Mutua Madrid apre l’ingiustizia con Fernando Verdasco

invito da Mutua Madrid Open il sorteggio per le finali maschili e femminili e per le qualificazioni ai 1.000 Master maschili e femminili hanno generato molte polemiche. Il torneo della capitale ha preso una decisione controversa di non darlo carta jolly un Ferdinando Verdasco, numero uno della Madrid Tennis Federation e numero 121 dell’ATP. L’ex numero sette del mondo non giocherà in casa dopo essere stato escluso dall’organizzazione e non potrà partecipare per classifica.

L’invito più importante è stato quello dato al doppio campione del torneo Andy Murray ed ex numero uno WTA, Noemi Osaka. il riposo carta jolly lasciato per Carlos Gimeno, Lucas Pouille e Jack Drapernel box maschile, e per Linda Fruhvirtova, Monica Puig, Marta Kostyuk Voi qinwen zhengal femminile.

Ciò che colpisce di più è la scarsità di tennisti spagnoli nei tornei in questi punti di accesso. Questo fatto ha un impatto su diversi giocatori nazionali che non possono entrare in base alle classifiche e non sono stati invitati come Carlos Taberner, Bernabé Zapata, Pablo Andújar, Roberto Carballés e Nuria Parrizas. Voi Aliona Bolsovaoltre al già citato Verdasco.

Va ricordato che il madrileno ha subito negli ultimi due anni un calvario con due interventi chirurgici al ginocchio e al gomito che gli è costato un posto in classifica, ma è tornato a giocare per recuperare il suo miglior tennis. “Prima dell’annuncio di oggi Mutua Madrid Open Per quanto riguarda gli inviti che offriranno per il torneo di quest’anno, molti giocatori spagnoli non possono fare a meno di esprimere la nostra opinione. Siamo sorpresi, oltre che molto frustrati, dal fatto che il più grande evento di tennis della Spagna stia mostrando così poco (o nessun) supporto per i tennisti spagnoli con gli inviti dati, specialmente per il tabellone principale”, un commentatore arrabbiato. Verdasco.

«Non capiamo che le società che promuovono e sono proprietarie dei tornei gli sembrino ragionevoli. criteri per dare questo invito. Comprendiamo che alcuni di loro hanno dato loro la propria discrezione, ma non in tutti la loro importanza commerciale è stata vittoriosa sullo sport spagnolo e ha deviato completamente dal percorso seguito negli anni precedenti. Abbiamo molti tennisti che sono stati alle porte per poter partecipare e sono stati ignorati nelle loro richieste di accettare gli inviti. Se guardiamo ad altri tornei della stessa categoria, il supporto mostrato ai tennisti locali è molto alto. Senza andare oltre, torneo Roma, che si è svolto una settimana dopo quello di Madrid, ha annunciato i suoi primi cinque inviti e tutti sono per tennisti italiani”, lamenta uno Verdasco che ha criticato i criteri per la concessione dell’invito.

“Crediamo fermamente che i principali sponsor del torneo, compresi Comune di Madrid, Mutua Madrileña e le società spagnole (così come la federazione spagnola e la maggior parte del pubblico nazionale) vogliono sostenere il tennis spagnolo e investire in questo torneo con l’obiettivo di aiutare il nostro sport e non vedono l’ora di vedere una possibile presenza spagnola, quindi immaginiamo che condividano la delusione e speriamo che dimostri anche questo. Riteniamo sia molto importante comunicare quanto siamo tristi di non poter giocare nel nostro paese e condividere la situazione in cui abbiamo perso questa opportunità. Un grande grazie a tutti voi che ci avete chiesto e mostrato il vostro sostegno da quando avete visto questa notizia”, ​​ha detto.

interessi commerciali

Verdasco Si è lamentato del fatto che gli interessi commerciali avessero la precedenza sugli interessi sportivi e ha sottolineato che a Roma avevano dato più inviti ai tennisti locali. Il motivo della mancanza di inviti per i tennisti spagnoli è dovuto all’inclusione di agenti rappresentativi foto come uno dei proprietari del torneo. Per questo motivo la maggior parte degli accessi alla sede è stata visitata dai tennisti da loro rappresentati.

Dopo aver letto la lettera di Verdasco, Paola Badosa Ha reagito e ha mostrato il suo sostegno al tennista madrileno sui social network: «È così triste vedere qualcosa del genere per il tennis spagnolo quando c’è così tanto potenziale… Ho partecipato al torneo un anno fa per il WC e mi ha fatto uno dei migliori tornei della gara I. Un torneo che non dimenticherò mai grazie a WC. È una grande opportunità per tutti, ed è un peccato che l’unico torneo che abbiamo a quel livello sia quello che sta succedendo… Dobbiamo dare ai nostri tennisti l’opportunità di continuare a crescere.

Proprio Verdasco Lui rispose e la ringraziò per le sue parole: «!Grazie Paola Badosa! Il supporto di qualcuno che, pur non essendo danneggiato (cosa che di solito non sembra molto in questo sport egoistico) è apprezzato, si prende comunque cura delle virtù del tennis spagnolo.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.