo fu trasferito alla legione cecoslovacca in Francia. Nonostante combattesse sul fronte italiano vicino a Padova, pose fine alla guerra in Slovacchia come comandante di battaglione, con il grado di capitano.

“Dopo la pace, mi sono trovata di fronte a una decisione: continuare gli studi interrotti o rimanere attivo nel servizio militare. Ho scelto la carriera militare, perché dopo quattro anni di assenza, mi sentivo non abbastanza forte e non vedevo molti prerequisiti per continuare con successo i miei studi scientifici”, ha detto nelle sue memorie.

Nel 1920 sposò Vlasta Nováková. Nel 1921 Moravc ebbe una figlia, Hana, e un anno dopo, una seconda figlia, Taťána. Nel dicembre 1925 si laureò al War College di Praga.

Il lavoro determinante di un giornalista militare

La carriera militare di Moravec è stata una pietra miliare nel suo trasferimento all’intelligence militare. Dal novembre 1929 era a capo del 2° Dipartimento di Stato Maggiore presso il Quartier Generale Militare Provinciale di Praga. Dal settembre 1934 fu assegnato stabilmente al Ministero della Difesa Nazionale come Capo del Gruppo B nel 2° Dipartimento di Stato Maggiore. A luglio è stato promosso al grado di colonnello.

Alla fine di gennaio 1939, sotto la pressione della Germania, l’attuale capo del 2° dipartimento, František Hájek, fu costretto a dimettersi e Moravec divenne il suo successore ad interim.

Prima del 15 marzo 1939, aveva ricevuto informazioni sulla prevista occupazione del resto della repubblica da parte delle truppe tedesche, ma i funzionari del governo respinsero gli avvertimenti.

Alla vigilia dell’occupazione, volò con dieci dei suoi più stretti collaboratori e la maggior parte degli archivi di intelligence in Inghilterra. Questo atto è diventato unico non solo nel nostro paese ma anche all’estero. La fuga de facto del gruppo Moravc significò l’emergere di una resistenza militare straniera.

I cosiddetti Undici Moravec a Londra iniziarono immediatamente i lavori per restaurare una Cecoslovacchia libera. Per il presidente Bene e il suo governo in esilio, forniscono informazioni dalla patria occupata e, al meglio delle loro capacità, cercano anche di aiutare la resistenza interna.

Moravec gestiva il servizio di intelligence cecoslovacco, che ha fornito preziose informazioni agli alleati. Ciò era dovuto anche ai collegamenti con l’agente dell’A-54 Paul Thümmel, un alto ufficiale dell’Abwehr. La leggendaria spia ha fornito ai corrispondenti cecoslovacchi informazioni molto importanti, ad esempio sull’imminente attacco alla Francia, sui preparativi per un attacco all’Unione Sovietica o sullo sviluppo di nuove armi tedesche. Tuttavia, gli alleati non li trovavano sempre abbastanza importanti.

L’apice del gruppo Moravc era l’addestramento e l’organizzazione di gruppi aerei composti da volontari degli eserciti stranieri cecoslovacchi, tra le cui missioni più famose c’era l’operazione Anthropoid per uccidere il protettore Reich Heydrich.

Un altro esilio poco dopo la guerra

Tornò in patria il 5 giugno 1945. Fino al 1948, come ufficiale scomodo, fu retrocesso a una posizione inferiore nell’esercito.

Secret Anthropoid Airdrop lancia un’operazione leggendaria

Nel febbraio 1948, František Moravec divenne uno dei 26 generali che chiesero che il Comitato d’azione centrale del Fronte nazionale controllato dai comunisti fosse immediatamente rilasciato dall’esercito e il 1 marzo 1948 gli fu concesso un congedo per malattia. Poco dopo, il generale Moravec scomparve.

Dopo essere fuggito attraverso l’umava, probabilmente è arrivato in Inghilterra e nello stesso anno è partito per gli Stati Uniti. A cavallo tra il 1949 e il 1950 si recò nell’allora Germania Ovest, dove, sotto l’egida degli Stati Uniti, iniziò a lavorare nel regime anticomunista in Cecoslovacchia.

Alla guida della Special Service Company (SSC), attraverso i suoi contatti in Cecoslovacchia, ha cercato di tracciare la situazione politica e sociale e il possibile capovolgimento del sistema politico.

Alla fine del 1954 vi terminò le sue attività di intelligence e tornò negli Stati Uniti, dove lavorò per il Dipartimento della Difesa. Negli anni riuscì anche a scrivere le sue memorie, ma ne registrò i ricordi solo fino al 1948.

Negli ultimi anni della sua vita, il generale Moravec ha lavorato nell’intelligence militare dell’esercito americano come consigliere della Cecoslovacchia.

Morì il 26 luglio 1966 per un attacco cardiaco durante un viaggio negli uffici del Pentagono a Washington.

“Ho ottenuto tutto ciò che ho ottenuto solo con il mio lavoro. Non ho ottenuto nulla gratuitamente. Nelle due guerre che hanno riempito la mia vita, ho preso la parte giusta e ho lavorato con tutte le mie forze per la nazione e la patria Ho sempre preferito questo lavoro piuttosto che i miei affari personali e familiari”, ha detto nelle sue memorie.

Dopo il 1989, František Moravec è stato restituito al grado di generale di brigata e il Presidente della Repubblica gli ha conferito l’Ordine di MR tefánik in memoriam. Nel maggio 1999, il presidente Václav Havel ha conferito il titolo onorifico di unità d’élite: il 601° gruppo delle forze speciali del generale Moravec.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.