Muriel e Zapata puniscono Venezia

L’Atalanta ha vinto 1-3 contro il Venezia che dopo questa sconfitta è praticamente retrocesso, con le reti del croato Mario Articleic e dei colombiani Duvan Zapata e Luis Muriel, alla trentaquattresima giornata di Serie A.

L’Atalanta ha vendicato la brutta sconfitta in campionato, dove ha collezionato tre sconfitte di fila, con l’ultima squadra in Serie A. Gli uomini di Gasperini hanno dominato dall’inizio alla fine quello che sarebbe potuto succedere contro di loro nel primo minuto.

Un colpo di testa del francese Thomas Henry ha licenziato in casa il Venezia, che all’epoca vedeva aumentare le proprie possibilità di salvezza, ma il gol è stato annullato dal VAR per fuorigioco.

Dominio totale di Bergamasques, che perlustra costantemente l’area con l’attivissimo Muriel, cadendo a ricevere e tirare pugni profondi. Il primo gol è arrivato, infatti, dopo una grande azione individuale dell’attaccante, che ha colpito con decisione un difensore. Il rimbalzo è stato lento e Articleic è stato spietato. La partita di Venezia è durata 43 minuti, fino alla prima parte del tramonto.

Leggi anche: L’Arsenal tiene fuori Cristiano e United dalla Champions League

Difficile per il Venezia segnare un gol poco prima di affrontare il tunnel degli spogliatoi, ma è stato ancora peggio prendere un altro gol appena iniziato il secondo tempo. Ancora una volta Muriel è riuscito a sbarazzarsi di diversi rivali, ha colpito la linea di fondo e ha passato la palla al connazionale Zapata in modo che potesse solo spingerla. 46 minuti, la partita e il Venezia sono stati puniti, e il decimo gol in campionato di Zapata.

La spinta degli ospiti, guidata da Muriel in attacco, non si è fermata. Il colombiano vuole il suo obiettivo e non si fermerà finché non lo raggiungerà. Il bastone si è messo in mezzo in un’occasione, ma nella partita successiva ha completato un cross dell’italiano Davide Zappacosta firmando il suo sesto gol del campionato nazionale.

A 10 minuti dalla fine, il Venezia si ferma con un gol dello sloveno Domen Crnigoj.

Con questa vittoria, ‘Dea’ resta all’ottavo posto e si avvicina, anche se a una partita dalla fine, alla battaglia tra Fiorentina, Lazio e Roma per un posto europeo, mentre il Venezia saluta la massima categoria del calcio italiano.

Inoltre, il Torino ha battuto in casa lo Spezia (2-1) con la doppietta del serbo Sasa Lukic che lascia il Torino all’undicesimo posto, mentre lo Spezia è al quindicesimo.

EFE

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.