L’estrema destra italiana usa la guerra di Putin per mostrare responsabilità

Puoi anche ascoltare l’articolo in versione audio.

La politica italiana di estrema destra Giorgia Meloni è diventata la prima in un anno e mezzo nel sondaggio Critiche implacabili al governo del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il leader della Fratellanza Italiana, l’unico grande partito politico all’opposizione, ha criticato l’ex capo della Banca Centrale Europea per quasi tutto, dall’introduzione dei certificati di vaccinazione alle riforme legislative, a chi arriva a gestire le attività balneari. scrivere Servitori politici.

Ma ciò che concorda fortemente con i due poli della politica italiana è l’appoggio dell’esercito ucraino. Il primo ministro ha ricevuto più sostegno da Meloni che dalla maggior parte degli altri leader di partito della coalizione. I politici di destra hanno descritto l’invasione della Russia come “un atto di guerra inaccettabile della Russia di Putin contro l’Ucraina” e hanno sostenuto le spedizioni di armi a Kiev.

destra come partner credibile

“Sebbene ci sia un gran numero di persone a destra che criticano la NATO e simpatizzano per la posizione della Russia, Meloni ha deciso di guardare avanti e inviare un messaggio chiaro”, ha affermato il professore di scienze politiche Daniele Albertazzi dell’Università del Surrey. “Voleva dimostrare di essere un rappresentante responsabile dei diritti che il mondo poteva utilizzare per il commercio”, ha aggiunto Albertazzi.

La posizione dura di Meloni su Vladimir Putin è relativamente nuova. Sempre nel 2018 famoso La vittoria delle elezioni presidenziali russe come manifestazione della “chiara volontà del popolo russo”. Ma un anno prima delle elezioni parlamentari, ha apportato grandi cambiamenti nei suoi rapporti con il capo di stato russo.

Poiché Meloni si è costruito una reputazione come combattente di estrema destra su questioni come l’immigrazione e i diritti LGBTQ+, il suo sostegno alla NATO e all’Ucraina gli offre l’opportunità di assumere la posizione di qualcuno meno radicale, scrive Politico.

Ma la resilienza di Meloni in Russia arriva in un momento in cui i suoi più grandi rivali nello spettro populista stanno cercando di differenziarsi dal resto della coalizione di Draghi. Metà dell’Italia è contraria alle spedizioni di armi in Ucraina, consigliare indagine.

Le armi in Ucraina hanno diviso il movimento del governo

Martedì, il Movimento Cinque Stelle anti-establishment si è persino diviso su questo problema. Luigi Di Maio, ex leader del partito e attuale ministro degli Esteri, è partito con i suoi sostenitori dopo aver criticato il leader del gruppo ed ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte per aver chiesto di fermare le esportazioni di armi in Ucraina. Ma il governo Draghi non dovrebbe essere in pericolo anche se il resto del Movimento Cinque Stelle lascia la coalizione.

Nel frattempo, il sostegno alla Lega di estrema destra, che resta parte del gabinetto di Draghi, è fortemente diminuito. Nonostante il suo gruppo abbia un accordo di cooperazione con la Russia Unita di Putin, il suo leader Matteo Salvini ha inizialmente scelto di inviare armi in Ucraina. Di recente, tuttavia, aveva tentato senza successo una missione di mantenimento della pace a Mosca.

“Meloni deve molto dei suoi risultati a Salvinim”, ha detto Laura Boldrini, esponente del Pd di centrosinistra. “Ha cambiato idea su tante questioni e questa oscurità gli ha dato un vantaggio. Dovrebbe ringraziarlo ogni giorno”, ha pensato Boldrini.

Se Meloni guida il governo italiano, come prevedono gli attuali sondaggi pre-elettorali, il suo compito principale, secondo gli scienziati politici, sarà quello di cambiare la sua immagine pubblica da radicale a moderata.

Tuttavia, attualmente sta fallendo in tutte le aree e soffre di schizofrenia. Ad esempio, in una campagna pre-elettorale in Spagna a sostegno dell’estrema destra Vox, ha espresso la sua opposizione a quella che ha chiamato la “lobby LGBT” e all’immigrazione. SU conferenza I partiti conservatori all’inizio dell’anno, ad esempio, erano tra i più forti critici della Russia.

Andrea Delmastro Delle Vedove, membro del Partito Meloni, smentisce che il presidente e le sue opinioni siano estreme: “È un estremista perché difende l’identità di genere e l’universalità della croce?” In seguito divenne un buon amico di papa Francesco. Lo chiamereste estremista? La politica ha risposto.

“Era persistente da entrambe le parti”, ha detto Meloni Albertazzi della politica. “Cerca di difendere il suo partito di persone che pensano che il fascismo abbia fatto del bene, usa parole in codice come onore e nazione e assume posizioni estreme nella guerra culturale contro le politiche di genere e l’adozione di bambini da parte di omosessuali”, ha aggiunto la scienza politica. professoressa.

Ma quando si parla di politica economica, non è troppo lontano dai partiti di centrodestra come Forza Italia guidato dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Gli piacciono i piccoli stati, i tagli alle tasse e il sostegno alle piccole imprese, spiega Albertazzi.

Era fondamentale per il successo di Meloni che rappresentasse la destra nazionalista tradizionale meglio di Salvini e che rimanesse fuori dal governo, ha detto Albertazzi. “Ciò non significa che funzionerà tra tre o quattro anni”, ha aggiunto.

Adriana Femia

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.