L’ottava tappa del Giro d’Italia va a Thomas de Gendt; Richard Carapaz chiude al 38° posto | Altri sport | Sport

L’ottava tappa del Giro d’Italia, con partenza e arrivo a Napoli, con un percorso breve ma tortuoso di 153 chilometri, è stata per il belga Thomas de Gendt (Lotto Soudal) in volata ridotta e in cui lo spagnolo Juan Pedro López (Segafredo Tracks) ) non ha problemi di manutenzione Maglietta Rosa.

De Gendt ha confermato il suo attacco coprendo una distanza di 42 chilometri insieme al compagno di squadra e connazionale Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), all’italiano Davide Gabburo (Bardiani CSF) e allo spagnolo Jorge Arcas (Movistar).

Dopo De Gendt hanno tagliato il traguardo, Gabburo secondo e Arcas terzo.

Juanpe López arriva a fianco del gruppo e continuerà a indossare per il quinto giorno consecutivo Maglietta Rosa, in attesa del temuto arrivo questa domenica al Blockhaus nel nono giorno di alta montagna e in attesa che i primi favoriti inizino a reprimere le proprie forze e quella dell’avversario.

ecuadoriano Riccardo Carapazoleader Ineos Grenadiers e che ha tagliato il traguardo per finire decimo nella tappa di giovedì, finendo 38°, dietro al suo connazionale e compagno di squadra, Jonathan Narvaezche è scivolato al 34° posto, entrambi dopo un tempo di tre a 3 minuti e 33 secondi dal vincitore di giornata.

Carapaz Ha perso un posto in classifica generale, a dodici, due minuti e sei secondi dietro Juanpe López. locomotiva del Carchi ha battuto il francese Romain Bardet (2:06) e l’australiano Richie Porte (2:04), lo spagnolo Pello Bilbao (2:00), il portoghese Joao Pedro Gonçalves (1:58), l’olandese Wilco Kelderman (1:1) 55) , Mauri Vansevenant del Belgio (1:47), Simon Yates dell’Inghilterra (1:42), Guillaume Martin della Francia (1:06), Rein Taaramäe dell’Estonia (00:58) e Lennard Kämna della Germania (0:38) .

Fase di sviluppo 8 Giro

Il gol di 42 chilometri dall’arrivo di De Gendt insieme al suo connazionale e compagni di squadra Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), all’italiano Davide Gabburo (Bardiani CSF) e allo spagnolo Jorge Arcas (Movistar) è stato il culmine della giornata fin dalle prime battute segnale di non tregua per i giocatori partecipanti.

Il gruppo si è fermato al chilometro zero per riunire alcuni ciclisti con problemi tecnici, ma quello era partire e formare il primo gruppo di sei unità prima del gruppo che sembrava essere in attesa di vedere cosa fosse successo.

Con il sestetto in testa, il movimento all’interno del gruppo inizia a verificarsi con una mezza dozzina di corridori intervallati fino a quando dietro il sempre irrequieto olandese Mathieu van der Poel (Alpecin Fenix) decide di provare a unirsi al gruppo di testa.

Il nome del nipote di Raymond Poulidor compare ancora e ancora in questi momenti decisivi dell’ottava tappa e non lascia spazio a coloro che discutono della vittoria fino alle ultime yard.

Van der Poel si è staccato e ha cercato di prendere velocità per aprire il divario, ma senza trovare coinvolti i suoi compagni di squadra. Così, ha deciso di provarlo lui stesso, ma nessuno nel piccolo gruppo era disposto a lasciar andare le sue avventure.

Completati i venti chilometri, in testa alla corsa si formò un piccolo plotone di ventuno unità con diversi specialisti della fase venatoria, come Van der Poel, il belga Thomas de Gendt (Lotto Soudal), l’eritreo Biniam Girmay ( Intermarche Wanty), tra gli altri, sono Harold Tejada (Astana) dalla Colombia o Diego Ulissi dall’Italia (UAE).

L’unico rappresentante spagnolo a raggiungere il gruppo di testa è stato Jorge Arcas, anche se tra questi il ​​più importante e pericoloso per il generale è stato il francese Guillaume Martin (Cofidis), che si trova a soli 4:06 dal rosa Juanpe López.

Dopo aver tenuto il polso del plotone per qualche chilometro, i fuggiaschi hanno cominciato a vedere come a poco a poco i guadagni crescessero con gruppi numerosi ma senza preoccuparsi. Inoltre, da dietro sembrava che nessuno volesse ignorare il palcoscenico e la differenza non è arrivata a un termine allarmante.

Gli uomini di testa hanno fatto un passo davanti agli inseguitori per chiarire che almeno fino a quando non hanno visto come avrebbe risposto Juanpe López al Blockhaus, non erano disposti a rinunciare alle rose e la barriera dei tre minuti non li avrebbe lasciati superare esso.

Dopo che il polso è stato equilibrato tra il leader e il grande plotone, il fulmine si è riattivato nella salita del Lago Lucino a 46 chilometri dal traguardo.

Non era altro che Van der Poel, ma una forte risposta è stata trovata dai suoi avversari che non lo hanno lasciato andare oltre. Il tiro alla fune tra loro durò diversi chilometri, ma senza consolidamento, sebbene più di uno non potesse ricongiungersi.

Quasi senza aspettare di sospirare, questa è la chiave per la risoluzione della tappa, solo quattro chilometri dopo il primo attacco è arrivato il contrattacco del quartetto che è stato in grado di aprire un varco, quando nel gruppo di testa il divario è cresciuto fino a quattro minuti.

Il vecchio Fox De Gendt leggeva perfettamente cosa poteva succedere e sapeva che questa sarebbe stata una mossa sicura.

Thomas de Gendt e Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), gli italiani Davide Gabburo e Jorge Arcas erano chiari che questa poteva essere la loro occasione, non potevano lasciarla passare e hanno unito le forze. Tutti vengono a collaborare e i profitti si avvicinano di minuto in minuto.

Di fronte a questa prospettiva, Van der Poel, Girmay, Martin, l’olandese Wout Poels (Bahrain Victorius) e lo svizzero Mauro Schmid (Quick Step Alpha Vinyl) cercano di correggere una situazione che a volte si complica, ma dopo il primo colpo diventa importante. quando hanno visto di nuovo come il quartetto è tornato indietro in mezzo minuto.

I quattro leader non hanno perso la faccia e hanno continuato la loro attività, ricevendo notizie sempre più positive che avrebbero potuto anticipare le proprie possibilità di ottenere una vittoria parziale. Di loro solo uno, De Gendt con 16 vittorie parziali, sa cosa significa alzare la mano alla vittoria. Gli altri sognano di battere il loro record con niente di più e niente di meno che un grande palco.

Il polso è ancora vivo. L’ultima salita negli ultimi dieci chilometri e con il Napoli in vista, lasciando le teste dei suoi inseguitori a soli 16 secondi di distacco. Tutto può ancora succedere e con Van der Poel e Girmay alle spalle, che lanciano una nuova serie di vittorie consecutive con un’autonomia di 8 chilometri, nessuno può essere sicuro di nulla. Olanda ed Eritrea li avevano nel mirino, anche con lo striscione del goal che lo accarezzava, ma non si sono fatti beccare.

Da dietro c’è anche del movimento e il tedesco Lennard Känma (Bora Hansgrohe) prova a sorprendere Juanpe López a dieci chilometri di distanza, nell’ultimo tratto di salita, che non ha problemi a controllarlo. (D)

Giro d’Italia (tappa 8) – Diretta

(D)

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.