“Non ho bisogno di difendermi”

Nonostante il Tour of the Alps sia scivolato nell’ultima giornata, nella quale ha perso contro Bardet, Pello Bilbao sta dimostrando il suo potenziale e guarda con ottimismo al prossimo Giro d’Italia.

Bilbao – Ciclista consapevole, resistente alle pose, di Pello Bilbao (25 febbraio 1990, Gernika) risultati e affidabilità parlano da soli. In costante crescita, uno di Gernika ha quest’anno due vittorie di tappa, una a Itzulia e un’altra al Giro delle Alpi dove è stato leader fino all’ultimo giorno. In precedenza è stato sul podio dell’UAE Tour, quinto alla Strade Bianche e nono alla Tirreno-Adriatico. Nonostante i suoi successi, Biscayan fugge dai luccichii e preferisce continuare a distinguersi per regolarità mentre affronta uno sconto per affrontare il Giro, il suo prossimo obiettivo, che raggiunge al “tempismo perfetto”. Tuttavia, non sa quale sia il suo ruolo nella corsa italiana. “La squadra può fidarsi di me. Sanno già di cosa sono capace. Decideranno quale ruolo mi vorrà dare al Giro”.

Era molto vicino alla vittoria al Giro delle Alpi, ma il generale gli è sfuggito l’ultimo giorno. Che equilibrio fai dalla gara?

-Ovviamente poteva andare meglio con l’ultima vittoria, ma poteva andare peggio. Se guardo alla gara nel suo insieme, a parte le piccole delusioni dell’ultima giornata, mi è chiaro che aver vinto una tappa ed essere stato il leader per qualche giorno ripagherà. Traggo una conclusione molto positiva. Alla fine non è riuscito a salire sul podio, ma non lo vedo come un disastro, tutt’altro.

Ha dimostrato di essere ad alto livello nella prima parte della stagione. Due vittorie, una buona posizione e la sensazione di essere un pilota molto regolare.

-La mia idea, sempre, è di tenere le cose in ordine. Penso che sia la mia migliore virtù. Non è facile essere un regolare, è molto difficile, perché nelle gare succedono molte cose. Nei momenti chiave pensavo di essermi esibito, anche se a volte ho avuto dei problemi. In Strade avrei potuto andare oltre ma ho accoltellato nel momento chiave. È vero che il podio delle Alpi o di Itzulia mi ha mancato di poco, ma mi sono comportato ad un buon livello. Ho vinto tappe in entrambe le gare e sono stato vicino al podio in entrambe. Lo firmerei in un’altra gara, anche se è chiaro che vuoi sempre migliorare.

Il Giro d’Italia è alle porte, quali sono i tuoi obiettivi?

–Sono arrivato nel momento perfetto per affrontare il Giro. Ero 5° e 6° al Giro, nono nell’ultimo Tour e ho vinto delle tappe. In tal caso la squadra può fidarsi di me. Sai di cosa sono capace. Decideranno loro quale ruolo mi vorranno dare al Giro. Sono chiaro che sono un lavoratore. Ho sacrificato quello che mi hanno detto. In questo aspetto sono calmo. In due settimane è iniziata la gara e sono arrivato bene. Rimangono solo alcune piccole modifiche. Sono uscito molto bene dal Tour delle Alpi. Comunque, mantengo la regolarità che ho dimostrato, penso di essere un pilota molto affidabile per la squadra. Garanzia.

Dava l’impressione di essere apprezzato in quel momento. Ti dà una certa rabbia il fatto di non essere più riconosciuto?

Non ho bisogno di difendermi. Ho dimostrato la mia abilità. So chi sono e sono felice del lavoro che faccio; Non credo di essere riconosciuto più o meno per questo. Non sto cercando più riconoscimenti e applausi. Ovviamente a qualcuno piace essere ricompensato, spinto, questo è chiaro, ma non mi manca un seguito più grande della stampa o altro. Non ho fatto il mio lavoro per ricevere applausi. Sono un professionista e amo il mio lavoro. Farlo bene mi rende felice. Non ho la sensazione di non essere apprezzato. La squadra ce l’ha fatta e questo è ciò che conta per me. Che sia un pilota chiave per la squadra è tutto ciò che conta. Voglio fare bene per me stesso e per la mia squadra. Meglio faccio, meglio è per me perché la squadra avrà bisogno di me.

Il Bahrain mostra un livello molto alto. Qual è la chiave per farlo funzionare correttamente?

–Al di là della qualità e della competitività dei ciclisti, la chiave della nostra squadra non è la competizione interna. Andiamo d’accordo e non credo sia difficile per noi lavorare per l’uno o per l’altro. Questa non è una squadra in cui ci sono molti galli e alcuni vanno in una direzione e altri nell’altra. Penso che l’unità ci renda una grande squadra. Nessuna gelosia o vibrazioni negative. Contribuisce a poter improvvisare a seconda di come va la gara. Ricordo che al Giro dell’anno scorso abbiamo perso Mikel Landa in un incidente, ma siamo saliti sul podio con Damiano. Questa è la logica. Possiamo anche cambiare le cose. È molto interessante. Ti riempie anche il fatto che essere protagonista di una gara non significa necessariamente che qualcuno vinca. Mi è piaciuto molto il palco. A volte ribaltare una gara sembra più forte che vincere.

Tuttavia, ottenere la vittoria è stato incomparabile.

-Vincere è una sensazione molto piacevole, l’invincibilità. Rappresenta l’euforia. È indescrivibile. Ha anche più riverbero rispetto al settimo posto nel Tour ed è qualcosa che costa meno. Diventare bravo in tre settimane è molto difficile. Devi essere molto organizzato, costante e tutto ti sta andando bene, a parte arrivare in ottima forma e in ottima forma. Quello che succede è che una posizione non è valutata tanto quanto una vittoria di tappa, che ha più copertura e riconoscimento da parte dei media. Vincere una tappa è una sensazione unica e costa meno che raggiungere un’ottima posizione in una posizione importante. Inoltre, più visibile alle persone. Essere sempre in prima linea nelle grandi cose implica un duro lavoro brutale e usura in tutti gli aspetti, ma è sottovalutato.

Aveva recuperato la scintilla quando si trattava di finire. Ha sconfitto Alaphilippe di Itzulia, ciclista dalle straordinarie capacità di rifinitura.

-Mi sono reso conto che una stagione in cui ho corso quattro major di fila era un po’ noiosa per me, non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Anche il focus è cambiato. Se l’obiettivo è essere in prima linea nelle grandi cose, è probabile che ti perdi d’animo poiché altri aspetti vengono influenzati. In questa pre-stagione mi sono riposato, abbiamo apportato alcune modifiche e con quell’approccio posso avere una scintilla per l’arrivo. L’idea è di arrivare più freschi alle gare. Il nostro obiettivo è ottenere freschezza. Abbiamo raggiunto questo obiettivo con alcune piccole modifiche.

Sei entusiasta di lavorare per migliorare. Cambia pedalata per essere più efficace. Stai ottenendo risultati?

-Le modifiche alla pedalata ripagano. Lo vediamo nei dati e anche che pedalare è più ortodosso ed estetico. Ma l’obiettivo è sempre quello di essere più efficaci. Più migliora. Il mio obiettivo è continuare ad essere un ciclista migliore ogni giorno.

“Ci piace essere apprezzati, incoraggiati, questo è chiaro, ma non mi perdo un seguito o un riconoscimento più grande”

“Sto mantenendo la regolarità che ho dimostrato, penso di essere un pilota molto affidabile per la squadra. Una garanzia”

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.