Lo spazio fiscale per il pass carburante 3 è stato assicurato

Da Taso Dasopoulos

L’aumento dei consumi privati ​​e il secondo trimestre dell’anno nonostante la continua rivalutazione, ma anche la cattura della prima entrata aggiuntiva dal turismo assicura il prossimo pacchetto di misure di sostegno alla puntualità di arrivare in autunno.

In particolare per i consumi privati, nel primo trimestre la spesa finale di famiglie e imprese è aumentata del 10,4%. Tuttavia, il primo trimestre di quest’anno viene confrontato con il primo trimestre del 2021, quando sono ancora in vigore restrizioni per contenere la diffusione del coronavirus in settori come la ristorazione, l’intrattenimento, il turismo e la cultura.

Sulla base dei dati pervenuti di recente al ministero delle Finanze, sembra che il secondo trimestre di quest’anno i consumi stiano andando bene con il tasso di crescita che si avvicina al primo trimestre. È importante sottolineare che la misurazione non si basa solo sulla spesa dei consumatori che include aumenti dei prezzi al dettaglio, ma anche sul volume delle vendite di prodotti e servizi. Ciò significa che fino a fine giugno i consumi delle famiglie e delle imprese non hanno mostrato affaticamento nonostante l’elevata inflazione. Questo fatto continuerà a riempire l’erario pubblico di maggiori entrate IVA. Lo dimostra anche l’eccedenza di 754 milioni di euro, registrata alla fine dei cinque mesi di gennaio e maggio, annunciata lunedì dal GLC.

Sorrisi anche dal turismo

La seconda fonte di ottimismo è il reddito da turismo. Sulla base dei risultati della prima misurazione per il periodo aprile-giugno, il fatturato turistico supera il 90% del fatturato 2019, ancor prima di raggiungere il picco della stagione turistica nel bimestre luglio-agosto. Sulla base delle prenotazioni fino ad ora, si stima che, se il tempo lo permetterà, anche la stagione turistica di quest’anno verrà prolungata come l’anno scorso fino a metà novembre. La differenza tra il 2021 e il 2022, l’anno scorso la stagione turistica è iniziata lentamente da fine maggio, mentre quest’anno è entrata nel suo terzo mese. Inoltre, sulla base dei dati del Ministero del Turismo e del reddito medio consumato dal nostro Paese quest’anno, un aumento del 10-15% rispetto allo scorso anno. Pertanto, il turismo quest’anno può generare fondi con un fatturato che supera il 2019

Pacchetto di supporto successivo

Con questi dati, una fonte competente del Ministero delle Finanze ha sottolineato che il prossimo sussidio per il carburante potrebbe essere maggiore per beneficiario se i prezzi continueranno a salire durante il resto dei mesi estivi. Riguardo alla possibilità di un ulteriore aumento del numero dei destinatari, hanno sottolineato che con il pass carburante 2 dove i potenziali beneficiari raggiungono 3,1 su 3,5 milioni di proprietari di auto, potremmo essere vicini a un “tetto” visti i criteri per un aumento reddito fino a 45.000 per una famiglia con tre figli.

I restanti 400.000 proprietari sono stati abbandonati perché, in base alla dichiarazione dei redditi, hanno più o meno superato tale limite. “Il nostro obiettivo è che queste azioni colpiscano i gruppi economicamente vulnerabili, così come la classe media”, hanno affermato.

In questa direzione, sottolineano che se c’è un ulteriore margine di entrate, sarà diretto a supportare le persone economicamente vulnerabili attraverso l’accuratezza della rete. In questo modo si aprono la possibilità di interventi adeguati con “controlli di accuratezza” in autunno. Tuttavia, hanno sottolineato che in ogni caso tutto dipenderà dal prezzo dell’energia elettrica in quanto esiste la possibilità che l’intervento per la risoluzione indiretta della clausola di riadeguamento costi più del previsto.

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.